Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Sarebbe interessante vedere i settori europei messi meglio per salire togliendo i farmaceutici facendo un filtro i più promettenti. Leggi la risposta...
Sembra che questi mercati siano veramente vicini ad un punto particolarmente sensibile e tale da potersi classificare come idoneo a sostenere una reazione. I suoi modelli vedono il mercato particolarmente stressato, la grafica pone in bella evidenza la base del canale discendente di lungo sul DJ600 che per completezza ci risparmia di andare a guardare ogni singolo paese.

Aumenta la volatilità nelle ultime sessioni a testimoniare, forse, nervosismo tra gli addetti ai lavori ed anche il nostro indice ( banche in primis) sembra mostrare qualche sussulto di forza relativa.

Che ne pensa del quadro intermarket? Non appare un poco forzata questa idea di volere a tutti i costi tirare il petrolio vicino ai 150$? ora che l?euro sembra voler testare nuovamente 1.60, e forse andare anche poco oltre, appare gioco facile per la speculazione far registrare questa zampata sul greggio? in fin dei conti si potrebbe pensare che non aspettano altro per riversare tutto addosso ai ritardatari.

In effetti ieri in Usa ma ben prima in Europa i titoli dei settori energy mi sembrano stiano soffrendo?forse un segnale che iniziano a monetizzare lauti guadagni per poi ruotare su settori depressi ( banche in primis!)?

Se è possibile che la finanza sia in parte pilotata da questi movimenti voluti da parte dei grandi investitori non crede che proprio questa eventuale ultima ( spero!) estensione possa finalmente condurre al minimo, magari proprio nella prossima settimana?

In fin dei conti uno 0.25% in più nei tassi euro non mi sembra grande danno, oramai, ma un buon pretesto per spingere in basso i dollaro e in su il greggio? ma forse il gioco stà diventando più pericoloso oggi. L?ultima congestione del greggio, quella tra 140 e 133 ha comportato una flessione delle quotazioni al di sotto del precedente massimo relativo (135) testimoniando una iniziale perdita di momentum ( scendere sotto un massimo non lo faceva da tanto tempo)... Leggi la risposta...