Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Buongiorno Dottore, non sarà invece che lei se l'é presa tanto coi consulenti finanziari che dicevano di mantenere e con la finanza comportamentale e invece hanno avuto ragione loro? Secondo le sue indicazioni avremmo dovuto avere già da qualche settimana il 6% di azioni perdendo così la gran parte di questo rialzo furioso quanto veloce. Proprio come dicevano 'loro': l'importanza di restare sempre investiti per non perdere i giorni con i rialzi maggiori.
E' vero, e gliene do' atto, che lei aveva suggerito con molta forza di uscire subito dopo i primi crolli, quindi, potendolo fare con lo stesso tempismo, si sarebbe preso molto meno della seconda parte del ribasso. Ma poi si sarebbe stati completamente fuori.
Mi scusi la franchezza ma uscire quando lo ha detto lei, vista la velocità del ribasso, era praticamente impossibile su portafogli tradizionali, magari gestiti. Quindi dopo il primo -20 -25 andare ad azzerare forse non aveva più senso ed aveva ragione chi diceva di non vendere. Come la mettiamo? E soprattutto ora si resta fuori in attesa di un ribasso?
Un'ultima considerazione: probabilmente tutti gli schemi di analisi sono saltati per la eccezionale mobilitazione di Banche Centrali e Governi che stanno facendo pensare al 'dopo' anziché alla situazione in corso. Quindi anche il P/E sarà anche alto e diventerà altissimo con le revisioni sugli utili, ma stiamo parlando di utili del 2020 che non si possono proiettare negli anni successivi con un normale ragionamento che seguirebbe una normale recessione. Questa ha impatti fortissimi nel breve, ma grazie alla potenza di fuoco messa in campo, avrà un recupero altrettanto breve al termine dei lockdown, diciamo quando ci sarà una cura o un vaccino. Non è una recessione nata da squilibri che necessitano di molto tempo per essere riassorbiti come in tutti i casi precedenti.
Sempre che i lockdown non durino molti mesi e il vaccino o la cura non arrivino entro il 2020 e allora i danni e gli squilibri potrebbero diventare più seri e richiedere più tempo per essere riassorbiti.
Cosa ne pensa? Leggi la risposta...