Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

In primis grazie e complimenti per lo studio dettagliato pubblicato.

Volevo per cortesia un consiglio sulla mia posizione attuale short sul future 10 year t note settembre19.
Oggi 1/8/19 per ricopertura parziale ho comprato un contratto long sul future 5 year t note settembre19.
Cosa farebbe Lei?

Grazie in anticipo e buone meritate vacanze. Leggi la risposta...
Le riporto di seguito un articolo di Ray Dalio (https://www.linkedin.com/pulse/paradigm-shifts-ray-dalio/) dove nella Parte 2 riporta la sua analisi su come cambierà il paradigma economico nei prossimi anni. In sintesi, salvo miei errori di interpretazione, l’analisi riporta una prospettiva in cui le banche centrali continueranno a dover stampare moneta per far fronte alle passività in scadenza in un contesto di maggiori tensioni sociali e tra paesi e dall’altro lato ad una situazione di reflazione in cui faranno bene le asset class come l’oro (come anche lei riportava nel suo outlook!). Lei cosa ne pensi dell’analisi?

Un’ulteriore domanda sul trend dei tassi d’interessi nel prossimo decennio: nel suo outlook a pag.38 l’analisi demografica sembrerebbe suggerire una ripartenza strutturali dei tassi d’interesse. Tuttavia faccio fatica a comprendere come si possa conciliare dall’altro lato con una produttività in costante calo e con delle prospettive di banche centrali che continueranno a dover “monetizzare” il debito. A suo avviso dove sta l’equilibrio? Leggi la risposta...
Sono short sul future t-note 10y scadenza settembre. Potrebbe indicarmi per cortesia lo stop loss e l'eventuale target? Leggi la risposta...
Quello che tu affermi e cioè:
“Quando accettiamo che i tassi di interesse contano, torniamo in un mondo in cui si pone il solito secolare trade-off fra politica monetaria e politica fiscale. Non le si può avere entrambe accomodanti”
Mi sembra smentito dai fatti e con risultati assolutamente positvi dagli USA dove:
La politica monetaria è è tuttora assolutamente espansionistica - anche se in misura progtressivamente minore rispetto al culmine del QE e tassi a zero - perché comunque i tassi di interesse (fed Fund) sono inferiori al tasso di inflazione (vedi grafico sotto) ed al tasso di crescita nomilale del GDP;
[]
La politica fiscale, lo sappiamo bene, con Trump è tornata ad essere usata con forza in ottica ultra espansiva.

Quindi oltre oceano si stanno usando tutte le armi per sostenere il ciclo e, meraviglia delle meraviglie, l’inflazione non riparte, anzi, ci sono segni chiari di deflazione che stanno spingendo la FED a diventare di nuovo ultra accomodante.

Un altro chiaro esempio è il Giappone dove + Defict pubblico e + espansione monetaria convivono senza creare tensioni, tanto che lo Yen è considerata ancora safe even.

L’Europa avrebbe tutte le caratteristiche necessarie per potersi permettere una significativa manovra anticiclica usando entrambe le armi, ma non lo fa per delle regole assurde, lato poltica fiscale, che si è data fin dall’inizio, regole ancora di più rafforzate, in senso pro-ciclico, dopo la crisi greca.
Anche coloro - Germania, Olanda, Austria - che, rimanendo all’interno di queste regole, avrebbero molto spazio per fare politica fiscale espansiva, non lo fanno e continuano ad affidarsi all’Export!

Ma la cosa peggiore è che hanno imposto questa visione a tutto il resto dell’Euro Area, con il risultato che adesso un Intero Continente deve affidarsi alla crescita di Consumi ed Investimenti del Resto del Mondo per crescere un po’ tramite l’Export netto! Leggi la risposta...
Ricordo che aveva scoperto una certa correlazione, se non sbaglio, fra il Baltic Dry Index e il T-Note USA a 10 anni, nel senso che il rendimento USA seguiva il rialzo o il ribasso del BDI con un ritardo di circa tre mesi. Ricordo anche che Il Baltic ha segnato un minimo in febbraio e da allora è in continuo rialzo.
Si dovrebbe quindi dedurre che l’inversione al rialzo dei rendimenti dei titoli USA è prossimo ?
E come spiega allora la previsione del mercato di un prossimo, certo, ribasso dei tassi della FED, che anche Lei auspica da tempo ? Leggi la risposta...
Apprendiamo dal laboratorio settimanale l'avvenuta capitolazione su un'ampia rosa di rendimenti obbligazionari: Germania, Italia e Stati Uniti.
Come dobbiamo interpretare questa informazione? Leggi la risposta...
Le pongo la seguente domanda: che ne pensa dell'investimento Obbligazionario in Dollari USA? Leggi la risposta...
Da quanto risulta nel suo RG del 3/5 sembra che ci sarà una inversione dei rendimenti del mercato Obbligazionario Americano a 10 anni a favore del mercato azionario.
Ritiene dunque che sia venuto il momento di alleggerire questo comparto?
A favore di quello azionario?
E se si volesse rimanere sempre all'interno del mercato Obbligazionario, dove consiglierebbe di posizionarsi? Leggi la risposta...
Quale è la sua visione sui tassi dell'euro zona?
Draghi ha dichiarato che non si parla di rialzo fino al 2020 inoltrato
A breve avremo le elezioni europee.
A fine anno ci sarà il cambio alla BCE
Tassi del Bund tedesco con rendimenti vicino allo zero e per scadenze sotto gli otto anni negativi.
Quale futuro per i nostri BTP e per i Bund? Leggi la risposta...
In merito al mercato in questione, di cui accennava anche nel suo RG di stamattina, cosa sarebbe opportuno fare per uno come me che ha molti clienti investiti in questo mercato anche con percentuali consistenti?
Secondo lei quale potrebbe essere l'alternativa?, rimanere all'interno di questo mercato scegliendo delle allocazioni diversificate, aumentare la parte azionaria, o addirittura la liquidità.
Cosa farebbe Lei in questo momento, in cui il treasury a 10 anni rende il 2,57%. Leggi la risposta...