Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Rileggendo il report secondo semestre mi sono soffermato sull'articolo disinflazione. Mi puo' gentilmente ricordare perche' nel rapporto Unilever/Unicredit il primo rappresenta le pressioni deflazionistiche e il secondo inflazionistiche?
Inoltre, e' possibile fare alcune considerazioni/proiezioni sul mercati Nasdaq e FTSE100? Leggi la risposta...
Le rinnovo i complimenti sul servizio e la competenza, ripeto da consigliare.
Le faccio questa domanda, perché è un po’ che ci sto pensando e volevo sentire il suo parere.
Tutti parlano di inversione della curva in America e in effetti la preoccupazione c’è, guardando le curve dei rendimenti 2-10 in Europa siamo su livelli vicini allo zero anche in Germania e in Francia.
Storicamente (guardando un grafico a 30 o 40 anni) le inversioni delle curve che precedono una vera e propria recessione vengono quando i tassi a lungo vengono raggiunti dai tassi a breve e successivamente convergono verso il basso non quando i tassi a lungo vanno verso quelli a breve come sta succedendo. C’è se non sbaglio un precedente relativo al 98 che somiglia molto all’attuale situazione, ma che poi non è sfociato appunto in una recessione.
Altra cosa che è strana sono i livelli di inflazione che ci sono in Germania e Stati uniti, nelle altre occasioni in cui i tassi a lungo si sono schiacciati verso il basso era in presenza di livelli di inflazione in forte rallentamento diretti verso valori negativi, al momento tutti parlano di deflazione ma l’inflazione tedesca è sopra l’1% senza collassi particolari rendendo in questo modo i tassi reali fortemente negativi.
Che ne pensa di questa dinamica, è possibile che questa corsa sfrenata dei bond sia solo un clamoroso abbaglio del mercato ?
Ultima cosa sul settore bancario, nell’eventualità che la sua visione (da me condivisa) di un possibile ritorno dell’inflazione si realizzi, non pensa che il settore bancario italiano ed europeo, disintegrato negli ultimi 10 anni prima da una crisi devastante e poi da tassi di interesse sotto lo zero, possa essere un ottimo mercato su cui puntare magari accumulando sugli storni? Leggi la risposta...
Leggevo con interesse il suo commento di oggi ed il richiamo alle sue previsioni di metà anno. Lei fa riferimento alla possibilità di un ripresa delle economie a partire dall'autunno come effetto gli stimoli degli ultimi mesi, ed al conseguente rialzo dei tassi. Mi sono spesso domandato in questi ultimi tempi dove sarebbero finiti i tassi di interesse diciamo parametrici, come quelli Americani, nel medio termine. Vi è addirittura qualche analista che parla di deflazione da debiti strutturale. Ma se invece ci trovassimo, come diceva, nella possibilità di un rialzo dei tassi, naturalmente finiremmo per avere la fine del mercato obbligazionario positivo, almeno temporaneamente. Lei cosa ne pensa? E quando pensa che possano arrivare questi primi segnali in questo senso? Leggi la risposta...
Le riporto di seguito un articolo di Ray Dalio (https://www.linkedin.com/pulse/paradigm-shifts-ray-dalio/) dove nella Parte 2 riporta la sua analisi su come cambierà il paradigma economico nei prossimi anni. In sintesi, salvo miei errori di interpretazione, l’analisi riporta una prospettiva in cui le banche centrali continueranno a dover stampare moneta per far fronte alle passività in scadenza in un contesto di maggiori tensioni sociali e tra paesi e dall’altro lato ad una situazione di reflazione in cui faranno bene le asset class come l’oro (come anche lei riportava nel suo outlook!). Lei cosa ne pensi dell’analisi?

Un’ulteriore domanda sul trend dei tassi d’interessi nel prossimo decennio: nel suo outlook a pag.38 l’analisi demografica sembrerebbe suggerire una ripartenza strutturali dei tassi d’interesse. Tuttavia faccio fatica a comprendere come si possa conciliare dall’altro lato con una produttività in costante calo e con delle prospettive di banche centrali che continueranno a dover “monetizzare” il debito. A suo avviso dove sta l’equilibrio? Leggi la risposta...
Leggo da l'Esperto Risponde del 30/5/19 "In secondo luogo, il rendimento dei TIPS, dopo una prolungata incertezza attorno alla linea mediana del canalone degli ultimi sei anni, accenna un ripristino del declino, che nel caso condurrebbe verso la parete inferiore. Ricordo di aver mostrato questo grafico quando eravamo ancora nei dintorni dell'1.00%."

e segue il grafico TIP $ (cm) Yield .

Detto grafico come si ottiene? Da cosa deriva? Non avendo un fornitore come posso ricavarlo?

Inoltre dato che la mia banca non mi fa accedere a Ishares barclays Treas Inflation etf, esiste un etf simile sulla borsa italiana? Leggi la risposta...
Vorrei ritornare sulla segnalazione di acquisto dei treasury americani indicizzati al costo della vita.
La domanda verte sulla possibilita' che il declino dei rendimenti a cui abbiamo assistito possa dirsi esaurito, o se ci sono ulteriori margini verso il basso. Leggi la risposta...
Mi sto chiedendo in questi giorni, vedendo i dati economici che escono, se questa deflazione da debiti non porti i rendimenti obbligazionari ancora più in basso.
Come si concilierebbe questo con una ripresa favorevole, seppur con alti e bassi, dei mercati azionari?
Sono sempre i favoriti? Leggi la risposta...
Le scrivo in relazione a un ragionamento che vorrei condividere con lei.
Analizzando il momento attuale troviamo un contesto chiaramente deflazionistico, un rallentamento economico in atto, inflazione in rallentamento un po’ ovunque e yield bond gov in fase discendente.
Stavo vedendo però che i rapporti tra gli indici europei (Es. DAX o Eurostoxx) con le borse Cinesi o indice EEM risultano sui minimi storici (a favore europa).
In questo contesto una nuova aggressiva politica monetaria + fiscale in Cina/europa/usa non pensa che potrebbe scatenare un ritorno importante dell’inflazione con aumento progressivo delle materie prime? Una importante futura discesa dell’USD (simil 2002-2008 come ipotizza nell’outlook) pensa possa aiutare questo scenario?
Ultima cosa, la difficoltà attuale dell’economia in uno stato di stagnazione ormai duratura con un pesante aumento dell’inflazione e di riflesso con aumento dei rendimenti obbligazionari creerebbe la peggior situazione economica possibile, pensa possa essere ipotizzabile nel futuro? Leggi la risposta...
Il buon Mazzalai è spesso avanti con i compiti ma diciamo che rispetto al Suo ragionamento di stamani sull'inflazione siamo agli antipodi. Leggi la risposta...
Non so se la domanda sia stupida o mal posta, ma è mai successo che i bond abbiamo mentito/sbagliato previsioni? È evidente che i bond in questa fase scontino bassa inflazione e probabilmente fine del ciclo espansivo, quindi ancora necessità di sostenere l'economia con QE.
Spero di essermi spiegato. Leggi la risposta...