Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Questa mattina ho incontrato un mio cliente che ricopre un ruolo apicale in una nota società di logistica.
Riscontrava come negli ultimi mesi ci sia stato un rallentamento del traffico merci.
Potrei avere un suo riscontro a riguardo? Leggi la risposta...
Buongiorno, Fugnoli (il rosso e il nero Kairos) scrive quanto segue , che ne pensa?
Grazie.

"....Detto questo, c'è un raggio di sole che può dare conforto, la produttività americana. Quasi tutti i dati macro, anche quando sono vissuti come positivi, hanno possibili effetti collaterali spiacevoli. L'inflazione che scende è buona cosa, ma abbassa il pricing power delle imprese. L'occupazione che sale è ottima cosa, ma tende a lungo andare a comprimere i margini. I tassi che scendono sono apprezzabili, ma danneggiano i margini delle banche. E così via.L'unico dato che, visto dai mercati, quando è positivo lo è senza se e senza ma è la produttività. Quando questa sale gli effetti sono positivi sia per i bond sia per le azioni. Per i bond è positiva perché significa meno inflazione a parità di crescita, per le azioni è positiva perché significa più crescita a parità di inflazione.Bene, da qualche mese la produttività americana è tornata a crescere. Le imprese rispondono all'aumento della domanda assumendo e pagando di più il lavoro, ma senza forzare. Se il lavoro è difficile da trovare si comincia finalmente a investire di più.La produttività che sale è una manna dal cielo che può andare a beneficio dei produttori (retribuzioni più alte) degli azionisti (dividendi più alti) dei consumatori (prezzi più bassi) o di tutti e tre.Se questa tendenza dovesse continuare, i nuovi massimi di borsa diverrebbero legittimi." Leggi la risposta...
1) Questo è il titolo che ha dato Fugnoli alla sua ultima newsletter, nella quale spiega perché, fra alti e bassi, il mercato azionario è destinato a salire fino al 2016. (La tela ha cominciato ad allungarla anche lui, prima era fermo al 2014-15).
Ora io mi chiedo, e lei sa bene che la cosa mi disturba non poco, come può la sua analisi essere così diversa da quella di Fugnoli (che a parte le sue metafore erudite grosse sciocchezze non può dirle...)
L'analisi tecnica è probabilistica e non certa al 100%, ma può (a suo avviso) essere fuorviata così tanto se la FED dovesse perpetuare la sua politica di Q.E. negli anni a venire o cose simili?!
Oppure resta ancora dell'opinione che a breve (3-6 mesi o giù di lì) questo Bull market ciclico vedrà la fine!?

2) Buon giorno, l'articolo di Fugnoli, parla di tre studi che prevedono un'onda ancora molto lunga sui mercati azionari. Se gli Usa non chiudono il QE3, e la Bce riparte col LTRO2, dove va la liquidità se non in azioni, con i tassi così bassi? Cosa ne pensa? Leggi la risposta...
Vorrei un suo commento all'ultimo articolo di Fugnoli allegato, in quanto è discordante rispetto alle sue indicazioni (Outlook 2012 e 2013 ) sul 2013 e anche sugli anni a seguire.
Spesso Fugnoli da indicazioni di carattere generale, molto simili alle sue. Leggi la risposta...
Queste due società, che poi sono degli enti semigovernativi la cui mission è favorire la diffusione della proprietà immobiliare tra i cittadini americani, avevano un limite ai mutui che potevano assumersi : questi limiti dal 1 marzo sono stati tolti. quindi ci si aspetta che queste due società possano favorire i mutuatari che devono rinnovare mutui o accenderne di nuovi.
Oggi fannie mae è uscita con una trimestrale tremenda, con un buco di 3.6 bn usd nel quarto trimestre per mancati pagamenti di rate..
Questa mossa aiuterà il mutuatario USA, ma con u mercato immobiliare cosi bloccato e pieno di foreclosurers, staranno bene attente a chi finanziare.
Mia personale opionione : visto che stanno perdendo sui mutui che stanno già garantendo, non potranno che aprirne di nuovi ma con garanzie totali, probabilmente a quei mutuatari che avrebbero trovato i soldi comunque. Leggi la risposta...