Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Le scrivo in merito al movimento sui BTP a seguito della riunione BCE.
Dalla soglia da lei chirurgicamente individuata e che sembrava doversi sgretolare di lì a breve visto i ripetuti assalti siamo crollati addirittura sotto il 4%.
Invero il passo di aumento dei tassi non sembra cambiato ( e la performance del Nasdaq oggi è qui a ricordarcelo).
Cosa è cambiato se è cambiato qualcosa e soprattutto quando potremmo rivedere un rendimento con il 5% davanti da molti atteso per entrare compatibile con RAY a -5? Leggi la risposta...
Può gentilmente fornirmi una Sua previsione sulle azioni aurifere per i prossimi 3 mesi... e la Sua attuale visione del "CESI". Leggi la risposta...
1) Nella sua risposta di venerdì Lei ha detto " Certo non posso essere ottusamente ribassista, anche contro l'evidenza. Sullo S&P, in particolare, la resistenza a (omissis) è fondamentale. Sopra non me la sentirei di forzare l'opzione ribassista. Anche perché saremmo ad un terzo giorno sopra l'ideale, e questo diventerebbe inaccettabile..."
Dunque siamo a 1109,55 (ammetto che, al momento attuale, l'indice è stato respinto dai massimi a 1110,45 e 1110,15 raggiunti rispettivamente nelle giornate di giovedì scorso e di ieri), ma, con ieri per l'appunto, siamo arrivati al terzo giorno sopra l'ideale.

2) La tenuta robusta degli indici americani con il riassorbimento, pressoché immediato, delle perdite di agosto, la ripresa delle materie prime (petrolio proiettato nuovamente verso i 78/82 dollari, rame vicino ai massimi dell'anno, come del resto grains e softs), la discesa delle posizioni bond con durata
medio alta (con relativo "passaggio di denaro fresco" all'equity), la sempre più minor forza delle monete "difensive" e dell'oro, che non è riuscito a ritoccare i massimi assoluti, il Baltic Dry Index, al rialzo ormai da circa metà luglio, la regressione del Bund Future, prossimo a "bucare" quota 130/129 (ed anche qui nuovo "denaro fresco" pronto per l'equity), la netta caduta della
volatilità, sono tutti fattori che, solitamente, anticipano una possibile
prossima inversione dei cicli azionari.

3) I principali oscillatori (Bollinger, Momentum, Stocastico lento, RSI, MACD)
stanno evidenziando una fase di accumulazione e consolidamento, essendo passati da un sentiment ribassista ad uno neutrale/rialzista e sono ancora lontani da
una situazione di ipercomprato.

4) I dati macroeconomici della settimana entrante, se ancora positivi (come occorso per quelli precedenti), potrebbero nuovamente fungere da "effetto leva" (come già accaduto) sugli indici americani, ormai vicini ai massimi di fine giugno/prima decina di agosto, e generare una spinta tale da "annientare" le relative resistenze e spingere gli indici medesimi verso i massimi di aprile.

Alla luce delle suddette considerazioni e dati, a questo punto ritiene possibile che sia avvenuta la negazione del Delta System e dunque della paventata previsione di una nuova corposa caduta dei listini per il mese di settembre/ottobre, con relativa inversione di tendenza e possibile partenza anticipata della nuova onda del "bullish market"? Leggi la risposta...
Alla luce di quanto sin qui verificatosi nella settimana (dati macroeconomici americani sostanzialmente positivi, ed in particolar modo l'ISM manifatturiero), se i dati macroeconomici americani odierni (su tutti l'ISM composto non manifatturiero) si rivelassero nuovamente positivi, anche in virtù di quanto da Lei riportato sul rapporto giornaliero di stamane con riferimento alle considerazioni sul Greed Index, il quale evidenzia una "platea ben disposta verso il mercato", non crede ad una possibile inversione di tendenza che, dunque, "sconvolga" quanto previsto dal Delta, negando le attese per una nuova corposa caduta dei listini per il mese di settembre/ottobre?

La domanda diventa ancor più pertinente ed attuale alla luce di quanto accaduto venerdì dopo i dati macro del pomeriggio (in particolare il pessimo dato dell'ISM non manifatturiero ha soltanto "dato fastidio" per un paio d'ore) alle borse europee e a WS (che ha chiuso per la terza volta consecutiva praticamente sui massimi di seduta), come detto sotto, aggiungendo inoltre l'intervento di ieri di Obama, il quale ha pronta una serie di nuove proposte per stimolare la crescita finanziaria e l'occupazione, le quali verranno comunicate martedì prossimo. Leggi la risposta...
Vorrei chiederle un parere non le sembra un sintomo di forza per la borsa REAGISCE BENE A NOTIZIE BRUTTE io personalmente sono entrato gia 10 giorni fa in quanto mi sembra il momento una mia iniziativa , certo che c' e' una confusione grossa, lei cosa pensa bisogna aspettare ? Io penso che quanto ci sara' la gamba di rialzo sara la prima parte la piu buona magari 30 giorni per questo penso sia meglio mettere un piede avanti non le sembra ? bisogna anticipare a gradi Poi il dollaro e' incredibile io penso che gli americani sono messi proprio male forse per pagare il debito che hanno , comunque un Suo parere sul dollaro oggi si parla di 1.55 , e' tutto molto strano ma in passato ci sono dei riferimenti. Leggi la risposta...