Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Volevo restare nell'ambito degli indicatori (alcuni piuttosto originali) proposti nel "Laboratorio" a pagina 5 del Rapporto Giornaliero, commentando l'indicatore in oggetto, che qualche giorno fa ha raggiunto una posizione estrema... Leggi la risposta...
Ho un nuovo Cliente interessato ad investire in azioni con redditività perlomeno costante.
Il mio parere è che possono essere alternativi (con tutti i ma e se) ai BOND.
Da qualche parte mi sembra che avesse fatto già un elenco...
Inolltre gradirei conoscere la situazione di E.G.P. che ho sottoscritto l'IPO (quantità minima) e, in seguito, ho fatto altri acquisti a prezzi inferiori a 1,60. È possibile una analisi sul titolo? Leggi la risposta...
Complimenti per il suo 2011 yearly outlook, ma Le vorrei chiedere una delucidazione.
A pag. 65 Lei indica che esiste la possibilità per ulteriori margini di miglioramento nell'area dei corporate bond.
Potrebbe cortesemente indicarmi degli strumenti finanziari che reputa opportuni per coprire questa tipologia di investimento? Leggi la risposta...
Questa mattina mi sono dilettato nella lettura dell'Update Oulook 2010, in attesa del 2011. Vorrei chiedere un chiarimento.

Si parla del Vix, correlando una sua diminuzione ad un aumento degli indici azionari. Guardando però il grafico che allego che vede già il Vix verso i 17-18 mi sorge un dubbio.
Secondo lei è cambiato qualcosa oppure sarà possibile avere un Vix verso lo zero che riporti gli indici ad una crescita fino alla fine del 2012? Leggi la risposta...
Vorrei dunque concentrare l'attenzione sull'argento e sul rapporto oro/argento.

L'argento è stato oggetto di alcune particolari attenzioni da parte della speculazione negli ultimi 40 anni: pure il signor Warren Buffett si impegolò in un accumulo di argento fisico per farne salire le quotazioni, senza peraltro ottenere risultati eclatanti.

Le ampissime oscillazioni a seguito della correzione dell'autunno 2008 (che io paragono come valenza tecnica alla correzione nell'azionario di wall street del 1987 cui seguì un colossale bullmarket) sono state frutto di comprovate manipolazioni delle grandi banche d'affari e anche per il fatto che il mercato dell'argento è molto più sottile di quello dell'oro.

Pare che negli ultimi mesi a seguito della rottura rialzista dei 18 dollari e ancor più della barriera dei 20, gli ostacoli delle vendite ribassiste volte a deprimere il mercato siano venute meno. Tecnicamente l'argento ha dimostrato con forza di essere in un possente bull market.
Ciò nonostante la salita dai 20 ai 30 essendo stata così veloce (rialzo in due mesi del 50%) non ha avuto molto modo di consolidare.

Secondo Lei è stata sufficiente la correzione avutasi in area 25 oppure, visto che l'argento pare abbia voglia nel lungo periodo di andare oltre i 30 e non guardarsi più indietro è necessaria una pausa di consolidamento maggiore e un ritorno come ho precedentemente menzionato in area 22-23?
E per quanto riguarda il rapporto argento-oro quali sono gli obiettivi più vicini?

Mi permetto di commentare sull'euro/dollaro e le conseguenze avute sui mercati.

La manovra fatta ieri dalla BCE in termini di massicccio acquisto di bond è equivalente a quella fatta dalla fed americana.
Questo intervento è giunto tempestivo in area 1,30, quasi a voler segnalare un limite sotto il quale non si vuole vada l'euro.
Ciò è bastato per proteggere le spalle della speculazione che ha coperto in brevissimo tempo obiettivi di rimbalzo sulle materie prime e sulle borse più forti vicino e anche oltre (vedi palladio) i massimi dell'otto novembre 2010.
L'intervento BCE, che per ora è stato efficace, ha introdotto un limite di prezzo dell'eurodollaro come equilibrio soddisfacente per america ed europa (1,30) e ha abbassato la percezione di rischio sui mercati.
Questo basta e avanza per alimentare il trend rialzista in atto.
Un trend che si nutre quasi esclusivamente di flussi e non di fondamentali.

Ora le chiedo un suo commento sul grafico eurodollaro con base mensile ed indicatore macd: non vi è una forte divergenza negativa dell'indicatore che segnala nel medio termine un possibile ritorno in area 1,15?

Questo aumenterebbe sicuramente la volatilità sui mercati... Leggi la risposta...
Nel rapporto di oggi lei indica un obiettivo del rialzo a (omissis), ma anche parlato di una correzione degna di nota a partire dalla prossima scadenza ciclica. Entro quando ipotizza dovrebbe materializzarsi questo rialzo? Entro fine mese o entro la fine del rialzo prevista per inzio anno nuovo? Leggi la risposta...
Faccio riferimento a quell'outlook in cui riteneva interessanti le società legate al M&A.

Ad oggi cosa pensa del M&A europeo ed americano? Ci sono strumenti quotati relativi a questo investimento? Leggi la risposta...
Ho ricevuto questa indicazione di investimento dalla società di gestione Lemanik e volevo sottoporgliela per avere un suo parere.
Può essere utile magari ai fini di copertura sull'azionario? Non sono riuscito però a trovare lo strumento di cui si parla. Leggi la risposta...
Alla luce dell'ultimo rally dell'euro volevo chiederle la sua opinione sulla tempistica di un ingresso sul dollaro e conseguentemente alcune azioni americane con un dividendo superiore al 5%, una buona forza relativa e una forte attività legata alle esportazioni visto che il dollaro debole probabilmente le favorirà nel breve. Leggi la risposta...
Cortesemente le sottopongo 2 richieste di informazioni:

1) il livello di credit default swap dei seguenti istituti:
- Barclays
- Royal Bank of Scotland
- ING
2) una selezione di titoli azionari ad alto dividendo del mercato italiano. Leggi la risposta...