Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Mi potrebbe mandare un grafico riferito allo Short stop settimanale del T-NOTE Yeld e dirmi cove posso trovarlo?
Mi informi, per favore, quando ci saranno le condizioni per dimezzare le posizioni obbligazionarie. Leggi la risposta...
L'andamento degli ultimi giorni dei vari mercati mi lascia molto perplesso, cito nell'ordine:
Il primo di marzo l'indice s&p 500 quotava 2803,12, in questo momento quota 2790,69- diciamo invariato.
Bund 10Y rendeva lo 0,206% ed adesso rende -0,091% ( incredibile in cosi' poco tempo, come a dire facciamo in fretta a comprare safe assets prima che l'equity scenda )
Il cambio €/$ quotava 1,1377 ed ora quota 1,1252

Tutto sembra indicare un flight to quality eppure il mercato azionario non molla , fermo restando le indicazioni positive fino alla fine di maggio / giugno mi aspettavo una correzione di almeno un 5% sul mercato americano e di almeno il 7/8 sul nostro. Dunque chi mente ?? Leggi la risposta...
Le faccio i miei complimenti per l'ultima intervista rilasciata, veramente ben fatta!.
Veniamo a noi: secondo lei, anche alla luce dei risultati prodotti da inizio anno (non sorretto da dati economici) il mercato conoscerà una fase di "stanca" nel periodo estivo autunnale? Non sarebbe opportuno considerare il t-bond americano, anche alla luce delle ultime parole di Powell? Meglio con copertura €/$ ( anche se veramente costoso: 3%)? La ringrazio, in più ci può delineare se stanno cambiando i flussi finanziari su alcuni settori/mercati? Leggi la risposta...
Egregio Dottore, dopo averla letta tante e tante volte, rileggendo la risposta che ha dato ad un collega lettore a proposito del mercato obbligazionario, mi è venuto un dubbio di tipo "comunicativo".
I segnali che Lei da a proposito della opportunità di rimanere all'interno di certi mercati, sono necessariamente di breve, medio o lungo termine, e corrispondono quindi a segnali di tipo tattico, tattico di medio periodo, oppure strategico. Io sono, in qualità di consulente, nella condizione di dover privilegiare i segnali di tipo strategico e solo successivamente di tipo tattico, e alcune volte, Le confesso, non riesco a ben capire a quale tipo di segnali Lei faccia riferimento.
Rimanendo nell'esempio del mercato obbligazionario, dove ho, su Sua approvazione, concentrato i miei investimenti in questo periodo (grazie!), ho pensato, per parte mia, che fosse un buon investimento perché la situazione complessiva economica sembrerebbe scartare la possibilità di un inasprimento delle politiche monetarie di qui in avanti. Quindi questo diventerebbe una condizione di medio lungo termine, e quindi un investimento strategico.
Potrei chiederle la cortesia, mi perdoni la sfacciataggine ma preferisco passare per asino e non sbagliare in questo senso.... , di sottolineare quando Lei ritenga le Sue valutazioni/previsioni di movimento dei mercati, tendenzialmente strategiche? Leggi la risposta...
Attualmente sono investito sul mercato obbligazionario in maniera diversificata fra emergenti, europa e america con fondi Income, Euro Income, Global bond e Global Investment grade.

Vorrei sapere, se il pericolo di nuovi contraccolpi nel mercato obbligazionario è imminente e se potrebbe essere portatore di perdite consistenti, e quali mercati potrebbe colpire maggiormente.

