Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

A proposito del nostro indice di cui noi tutti siamo stupiti delle performance poiché non rispecchia i fondamentali dell' economia del nostro paese; faccio un semplice ragionamento:
Da inizio anno la borsa fa + 15% o anche di piu' forse e marzo non e' ancora terminato, questo significa un 5% al mese. Visto che la borsa prima o poi dovra' fare i conti con i fondamentali...Questo dottor gaetano e' un semplice ragionamento al di la' delle ragioni tecniche su cui noi ci basiamo tutti i giorni.
Ancora una volta torno a chiedere un suo parere nel frattempo saluto e ringrazio per il lavoro svolto quotidianamente. Leggi la risposta...
Visto il RG di oggi 18 marzo le pongo queste due domande:
- per quanto riguarda il mercato Obbligazionari, se non sbaglio, mi sembra si possa rimanere ancora sul pezzo.
Ha una proiezione della tempistica? Ossia, ha indicazioni se le proiezioni in suo possesso ci permettono di mantenere le posizioni almeno fino a fine anno?
- per quanto riguarda il mercato azionario, mi sembra di capire che si possa azzardare, per chi è scarico, una allocazione.
potrebbe indicare idealmente la percentuale max da usare, quale mercato o mercati privilegiare e fino a che periodo mantenere? Leggi la risposta...
Gentilissimo dottore , mi perdoni prima di tutto se le scrivo spesso, ma come potrà immaginare molti sono gli interrogativi che che mi vengono alla mente. Riascoltavo qualche minuto fa la sua intervista alle Fonti tv, nella quale Lei esprimeva preoccupazioni circa il possibile rallentamento economico degli Stati Uniti ed al tempo stesso faceva considerazione sul nuovo QE cinese eventualmente in accoppiamento ad una Fed accomodante.
Quello che comincio a far fatica a comprendere è il perché di questa tranquilla euforia dei mercati finanziari azionari quando in realtà dovremmo giungere ad un periodo di forte correzione data da una tendenziale recessione economica in molti paesi del mondo, forse anche negli Stati Uniti?

Esiste a questo punto la possibilità che non si passi per niente per questa condizione di ritracciamento dei mercati e che si innesti direttamente una nuova fase toro su un rilancio economico internazionale (più o meno drogato al pari di quello degli anni precedenti da un enorme quantità di liquidità messa in circolazione). E che succederebbe ai tassi di interesse ed al mercato obbligazionario? Si ricomincerebbe con il rialzo?

In tutto questo non ci vedrei nulla di sano né di vero. Leggi la risposta...
Ho appena letto sul blog il dato della prod ind.le e soprattutto la Sua previsione per il Pil 2019 italiano (azzz!)
Ci può dire com’è giunto a tale valore ? Anche perché, se fosse confermato, non riesco proprio a capire come si possa passare in un solo anno ad un tonfo simile (e non oso immaginare cosa sarebbe successo senza l’accordo con l’UE…), visto che siamo in una condizione ben diversa a livello mondiale dai due precedenti "dip". Leggi la risposta...
L’indice Kospi da più parti è visto come un’indicatore dello stato dell’economia mondiale.
In un articolo apparso oggi su Wall Street Italia, viene evidenziata un’altra conferma di veduta pessimistica da parte del “Re dei Bond” Jeff Gundlach” per il 2019 che prende in considerazione anche l’indice Kospi.

Guardando il grafico a barre settimanali si vede però sul MACD una notevole divergenza positiva sul doppio minimo.
Considerando che l’indice ha iniziato a ripiegare ad inizio 2018 anticipando gli altri mercati potrebbe essere questa una anticipazione che il 2019 potrebbe essere a due facce , prima parte negativa poi seconda positiva ? Verò però che le precedenti divergenze positive sono state rotte al ribasso…. Leggi la risposta...
Le scrivo in relazione a una considerazione, vista l’alta probabilità che l’Italia e in parte anche l’Europa entri in recessione nei prossimi 6 mesi, non pensa che la parte corta dei BTP e in generale dei bond Europei sia a rischio di forti rialzi nei rendimenti con un’eventuale appiattimento della curva dei tassi?
Per eventuale parcheggio di liquidità sarebbe preferibile utilizzare short term USA? Leggi la risposta...
A seguito di questa mail mi sorge la seguente domanda: considerato che i mercati sono già scesi di un 10% più o meno abbondante ( sp500 e eurostoxx ) o circa il 20% ( dax ), laddove ci fosse una recessione non avremmo già assisitito ad una buona parte della discesa ( 50% circa del movimento totale ) ?? Oppure la recessione che verrà sarà tale da "chiamare" una discesa ancora più rpofonda ?? E negli USA, è possibile ipotizzare una recessione così severa da pensa ad una discesa oltre il 25% dai massimi ( quindi sp500 sotto i 2.200 )? Leggi la risposta...
Le invio estratto relativo alla attuale correzione e sue ripercussioni future. Come vede la possibilità di una recessione?

A fine ottobre, l'indice MSCI All Country World ex-USA ha ceduto il 20% dal picco più recente. Secondo una ricerca di Goldman Sachs, quando un simile scenario si è venuto a delineare in passato, i successivi 12 mesi sono sempre stati accompagnati da rendimenti positivi (in media del 21,7%), purché nello stesso periodo non si sia verificata una recessione. In tal caso, infatti, i rendimenti nei 12 mesi successivi sono stati quasi sempre negativi, in media del -11,4%.

A ottobre l'indice S&P 500 ha registrato una correzione di quasi 10%. Una simile situazione in passato si è tradotta otto volte su dieci in un rendimento positivo che, nei 12 mesi successivi e in assenza di recessione, ha raggiunto in media l'11,8%. In presenza di una recessione, invece, i rendimenti nei 12 mesi successivi sono rimasti mediamente invariati.

Una correzione del mercato azionario in un contesto di espansione economica ha rappresentato nella maggior parte dei casi un'opportunità di valore. Fatta questa premessa, è evidente come la combinazione di rapida crescita degli utili societari negli USA e sell-off di ottobre abbia causato la terza maggiore flessione annuale del rapporto prezzo/utili dagli anni '70.

Se la recessione non è alle porte non c'é dubbio che questa sia una grande opportunità di ingresso. Leggi la risposta...
«L'azionario statunitense sarebbe cresciuto anche senza stimolo fiscale da parte di Trump e parlare di una bolla in questo momento non ha fondamento da un punto di vista razionale»
Leggi la risposta...
Nell'intervista rilasciata la settimana scorsa parlava dei canarini nella miniera… dicendo appunto che questi canarini sono le obbligazioni corporate ed il settore del lusso. Potrebbe provare a rappresentare graficamente il loro comportamento in relazione alla borsa americana ed alle recessioni? Leggi la risposta...