Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Fino al RG di giovedì scorso avevo le idee chiare, massimi raggiunti e imminente ripresa del ribasso, mi riferisco ai mercati Usa, poi arriva il RG di lunedì dove scrive di rimbalzo probabile addirittura di alcune settimane (modello elezioni presidenziali Usa doppio mandato democratico), infine oggi martedì viene rispolverato il Toy (stagionalità sfavorevole =ripristino del ribasso ), sinceramente non mi sembra un quadro molto chiaro almeno nel breve termine, che ne pensa? Leggi la risposta...
Che ne pensa della divergenza in oggetto? Non sarà che uno dei 2 stia dicendo una bugia. Potrebbe fornire lo stesso grafico relativo al periodo maggio 2007/febbraio 2008? Leggi la risposta...
Vorrei sapere se alla luce del nuovo QE varato da Draghi, le prospettive sui mercati sono variate. Lei prevedeva un rialzo del mercato sino a fine aprile, ed il nostro indice sino a circa 20500 e poi un maggio in laterale prima di un nuovo affondo su nuovi minimi dell'anno, probabilmente almeno 14800 del FTSEMIB.
Potrebbe ora grazie alle nuove misure varate iL nostro indice andare a chiudere il gap a 21400...?! E non fare nuovi minimi...?! Dando per minimi dell'anno quelli avvenuti l'11 febbraio...?!
E quindi una prima parte dell'anno simile al 2008, mentre una seconda parte decisamente più positiva, magari con rialzi simili al 2009 o al 2014...?! Leggi la risposta...
Ho seguito con attenzione, ed ammetto anche con soddisfazione, il ribasso sui titoli bancari, violento su alcuni, chirurgico su 3 : Intesa, Popolare di Milano e Mediolanum. Uno short semplice come segnare un goal a porta vuota: gap enormi aperti nel gennaio del 2015 che andavano chiusi !!! (nessuno ne ha parlato?) e l'analisi tecnica insegna che i gap vanno chiusi, prima o poi, ed alla rottura dei 20000 dell'indice la strada era aperta.

Resta dell'idea di un re-pricing, violento, ma re-pricing visto come esso è stato condotto su alcuni titoli (e mi riferisco al fatto che mentre quasi tutti i bancari sono sprofondati vs. i minimi del 2012 ISP e BPM e Mediolanum sono ben sopra, per adesso), certamente il mercato non ha ancora fatto il suo vero minimo definitivo (mi pare di capire che qualcuno ventili area 13000 di ftse mib, sono pronto a scommetterci! Salvo qualche evento imprevedibile....)

BPM ha annunciato tra l'altro un dividendo di 0,027 (!) per azione e la primavera alle porte è all'insegna in Italia di grandi aggregazioni.

Vengo al dunque, ho visto i grafici:

DAX (sul giornaliero si sta disegnando una divergenza rialzista tra stocastico momentum index e prezzi tre minimi discendenti di prezzi 12/2015 - 01/2016 e 02/2016 con minimi di stocastico momentum index che non seguono al ribasso, anzi ultimo in netto rialzo)

ftse mib = idem anche se meno accentuato

se l'euro recupera vs. dollaro fino a 1,15 per poi ripiegare verso 1.10/1.08 (le esportazioni rifiatano), con conseguente smorzamento della corsa dell'oro; magari, dopo Yellen che oggi ha smorzato le tensioni un Draghi non ostile in marzo, è azzardato un rialzo del 20 % del Dax fino ai 10500 resistenza dinamica che unisce i massimi decrescenti del 2015?

per il ftse mib, un rialzo anche del 30 % fino ad area 20400 - 21000 considerato anche la propizia stagione primaverile delle aggregazioni bancarie?

lei suggerisce cautela ed attesa ancora per alcuni giorni, sono d'accordo: vale la pena poi essere "arruffoni" sul mercato e calcare la mano negli acquisti anche a leva?

