Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Fino a che valore potrebbe spingersi il mib come estenzione del rialzo dopo la seduta drammatica di ieri? (-11,30%) entro fine settimana grosso modo un top? casomai dopo la BCE? Leggi la risposta...
Quale sarà il futuro del Ftse Mib? I 24.000 punti fatti saranno il massimo annuale? Chi è long su questo mercato deve uscire ora o quando in aprile? Leggi la risposta...
Relativamente all'ORO ho letto stamattina che continua ad essere negativo su questo asset, relativamente al ciclo che doveva scadere in giugno/luglio di questo anno, che se non ricordo male aveva menzionato nell'Outlook di inizio anno, come si può andare a catalogare il movimento in atto?
Quando pensa che a questo punto si possa riconsiderare a livello temporale l'acquisto di ORO e che prezzo potrà essere raggiunto?

Relativamente al FTMIB, ha parlato diversi giorni fa di un sottile ghiaccio che ci separa dall'inversione ribassista.
Le chiedo a quale livello dobbiamo fare attenzione se rotto al ribasso?
Se la chiusura settimanale anche di questa settimana dovesse essere inferiore allo SSS di 20180 della scorsa settimana lo possiamo ritenere acquisito?

Quali sono i target rialzisti (se crede che ci saranno ancora delle settimane di positività davanti a noi) o ribassisti nel caso la rottura la dovesse ritenere acquisita?

Sempre relativamente al nostro mercato crede che fino a quando ci sarà positività sul mercato americano di riflesso ne potremmo beneficiare anche noi o ritiene che ad un certo punto il destino del nostro mercato si staccherà da quello di Wall Street seguendo il detto "short term gain, long term pain" che aveva utilizzato nell'outlook di inizio anno, considerata l'avvicinarsi delle elezioni?

Se non ricordo male la sua visione sul nostro mercato era sul lungo periodo negativa, ha parlato di una terza ed ultima recessione prima della partenza definitiva e che nel 2018 era probabile un ritorno della negatività.
Ora considerato il fatto che in Agosto non si è verificata il ritorno della negatività sul nostro indice, come invece era previsto (vds.outlook 2017), pensa che sia cambiata la view di lungo sul nostro indice oppure, considerata anche la risposta che ha fornito alcuni giorni fa ad un quesito, sui titoli del debito italiano, ritiene il ribasso solo rimandato?

Ieri ha segnalato l'inversione ribassista sui titoli della galassia FIAT (Exor, FCA e Ferrari) quali sono i target al ribasso su questi titoli? Leggi la risposta...
Leggo sempre con attenzione i suoi report, ed ero rimasto colpito dalla sua analisi sul FTSE MIB dove dichiarava che il massimo dell'anno lo si sarebbe visto entro il mese di agosto, e non oltre i 22600 punti.
Visto che non si è realizzata l'agognata correzione (mi sembra però che possa esserci ancora del tempo per realizzarla, visto che solitamente settembre è da considerarsi gramo per i mercati), dal suo punto di vista il nostro mercato potrebbe realizzare nuovi massimi per la fine dell'anno...!? Possiamo pensare di ri-entrare su tale mercato...!?

Per quanto riguarda il dollaro poco prima dell'estate affermò che probabilmente entro la fine dell'anno ci sarebbe stato lo ZERO dopo la virgola nel rapporto EUR / DOLLARO.
Visto che il dollaro si è spinto oltre 1,16 da lei atteso come massimo, potrebbe verificarsi la sua idea dello ZERO dopo la virgola (1,09...?) e visto che il dollaro non è andato oltre la soglia di 1,20 (per ora...!) Leggi la risposta...
Con le chiusure di oggi si chiude anche una settimana in cui diversi tra i principali indici mondiali hanno chiuso sotto i rispettivi LSS facendo venire meno quel segnale che durava dal 10 di settembre. Parlo di Dow Jones, Dax30, S&P500, Stoxx600 e forse Nasdaq Composite. Non crede che queste simultanee violazioni avranno delle conseguenze negative significative per i principali listini nei prossimi mesi? Le dico questo perché ho l'impressione che negli ultimi tempi la statistica abbia prevaricato le semplici analisi grafiche, mentre i mercati hanno a mio parere già imboccato la strada della distribuzione. Se, come scrive Lei nel RG del 3 maggio, la fascia compresa fra 1337 e 1382 punti di S&P500 è punto di arrivo di ben 5 distinte proiezioni e siamo comunque in un bull market ciclico, perché non pensare di ridurre strategicamente l'esposizione in vista di una seconda parte di anno che sarà quantomeno più volatile? Leggi la risposta...
Sembra che questi mercati siano veramente vicini ad un punto particolarmente sensibile e tale da potersi classificare come idoneo a sostenere una reazione. I suoi modelli vedono il mercato particolarmente stressato, la grafica pone in bella evidenza la base del canale discendente di lungo sul DJ600 che per completezza ci risparmia di andare a guardare ogni singolo paese.

Aumenta la volatilità nelle ultime sessioni a testimoniare, forse, nervosismo tra gli addetti ai lavori ed anche il nostro indice ( banche in primis) sembra mostrare qualche sussulto di forza relativa.

Che ne pensa del quadro intermarket? Non appare un poco forzata questa idea di volere a tutti i costi tirare il petrolio vicino ai 150$? ora che l?euro sembra voler testare nuovamente 1.60, e forse andare anche poco oltre, appare gioco facile per la speculazione far registrare questa zampata sul greggio? in fin dei conti si potrebbe pensare che non aspettano altro per riversare tutto addosso ai ritardatari.

In effetti ieri in Usa ma ben prima in Europa i titoli dei settori energy mi sembrano stiano soffrendo?forse un segnale che iniziano a monetizzare lauti guadagni per poi ruotare su settori depressi ( banche in primis!)?

Se è possibile che la finanza sia in parte pilotata da questi movimenti voluti da parte dei grandi investitori non crede che proprio questa eventuale ultima ( spero!) estensione possa finalmente condurre al minimo, magari proprio nella prossima settimana?

In fin dei conti uno 0.25% in più nei tassi euro non mi sembra grande danno, oramai, ma un buon pretesto per spingere in basso i dollaro e in su il greggio? ma forse il gioco stà diventando più pericoloso oggi. L?ultima congestione del greggio, quella tra 140 e 133 ha comportato una flessione delle quotazioni al di sotto del precedente massimo relativo (135) testimoniando una iniziale perdita di momentum ( scendere sotto un massimo non lo faceva da tanto tempo)... Leggi la risposta...
E' possibile avere quanto in oggetto ne "il laboratorio", ovvero una volta al cambio mese? In questo momento poi mi sembrano particolarmente importanti! Leggi la risposta...