Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Purtroppo tutto procede così velocemente che ogni risposta, a distanza di qualche giorno, sembra ormai datata. D'altra parte abbiamo il privilegio (o forse la sventura) di vivere eventi che sicuramente faranno storia, e un prezzo, qualunque esso sia, lo dovremo pur pagare.Torno quindi a disturbarla sugli stessi argomenti a cui Lei risponde ormai quasi giornalmente. Dunque riguardo ai rendimenti negli Usa, che hanno bruciato i precedenti target con una velocità impressionante, volevo chiederle se è realistico stimare ulteriori obiettivi al ribasso. Se ritiene cioè che in un contesto deflazionistico come quello attuale e in una situazione in cui gli investitori cercano il ritorno DEL capitale, non il ritorno SUL capitale (come Lei ha detto qualche giorno fa), possa perdurare nel tempo la sottoscrizione di titoli di Stato che rendono zero, se sono a breve termine, e il 2,5% se si tratta di un trentennale. Volevo poi capire se quando, a fronte del forte e contemporaneo rialzo di S&P 500 e T-Note, Lei dice che "uno dei due mercati ha mentito", deve essere inteso come un consiglio a stare lontano dai titoli di Stato.
Riguardo alla Sua analisi sul dollaro di ieri volevo chiederle se per "reazione immediata" si deve intendere un ritorno sopra il fascio di medie mobili indicate sul grafico oppure, più semplicemente, la riconquista in tempi brevi di un certo livello. Leggi la risposta...
Qualche giorno fa, in risposta ad alcune domande, non era ancora favorevole all'investimento di titoli corporate.
Ritiene che gli attuali livelli record di spread rispetto ai titoli di stato possano ancora crescere?
Secondo lei corporate di aziende di larga capitalizzazione a 2/3 anni e investment grade non possono rappresentare in questo periodo di auspicati e annunciati tagli dei tassi ufficiali una valida alternativa, un buon rapporto rischio/rendimento, rispetto ai titoli di stato che hanno, all'opposto, raggiunto una (almeno temporanea) sopravvalutazione?
Insomma titoli di emittenti come FIAT (scad 2010/2011 a tassi nominali di oltre il 6% e prezzi dal 96 in giù, fiat mi pare in una situazione finanziaria completamente diversa dal quasi fallimento di alcuni anni fa), Renault, Bmw (è chiaro che attualmente il settore auto è uno dei più penalizzati dalla crisi), General Electric, Carrefour, ecc. ecc. e per scadenze 3/4 anni li vedo abbastanza bene per un cassettista che vuole migliorare la performance complessiva della parte obbligazionaria.
Io non credo che questi emittenti possano nel breve fallire. Alcuni avranno difficoltà nel raggiungere gli obiettivi di utile, dovranno ridimensionarsi, ma penso che in questo momento nessun paese possa permettersi di perdere queste aziende.
La situazione mi ricorda molto quella vissuta nel periodo 2001/2002, quando titoli obbligazionari di tante società in difficoltà e non (Fiat, Vivendi, assicurativi, telefonici, industriali etc. etc.) erano poco liquidi, avevano quasi raggiunto valori da default e hanno rappresentato una ottima opportunità di investimento.
Nel caso non sia ancora il momento di investire in corporate quale può essere il segnale per farlo? Leggi la risposta...
Questi sono giorni davvero difficili in particolare per la confusione venutasi a creare. Sembra che lasciare i propri soldi in cash sia la soluzione migliore.

Ritiene che ci sia una asset class nella quale investire?
Cosa ne pensa degli investimenti in carry trade?
Consiglierebbe ancora l'acquisto di opzioni PUT? Leggi la risposta...
Nell'eventualità di andare lunghi di dollaro contro euro, e di scegliere come veicolo le obbligazioni BEI, quali scadenze sarebbero preferibili? Leggi la risposta...
Quale asset consiglia per il "dopo minimo" dei prossimi giorni??
In una recente mail ricordo di aver letto che BCA Research consigliava anche di acquistare corporate bond. Curiosando sul sito della mia banca ho trovato alcune obbligazioni del settore auto dai rendimenti veramente interessanti quotate sia in ? che in $. Parlo delle emissioni di GM e Ford i cui rendimenti vanno dal 10,30 al 12,60. Tutto vero??? Che ne dice??? qual'è il reale livello di rischio che si nasconde sotto dei rendimenti così elevati?? Leggi la risposta...
La prego di aiutarmi a comprendere meglio il contesto relativo alla convenzìenza tra titoli di stato e azioni.
Figura 19 dell'outlook: convenienza relativa della azioni.
Mi è chiaro il concetto sul fatto che a p/e più bassi corrispondono valutazioni più convenienti del corso azionario e quindi l'azione e' quotata "più a sconto", in quanto il prezzo è minore.
Il peso dell'utile (e del dividendo) fa si che il risultato migliori (p/e più bassi maggiore convenienza all'investimento azionario).
Ma non colgo la relazione numerica con il rendimentto dei treasury a 10 anni.
pag. 19. L'attuale p/e implica un rendimento delle azioni al 5,2%......da compararsi ad un yeald non superiore al 4% per i titoli di stato americani......
e poi ancora a pag.8 fig. 5: .......alla fine del 2007 le azioni dello s&p rendono appena 2.15punti percentuali in meno rispetto ai titoli di stato a dieci anni... storicamente un premio inferiore ai 2.5 punti percentuali rispetto ai treasury e' sempre stato seguito da vistosi apprezzamenti.

Potrebbe darmi una spiegazione più sintetica o con altre parole? Leggi la risposta...
Vorrei chiederle cortesemente un commento alla notizia che riporto di seguito, in merito ad uno studio pubblicato da non meglio precisati "analisti della city" che descrive l'attuale fase di mercato come "maturing bull". Le chiedo se quello che sta accadendo, secondo lei, individua tale fase di mercato e se sono in atto i comportamenti descritti in questo report. Leggi la risposta...