Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Buongiorno Dott. Evangelista e grazie, come sempre, per la Sua professionalità, gentilezza e cortesia e per il suo impegno prezioso e continuativo.

Questa mia per alcune domande rapide:

1) Ma c'é qualcosa che non torna sul Silver ? A me sembra un metallo prezioso/industriale per nulla in disuso, con estrazioni produttive sempre più limitate. Purtuttavia il range di prezzo (14/21 dollari) è pressoché costante da quattro anni a questa parte e non c'é verso che si "schiodi" al rialzo, ovviamente.

2) Per quale ragione le Azioni Aurifere, attualmente (anche in confronto a quanto avvenuto nei primi sette mesi del 2016, in cui il GDX era a 31 dollari, il GOLD era a 1400 dollari e le stesse Azioni Aurifere erano su valori molto elevati), sono praticamente a sconto, appunto con il GDX che ha realizzato il doppio massimo a 31 dollari e il GOLD che è arrivato addirittura a 300 dollari in più (1400 dollari contro 1700 dollari) ?

3) Molto rapidamente cosa ne pensa di AG, IAG, CDE, FSM, PAAS e PLG ? Leggi la risposta...
Complimenti per il lavoro che svolge quotidianamente! volevo chiederle come mai l'argento è diventato un metallo "abbandonato" da anni. a qsti prezzi è possibilile un ingresso? Leggi la risposta...
Quali sono le prospettive future del SILVER e quali sono le ragioni per cui il prezzo del medesimo si sta letteralmente schiantando dal massimo del 24 giugno (17,451), sino ad aver toccato, giovedì scorso, l'importante supporto a 15,20 e se, secondo Lei, i prezzi potrebbero ulteriormente abbassarsi sino al minimo di 14,496 del 14/12/2015 ed oltre? Leggi la risposta...
La ritrovata forza del mercato americano ritiene che possa trascinare il nostro mercato al rialzo a prescindere dall'andamento delle prossime elezioni politiche? Oppure ritiene sempre attivo il raggiungimento del target a 20.500, prima di un eventuale recupero?
Relativamente all'argento se non ricordo male diverso tempo fa aveva indicato di un target a 18$.
Ho letto in un suo articolo dove evidenzia che il rapporto oro/argento è arrivato a 80, che di solito identifica dei massimi.
Ritiene quindi possibile un recupero dell'argento in termini relativi nei confronti dell'oro o anche in valore assoluto? Si può pensare che la resistenza fornita dalla media a lungo dei 18$ possa in un futuro molto prossimo essere abbattuta al rialzo stante lo stazionamento subito sotto che ormai dura da diverso tempo? Leggi la risposta...
Innanzi tutto complimenti per il lavoro fatto per l'Outlook! Le chiederei di fare il punto su queste due commodities. Sul Silver penso che valgano le considerazioni da lei recentemente fatte sull'oro. La domanda quindi è: Avendo un prezzo di acquisto di 16,20 ed avendo mancato (per distrazione) la vendita a 17,40 conviene portare a casa il guadagno o provare ad aspettare il possibile momento di debolezza delle borse nei prossimi 10-15 gioni per vedere prezzi migliori?

Sul cacao invece (sul quale sono in perdita) vorrei sapere se è sempre del parere che sul medio dovrebbe continuare a riprendersi e come sono posizionati commercial e istituzionali. Leggi la risposta...
Ho notato che l'argento ha presentato una interessante rottura del LSS. Potrebbe illustre la sua opinione circa un potenziale ingresso? Leggi la risposta...
Anche questa settimana il nostro indice ha chiuso sotto il livello short settimanale. Dobbiamo ritenere anche questa una falsa rottura?
Relativamente all'argento quale target a ribasso crede che possa essere raggiunto prima della partenza definitiva? Leggi la risposta...
Mi aggiorna sul rapporto in questione e sulle implicazioni intermarket? Leggi la risposta...
Personalmente noto da diversi anni una discreta correlazione tra il palladio e i mercati azionari occidentali in particolare quella Usa. I grafici non sono esattamente sovrapponibili, ma denoto che minimi e massimi molte collimano con una certa precedenza del palladio che tenderebbe a anticipare di qualche mese o settimane movimenti poi su o giù delle borse.
Nel 2008 il palladio iniziò a salire a novembre, anticipando il rialzo dei mercati da aprile 2009, così fece nel 2011, nel 2012 e via via.
Il massimo del palladio risale dopo l'estate 2014 per poi lateralizzare qualche mese e scendere da primavera 2015 in poi. Sembrerebbe un movimento analogo agli Usa.
La accumulazione forte che sta avvenendo dai minimi estivi del palladio e lo strappo di questa settimana di questa materia prima importante, potrebbero secondo Lei voler dire con un anticipo di qualche settimana o ( come penso io) di un paio di mesi di un strappo rialzista forte dei mercati che potrebbe prepararsi quest'inverno?
In pratica, intendo che se questo rialzo del palladio non è effimero e potesse continuare, potrebbe correlare a breve/medio una ripresa dei mercati, in particolare quello USA.
Tra i tanti modelli proposti, che ne dice se seguiamo assieme questa cosa? Leggi la risposta...
Buongiorno dott. Evangelista, guardando le posizioni dei commercial sulla soia, di un mese fa, c'erano le condizioni per un ingresso long, però, tenendo conto di quotazioni in caduta libera, Lei suggeriva (saggiamente direi visto il seguito) di aspettare un catalizzatore del rialzo, che sarebbe potuto arrivare ad esempio, dalla stagionalità. Tipicamente, diceva, la soia fa un minimo alla fine di settembre. Oggi inizia ottobre e le quotazioni continuano a cadere. Le chiedo dunque se pensa sia il caso di restare prudenti oppure, considerata anche l'analisi sul CRB di venerdì scorso, ci sono le condizioni per aprire una pur minima posizione al rialzo. Le chiedo inoltre dove si trova il supporto più vicino.

Sull'argento (ma anche sull'oro) Lei aveva prospettato con largo anticipo quale fosse la direzione più probabile delle future quotazioni. Forse non credeva più di tanto alla possibilità di violare la parete inferiore del canale ascendente di lungo periodo mostrato a più riprese (l'ultima nel RG di una settimana fa), però ora è evidente che siamo nettamente sotto. Non so (o perlomeno non ricordo) se esiste un comportamento tipico che accomuna, sul piano tecnico, tutti i casi in cui si ha la controviolazione di un canale ascendente di lungo periodo. Comunque la domanda è se, nel caso specifico dell'argento, è possibile stimare a questo punto un target al ribasso e, ovviamente, se ritiene che valga la pena mettere in atto un'operazione short. Leggi la risposta...