a proposito di gap aperti: questa volta ricordiamoci che il ftse mib short (lyxor) sul giornaliero in data 04.01.2016 ha aperto un gap a circa 22.....che prima o poi dovrà essere chiuso. Leggi la risposta...
Può spiegarsi meglio quando nel RG di oggi dice che il prossimo sarà un minimo di momentum e non di prezzo? Leggi la risposta...
Arrivati a questo punto speriamo di mantenerci (soprattutto per i cassettisti) sopra i livelli dello scorso Agosto e in questo momento ci siamo ancora (vedremo poi in chiusura stasera o lunedì mattina).
Un'altra osservazione penso interessante che vorrei fare è che il nostro spread è ancora stranamente a livello molto basso; questo storno l'ha portato in questo momento a circa 143 punti, un livello direi che è variato poco rispetto a quelli registrati nelle scorse settimane (con però il ftsemib a circa 21/21500 punti e minimi spread intorno a 130).
Volevo far notare che ad agosto queste due grandezze (spread e ftsemib) erano si inversamente proporzionali ma in maniera mooolto più accentuata.
Il livello che lei sosteneva in passato essere diciamo da iniziare a considerare preoccupante (e di conseguenza per il ns listino) è oltre 170 punti (sua risposta a seguito di mia domanda di fine estate), io personalmente penso oltre i 200 punti.
Che tipo di correlazione possiamo trarre tra queste due grandezze apparentemente non omogenee?
Quello che mi preoccupa a questo punto per la sua tenuta sopra i minimi di Agosto, non è il nostro listino in se e la sua forza relativa ma, la debolezza dei due listini guida (dax e sp500) con il primo che è sceso oggi sotto gli 8900 punti (perdeva a metà giornata oltre il 2%) e l'altro ad un punto percentuale sopra il minimo di agosto!
Che succederebbe a noi se questi due continuassero a scendere? Leggi la risposta...
Nel RG di questa mattina ha fatto riferimento allo "scollamento" tra andamento dello S&P500 e lo spread sui Corporate Bond ad alto rendimento americani.
Mi è tornato quindi alla mente l'articolo pubblicato il 16 giugno 2014 su SmartTrading a cura del bravo Alvin A. River "Cerchi di individuare il Top? Da' un'occhiata al 1987".
C'è un qualche collegamento tra le due analisi?
Senza che ci si possa aspettare un 1987, pensa comunque che sia probabile, da qui a settembre, un'opportunità di ingresso a prezzi migliori (vista anche la stagionalità del secondo semestre del secondo anno del ciclo elettorale? Leggi la risposta...
Dando un'occhiata ai grafici del cambio euro-dollaro e della borsa italiana balza all'occhio una certa divergenza: entrambi seguono (o hanno seguito) l'evoluzione dello spread btp-bund e allo stato attuale il cambio si trova sui minimi raggiunti agli inizi di giugno mentre la borsa italiana ne è abbondantemente distante. Ora... come lei ama dire... uno dei due mente?... oppure sono cambiate le situazioni? È il cambio evidentemente sottovalutato oppure la borsa italiana ha deciso di muoversi indipendentemente dallo spread? Leggi la risposta...
In relazione al confronto del DJ Industrial vs Transportation utilizzato come studio previsionale dell'andamento borsistico sino a fine anno, chiedo conferma se il periodo di ribasso potrebbe riassumersi dalla data (omissis), prima della successiva fase di rialzo. Leggi la risposta...
L'altra sera sulla CNBC americana, dopo aver messo in evidenza la divergenza tra dow industrial e quello transportation (e lei ci ha spiegato la scorsa settimana cosa succede in tal caso) parlavano della discesa e delle rotture di importanti livelli per il russell 2000. A questo punto le chiedo cosa succede al mercato "maggiore" dopo aver assistito ad una debolezza del mercato "minore" in sostanza quest'ultimo anticipa dei movimenti oppure no? Leggi la risposta...