Inoltre, se alleggerisco le posizioni, dove andare a collocare le somme disinvestite? Leggi la risposta...
Secondo lei il debito USA, citato nell’intervento di oggi di Powell, per diminuire o per lo meno per non continuare a crescere abbisogna di un dollaro forte o debole ?
Perché nel caso ci volesse un dollaro forte , Powell allora potrebbe aumentare i tassi quest’anno, minimo una volta, dato che ha detto che ci sono segnali discordanti sui dati economici, ma che l’economia USA è forte….
Cosa ne pensa ? Non mi sembra ancora così scontato che non ci saranno aumenti dei tassi, dopo l’intervento di Powell di oggi al senato… Leggi la risposta...
Che prospettive ci sono per il treasury a 10 anni?
Venerdi sera ha chiuso al 2,684%, pensa potrà tornate al 3% o secondo lei scenderà ancora? Leggi la risposta...
Ho letto il suo Outlook 2019 e le faccio i complimenti per la qualità e lo spessore di quanto riportato.
Ho delle domande da farle in merito suddivise per il mercato Obbligazionario ed Azionario.

Partiamo dall'obbligazionario:

come riportato nella figura 95 a pagina 69 sembrerebbe che non ci siano mai stati due anni negativi consecutivi nei corporate bond.

Per questo le chiedo, chi è già investito può rimanerci fino a fine anno? per chi vuole effettuare versamenti di denaro fresco, la trova una buona opportunità per quest'anno?

Dove sarebbe più corretto posizionarsi per il 2019?

Sono attraenti i mercati obbligazionari emergenti? O quando potrebbero esserlo.

Pensa che il mercato obbligazionario possa dare ritorni di rendimento intorno al 2-2,5% al netto dei costi di hedging?

A tal proposito, questi costi li vede in diminuzione? anche in riferimento al comportamento del dollaro che molte società di investimento vedono in calo per il 2019 rispatto all'euro?


Mercato Azionario.

Purtroppo dopo un mese di Dicembre disastroso e grazie al modello di asset allocation ci siamo salvati in tempo.

Adesso però abbiamo perso un bel treno sfruttarne il rialzo, con il modello che ne suggeriva ancora estrema prudenza.

Per questo le chiedo se quest'anno passeranno altri treni, in particolare mi riferisco ai modelli che ha proposto:

- la figura 179 a pag 129 che propone un riposizionamento a metà febbraio fino a maggio

- la figura 187 a pag 135 che invece prevede una proiezione molto benigna fino a luglio

Cosa consiglia di fare?

Quando e Dove propone di (ri)posizionarsi? Leggi la risposta...
Gentilissimo Dottore , mi spiace disturbarla ancora ma sto cercando di capire cosa iniziare a fare in termini operativi. Da ciò che scrive oggi sul suo rendiconto giornaliero e anche da ciò che ha risposto ieri alla email circa il possibile sforamento della media mobile a 200 giorni da parte dello Standard & Poor's 500, mi sembra abbastanza chiaro che Lei viva questa condizione di rialzo borsistico in maniera poco convinta. Del resto, anche il modello di Asset Allocation confermerebbe tale titubanza.
A questo punto gli interrogativi che mi pongo sono due: ma se anche questo indugio borsistico fosse rotto, con la situazione economica che caratterizza questo momento, ragionevolmente, a quale tipo di rialzo potremmo assistere? Mi sembrerebbe veramente strano poter immaginare un rialzo azionario che vada avanti per tutto l'anno con grossi risultati numerici. Lei del resto ha sempre visto in questo un movimento tattico...
Al tempo stesso mi pare evidente che la FED non dovrebbe più rialzare i tassi e la situazione complessiva del mondo almeno ad oggi, sembra andare verso un rallentamento più o meno consistente.
Allora, visto che il lavoro di consulente dovrebbe privilegiare le onde lunghe dei mercati, lasciando ai gestori le "pizzicate" brevi, in tale situazione non sarebbe più semplice cominciare intanto a confezionare un portafoglio fatto di obbligazionario di buona qualità, magari gestito da affidabili gestori attivi? Magari con un po' di oro lungo e di dollaro short fino a nuovo ordine? Leggi la risposta...
Volevamo che Powell si fermasse.
Si è fermato?
Nelle asset allocation conservative, dove gli strumenti monetari hanno un peso rilevante non per contributo di rendimento ma per questioni di var, val la pena rompere gli indugi ed incrementare in modo significativo e strategico almeno 24 mesi i comparti aggregate bond? Leggi la risposta...