Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Alla luce dei recenti sviluppi inerenti il mercato dei bond, che considerazioni farebbe?
Secondo lei, bisogna ancora attendere o potrebbe essere venuto il momemto di cominciare ad entrare.
E magari in quale area? Leggi la risposta...
Oggi è uscito il dato dell’inflazione europea, e togliendo la componente energia siamo sui massimi degli ultimi 6 anni se non sbaglio.
Stavo vedendo i tassi a breve in europa e in effetti ho notato una cosa molto interessante, sul settimanale il tasso 2 anni tedesco sta flirtando con la media mobile semplice 200 periodi e in prossimità di quella esponenziale.
Anche se il discorso lo abbiamo già tirato fuori varie volte, io le chiedo, se l’inflazione davvero comincia a camminare e l’economia a marciare perché mai un target di 20% (come descritto nella mail di risposta di oggi) dovrebbe essere assurdo.
Oggi siamo in presenza di un mercato sui massimi con banche e energetici sui minimi, cosa direi molto strana, quante casistiche troviamo nella storia con questo comportamento?
Ieri è uscita una ricerca che ha avuto un’enorme risalto nel settore, ricerca che parlava della crisi delle banche e del fatto che dovrebbero tagliare i costi anche della carta igenica per il bagno, ma come lei ci insegna questa tipologia di articoli dovrebbero essere viste in ottica contrarian giusto?
Se effettivamente l’inflazione salisse seriamente è probabile che la BCE a sorpresa dovrà aumentare “almeno” i tassi di deposito, ma che reazione avrebbero le banche a questo shockante epilogo?
Come sempre la ringrazio e le rinnovo gli ormai usuali complimenti per il lavoro svolto. Leggi la risposta...
In questi giuorni si parla molto della liquidità che le banche centrali stanno immettendo sui mercati e dai primi germogli di inflazione.
Questi due fattori potrebbero essere nemici oltre che del mercato obbligazionario anche di quello azionario?

Come si concilia tutto questo con borse in continua ascesa?
Non siamo in una fase di allarme rosso? Leggi la risposta...
In mio cliente ha preso profitto su strumenti azionari e vorrebbe dirottare le somme incassate su strumenti obbligazionari.
Potrebbe darmi qualche suggerimento? Leggi la risposta...
Faccio appello come di consueto alla sua disponibilità, desidererei la sua opinione circa posizioni su petrolio, oro, america latina e giappone, fino a fine anno, vorrei smobilitare qualcosa per posizionarmi sul mercato USA, cosa liquiderebbe nel caso ? anche tutto? Leggi la risposta...
L'articolo in questione è in netto contrasto rispetto alla sua visione che è sempre esposta e argomentata molto bene nel rapporto giornaliero. Sarei lieto di leggere un suo commento sui vari punti esposti dall'autore. Leggi la risposta...
Le rinnovo i complimenti sul servizio e la competenza, ripeto da consigliare.
Le faccio questa domanda, perché è un po’ che ci sto pensando e volevo sentire il suo parere.
Tutti parlano di inversione della curva in America e in effetti la preoccupazione c’è, guardando le curve dei rendimenti 2-10 in Europa siamo su livelli vicini allo zero anche in Germania e in Francia.
Storicamente (guardando un grafico a 30 o 40 anni) le inversioni delle curve che precedono una vera e propria recessione vengono quando i tassi a lungo vengono raggiunti dai tassi a breve e successivamente convergono verso il basso non quando i tassi a lungo vanno verso quelli a breve come sta succedendo. C’è se non sbaglio un precedente relativo al 98 che somiglia molto all’attuale situazione, ma che poi non è sfociato appunto in una recessione.
Altra cosa che è strana sono i livelli di inflazione che ci sono in Germania e Stati uniti, nelle altre occasioni in cui i tassi a lungo si sono schiacciati verso il basso era in presenza di livelli di inflazione in forte rallentamento diretti verso valori negativi, al momento tutti parlano di deflazione ma l’inflazione tedesca è sopra l’1% senza collassi particolari rendendo in questo modo i tassi reali fortemente negativi.
Che ne pensa di questa dinamica, è possibile che questa corsa sfrenata dei bond sia solo un clamoroso abbaglio del mercato ?
Ultima cosa sul settore bancario, nell’eventualità che la sua visione (da me condivisa) di un possibile ritorno dell’inflazione si realizzi, non pensa che il settore bancario italiano ed europeo, disintegrato negli ultimi 10 anni prima da una crisi devastante e poi da tassi di interesse sotto lo zero, possa essere un ottimo mercato su cui puntare magari accumulando sugli storni? Leggi la risposta...
Buongiorno Gaetano e complimenti per il suo lavoro. Ho notato che nel laboratorio giornaliero sui rendimenti tedeschi ed americani, non quelli italiani, è stato portato via lo SSG. Cosa ne pensa: troppo presto per provare ad andare short tramite i future e quindi attendere almeno l'inversione su base settimanale oppure è il caso di provare rigirandosi in caso di contro rottura (al ribasso dei rendimenti stessi)? Leggi la risposta...
Ho due domande, una relativa al Copper e una sul Sugar.

Partendo dal Copper: dal Cot Report del 26 agosto vedo che la lettura dell'Age Index è super bullish; inoltre sappiamo, come Lei stesso sottolineava negli ultimi RG, che i PMI manifatturieri globali a cui il Copper è fortemente correlato promettono di ripartire al rialzo. È tempo di iniziare ad accumulare una posizione long sul Copper? Con quali obiettivi di prezzo?

Poi volevo chiederle un parere sul Sugar. Da anni questo periodo dell'anno intercetta un minimo stagionale e dunque l'inizio di un rally. Ora, coi prezzi su minimi assoluti o quasi e il profondo ipervenduto, si sta avvicinando la condizione giusta per poter entrare long? Leggi la risposta...
Si legge sempre più in questi giorni che siamo in un epoca di deflazione da debiti e in molti indicano che la strategia operativa consigliata da qui a fine anno è "cash is king". Lei ritiene corretta tale linea di condotta?

O Secondo lei in queste condizioni l'investimento obbligazionario è da prediligere a quello azionario?

O viceversa, perchè l'obbligazionario è già sopravvalutato? Leggi la risposta...