Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Da più parti si legge di movimenti ribassisti nei prossimi mesi sui mercati azionari e tali previsioni aumentano sempre più. Nei bear market precedenti si riesce a capire se la maggior parte degli analisti erano per lo più negativi e a che punto del movimento ribassista tutti o quasi erano negativi? Leggi la risposta...
Pare che tutti stiano vendendo. Ma se ci sono venditori è evidente che qualcuno sta comprando a man bassa...
Saprebbe dirmi nell'attuale situazione di mercato chi è che sta comprando? Sono tutti sprovveduti o qualcuno ha la vista un po' più lunga? E chi sono costoro? Leggi la risposta...
Secondo ciò che scrive è da molto che non dà fiducia al nostro indice. Ora la domanda la pongo perché non ho una risposta, ma se le sue sensazioni "il nostrano seguendo l'esempio del 2015 pur avendo un target naturale a 24000, a sensazione dovrebbe migliorare il massimo del 2016 per poi scendere". A questo punto siamo arrivati proprio lì, ha migliorato il massimo del 2017. Solo 700 punti ci separano dal target naturale, potrebbe non raggiungerlo se la sensazione fosse esatta. I rischi potrebbero essere limitati a questi 700 punti. Per di più a breve potrebbe esserci una correzione momentanea. Uno short sull'indice in questo momento secondo quanto afferma dovrebbe avere un rapporto benefici/rischi molto buono. Che dice? Leggi la risposta...
Mi chiedevo cosa fosse successo al Dax storicamente dopo una correzione così importante a 12, 36 e 60 mesi. Quante volte l'ha subita? Leggi la risposta...
Le chiedo se ritiene di poter indicare un livello al di sotto del quale si possano aprire posizioni al ribasso di lungo termine (da chiudere il prossimo anno) sul nostro indice. La richiesta / osservazione si basa sul fatto che nonostante Lei ritenga, come sempre in modo motivato, che i mercati forti (DAX e S&P) possano entro fine anno usufruire di un "rigurgito rialzista" (con o senza nuovi massimi annuali non cambia la sostanza), i mercati con minore forza relativa, ed il nostro lo è certamente, possono iniziare il ribasso con anticipo, forse anche di qualche mese, rispetto ai mercati dotati di maggiore forza. Leggi la risposta...
In merito alla sua risposta del 30/08 le chiedo:
- gli intermediari non hanno una qualche corresponsabilità nei confronti degli eventuali controlli che la Consob potrebbe effettuare in merito considerando da parte loro almeno il dovere di informare i loro clienti delle disposizioni in vigore? (ad esempio Directa ha inserito un avviso, altri non lo hanno fatto)
- in un'altra risposta con lo stesso oggetto mi sembra che abbia quantificato in circa Euro 250.000,00 l'importo massimo della sanzione che la Consob potrebbe chiedere, è in grado di fornire qualche riscontro al riguardo? Leggi la risposta...
Come si spiega il fatto che sia ancora possibile acquistare l'etf Lyxor xbear ftse mib? oltretutto mi sembra costantemente tra gli etf più scambiati giornalmente. Leggi la risposta...
Grazie per l'informazione che ritengo assurda.
E quindi, operativamente?
- non si può andare short, quindi non si possono seguire in suoi segnali, giusto?
- la posizione short aperta va chiusa?
- e se ho un portafoglio azionario su altra banca di dove opero in derivati? Leggi la risposta...
Visto il prossimo top previsto per (omissis) e la conseguente correzione degna di nota fino al (omissis), non vedrebbe qualche titolo (tipo le banche popolari) con una configurazione tale da poter essere considerato buon candidato short?

Nel qual caso, che livello d'ingresso (ossia, si aspetta che possano risalire fino allo SSG) e take profit consiglierebbe?

Capisco che in questa fase abbiamo un orientamento, anche psicologico, long. ma non crede sarebbe il caso assecondare anche le flessioni del mercato? Leggi la risposta...
Per De Noronhaa la vera preoccupazione a breve sta nel settore bancario, tanto che sta shortando i titoli di cinque grandi istituti: Ubs, Barclays, Unione de banche, Bbva e - udite udite - Intesa Sanpaolo. Il perché è presto detto: I recenti stress tests mi hanno fatto sbellicare dal ridere. Sotto stress, infatti, i regolatori hanno messo soltanto ciò che le banche ci hanno detto, non ho visto nessuno testare qualcun'altro finché non si è arrivati al punto di non ritorno. Quando guardo alle ratio del Capital Tier 1, vedo cose poste a loro sostegno che non possono essere utilizzate nel corso di una crisi. Il vero Capital 1 ratio di alcune delle maggiori banche è soltanto l'1,7 per cento e per questo motivo sto shortando cinque grandi banche europee. Ho la certezza che la maggioranza degli istituti restino eccessivamente esposti alla leva.

P.S. Ieri le Borse hanno festeggiato con rialzi euforici l'inaspettato aumento dell'indice ISM dell'attività manifatturiera Usa, salito al 56,3 punti in agosto dopo il calo nel mese di luglio che aveva fatto parlare di crescita rallentata e rischio di "double-dip". Il livello che potrebbe far scattare i crolli borsistici è a 50 punti, livello che molti analisti e gestori di fondi vedono probabile per ottobre, massimo novembre. In compenso, mentre i trader brindavano, gli insiders - ovvero i grandi investitori - confermavano i timori per crollo a breve: è di oltre 100 milioni di dollari di controvalore, infatti, il numero di azioni vendute dai manager di grandi aziende di Wall Street, 64 dei quali solo dei tre dirigenti principali di Goldman Sachs. Investimenti personali, non per clienti: quelli possono anche andare a schiantarsi contro il muro dei mercati. Chi vede le cose dall'interno, vende e scappa.

Buongiorno, volevo chiederle se poteva commentare questo stralcio di articolo letto alcuni giorni fa.

Il dubbio che ho è che si stia un po' sottovalutando il ribasso che è alle porte, non come tempistiche (quelle che ci ha dato mi sembrano molto attendibili) ma come target di prezzo, ad aprile eravamo a 23500 e siamo scesi di 5500 punti, se manca un ultimo minimo importante perché è difficile che si scenda anche in questa occasione di 5500 pt.? (21500-5500=target 16000 pt circa), inoltre il saldo netto degli Hedge Funds non comincia a diventare significativo? Soprattutto se lunedì nel RG lo trovassimo ulteriormente aumentato...

Mi sembra che ci troviamo in una situazione simile a quella di aprile dove nessuno pensava a un calo del genere, anzi si ipotizzava un ultima gamba di rialzo per gli inizi di Maggio prima di una fisiologica correzione?... secondo me manca solo una notizia che accenda la miccia (tipo rischio default Ungheria) poi gli speculatori al ribasso e le agenzie di rating faranno il resto? con un ritorno della volatilità e giornate da -5% sul nostro indice ad arrivare a 16000 dai valori attuali non ci vuole molto?

Non che la possibilità che si arrivi a questo target per noi sia un problema..... anzi? Viste le indicazioni operative che ci sta fornendo... Leggi la risposta...