Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

È forse arrivato il momento di vendere o c'è ancora margine di crescita? Leggi la risposta...
La Grecia è il laboratorio di quello che accadrà (anzi che sta già accadendo) in molti paesi europei, Italia compresa, quando i tagli al bilancio decisi nel 2010 si tradurranno in minori servizi, aumenti delle tasse, licenziamenti e tagli agli stipendi pubblici.

Mentre le piazze greche sono in fermento (ed i media "normali" se ne guardano bene da dare informazioni veriterie e dettagliate) e siamo alle soglie di una guerra civile, i titoli obbligazionari greci a 2 anni rendono un morigerato 27%; la borsa di Atene crolla, facendo minimi di tutti i tempi (ed essendo partita da minimi di tutti i tempi).

L'empire State Index (indice manifatturriero di New York), fa segnare -7.79 a giugno (forte contrazione) su attese di +11,8 (un disastro), il CPI (inflazione), sale più del previsto a +3.6% (prev. 3.4%); siamo al più grosso incremento tendenziale annualizzato da luglio 2008.

Credo che Bernanke (detto anche lo stampatore folle) sarà contento, poiché ora ci sono meno argomenti per un QE3. (tranne il crollo del sistema?!!!)

E noi, poveri illusi, ci stiamo a preoccupare della Grecia....!!!!

Credo che sia proprio venuto il momento di preparaci alla "tempesta perfetta".

Mi creda, non voglio assolutamente essere catastrofista, ma mi limito semplicemente a riportare fatti, situazioni e dati reali.

Cosa ci aspetta veramente, secondo Lei...??? Leggi la risposta...
Mai come in questo momento si legge di tutto e di più. Quale scenario prossimo è a suo avviso il più probabile: inflazione, deflazione o stagflazione? Leggi la risposta...
Sto cominciando ad individuare sempre più elementi che mi fanno propendere per un rialzo a sorpresa dei tassi americani.

Il consenso prevede un possibile rialzo non prima della fine del 2011 od inizio 2012... Leggi la risposta...
Premetto che la stampa specializzata non fa ancora specifico riferimento ai KIRST, ma ai mercati emergenti azionari nel loro insieme e sui quali quasi tutti gli autori sembrano avere una sorta di opinione univoca; le riassumo qui di seguito i commenti più comuni:

- paura dell'alta inflazione nei mercati emergenti e l'impatto che questa avrà nel medio termine sui mercati emergenti azionari (nel 2001 gli EMMA hanno sottoperformanto rispetto ai mercati sviluppati azionari)

- il modo migliore per trarre beneficio dall'aumento dell'inflazione é quello di concentrarsi su azioni e settori che possano migliorare il loro "real return on capital invested" e crescano nel free cash flow in linea con l'inflazione (non gli utili). Per questo motivo, tecnologia o farmaceutica sono da preferire rispetto ai settori con "capital intensive" come utilities, energia e telecom.

- la maggior parte degli indici dei mercati emergenti sono concentrati nei settori con "capital intensive" e banche, quindi soffriranno poiché l'inflazione aumenta il loro "capital requirements". Ne consegue che l'alta inflazione nei mercati emergenti e la concentrazione di questi nei settori con "capital intensive" non fanno presagire nulla di buono per i mercati azionari emergenti nel medio periodo,

- quindi mercati come Nasdaq e US Dow Jones possono essere una miglior scommessa per il 2011.

Cosa ne pensa degli argomenti elencati? Con specifico riferimento ai KIRST?

Una curiosità: è possibile conoscere l'autore di questo acronimo? Si può utilizzare "KIRST" liberamente in ogni contesto senza incappare in una qualsivoglia violazione dei diritti d'autore? Leggi la risposta...
Leggevo nell'Outlook 2011 (se non ho capito male) che l'orso darà le sue zampate ad iniziare dalla metà/fine di quest'anno e per i prossimi non solo per i mercati azionari ma anche per quelli obbligazionari (se non sbaglio si discuteva sulla possibilità più o meno remota che possa scoppiare una nuova bolla sui mercati a reddito fisso).
Intanto la BCE ha aperto le danze alzando i tassi, le previsioni che sarà seguita dalla FED a fine anno/inizio nuovo (a meno che dopo poco tempo non ci si accorga di essere entrati in recessione).
Il calo che si è visto alla fine del 2010 nei titoli a reddito fisso sconta già questa previsione di tassi in crescita oppure dobbiamo aspettarci un'ulteriore calo nei corsi?
Secondo lei dalla seconda metà dell'anno in poi, cosa converrà privilegiare nel reddito fisso: scadenze corte - medie o lunghe, titoli linked -inflaction.
Quali aree geografiche saranno da privilegiare, Nord-america sfruttando la paventata rivalutazione del dollaro potrà difendersi meglio dell'Europa o viceversa?
Ci saranno delle aree che si salveranno da questa situazione vedi mercati emergenti (Cina - India - America Latina - Russia).
Il mercato dei corporate bond sarà sempre appetibile o risentirà delle nubi che si presentano all'orizzonte? Leggi la risposta...
Le chiedo una sua analisi per un investimento di medio periodo 3/6 mesi mediante l'utilizzando dell'ETC leva3 cod. JE00B44CBN95.

Questo ETC va short su Yen e long su Euro, è nato 2 mesi fa, in un primo momento era poco liquido ma ha volumi in costante aumento e sembra stia attirando l'attenzione del mercato, lei pensa che possa essere partito un movimento direzionale duraturo di svalutazione dello Yen nei confronti dell'Euro? come lo vede questo ETC in particolare? Leggi la risposta...
Con la presente ero a richiederLe dove posso trovare una rilevazione dell'indice in oggetto, relativo all'inflazione europea ex tabacco.
Inoltre sono a chiederle una analisi tecnica dell'indice in questione. Leggi la risposta...
Ho notato che negli ultimi anni, quando avviene una tragedia umana (attentato, disastro nucleare, terremoto, guerra) il mercato azionario, dopo i primi giorni di reazione emotiva, tende ad immunizzarsi. Ci sono degli studi in tal senso?

Più nello specifico, in uno dei suoi ultimi rapporti giornalieri suggeriva questo come un buon momento per entrare nei KIRST, laddove si fosse ritenuta passata l'emergenza Giappone. Nel caso dovesse verificarsi la correzione prevista per Aprile/Maggio, ritiene che i KIRST possano essere meno colpiti e/o conviene forse attendere quel momento per finalizzare il punto di entrata? Leggi la risposta...
Anche le valute sono in gran fermento in questi periodi di tensione in Africa (Libia) e Giappone (nucleare). Un cliente mi chiede lumi sul possibile andamento del franco svizzero. Leggi la risposta...