Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Vorrei chiederle un paio di cose.
La prima: i problemi legati alla quotazione del petrolio che colpisce direttamente il mondo dello shale oil che impatto può avere sia sull'economia che sulle banche Usa ?? La parte banche gliela chiedo consderando l'impennata dei cds di questi giorni
La seconda: quello che sta facendo l'Italia come risposta economica alla situazione di paralisi va nel verso giusto, ovvero sostiene la domanda. Non sono in grado di valutare se è sufficiente ma quello che mi interessa in questa affermazione è che la direzione sia giusta ( se me lo conferma ). Ora pur riconoscendo che l'Italia non ha il peso di Usa, Cina, Germania la domanda che mi sorge è: perché gli altri stati non dovrebbero fare altrettanto ?? Ed in questo caso, questo tipo di orientamento ritiene che sia la vera chiave di uscita da questa situazione, magari nel 2021? Leggi la risposta...
Poco fa riascoltavo con piacere una sessione in internet di statistica in particolare in merito ai cigni neri; questo, covid19 + crollo delle borse, non è un cigno nero (impatto, imprevedibilità, senno del poi)
Un po'tutti sapevamo che in cina cera questo problema, e tutti il 21 febbraio sapevamo che i primi casi erano stati diagnosticati in italia; e che negli anni scorsi c'erano state già delle particolari epidemie (dagli anni 50 ad oggi)

credo che si sia sbagliato il metodo:
- i modelli dicevano rialzo, anche se ad un termine
- in cina si sviluppava questa influenza:

la domanda che credo dovevamo farci tutti da investitori, coscienti dell'influenza in cina, era:

che probabilità ci sono perché l'influenza si diffonda in europa e/o nel resto del mondo ? a fronte di questa probabilità superiore allo zero cosa faccio ? sto fermo ? vendo tutto o parte ? mi proteggo con posizioni al ribasso ?

di conseguenza, si aprono o meno posizioni al ribasso, vendono o meno tutte le azioni.

adesso molti buoi sono scappati, buona parte, ma mi chiedo se la seconda domanda che dobbiamo porci è la seguente:

considerata la guerra sui prezzi del petrolio (con tutto ciò che ci sta dietro) cosa potrebbe succedere ai produttori di shale oil in USA ? nell'ipotesi in cui falliscano la buona parte cosa può succedere al mercato usa ?

ergo, che atteggiamento avere nei confronti del mercato usa ? e di riflesso di quello europeo ?

vendere, per chi non lo ha fatto, mi sembra tardi soprattutto se titoli buoni che pagano regolarmente dividendi: aprire posizioni short ?

Forse il vero cigno nero è la decisione araba di aprire i rubinetti considerato che spiazza tutti compresi gli alleati storici usa.

imprevedibile = manco gli usa - produttori di shale oil - interessati a prezzi alti se la aspettavano

di impatto rilevante = può affossare un settore in usa con ripercussioni finanziarie notevoli di banche esposte in contesto di emergenza - quasi sanitaria -

del senno del poi = a posteriori nessuno si sarebbe aspettato una decisione del genere degli arabi (i russi si alzano dal tavolo perché non d'accordo a chiudere i rubinetti come chiesto dalla lega araba e gli arabi cosa fanno ? inondano il mercato di petrolio !!!) Leggi la risposta...
Immagino che anche per Lei sia un periodo di difficile riflessione, perché siamo davanti ad un fatto mai successo in questa dimensione: una pandemia senza riferimenti nella storia recente. Una pandemia che non sappiamo se e come controlleremo.
Ma, come sembra stia avvenendo in Cina, se andassimo verso il controllo dell'epidemia (pensando anche che siamo in primavera, non in autunno, che si sono imposte misure draconiane, che la medicina moderna è la migliore mai avuta nella storia dell'umanità) entro uno/due mesi, non pensa che il dramma dei mercati rientrerebbe rapidamente? Leggi la risposta...
Tra gli innumerevoli modelli e serie storiche snocciolate in questi giorni manca il Delta System, come si sta comportando?Vale la pena seguirlo? Ok il taglio dell'esposizione azionaria, ma se poi si trattasse di una correzione e non un'iniezione di bear market, avrebbe senso vendere titoli magari anche in perdita e spostarsi su quei titoli segnalati settimana scorsa e che dovrebbero beneficiare di un cambio di abitudini legato al corona virus? Leggi la risposta...
Interessantissimo questo grafico, si potrebbe replicare per altri indici, come l'MSCI world oppure lo S&P 500?
Intendo l'andamento a partire dall'ufficializzazione della pandemia e l'evoluzione nei mesi successivi?
Mi pare che questo caso sia drasticamente diverso, ma potrebbe comunque fornirci uno spunto di discussione con i clienti. Leggi la risposta...
Alla luce dell'approdo in area 47,50 (supporto?) possiamo ancora fare affidamento sulla stagionalità o bisogna rivedere il tutto? Nel caso quale sarebbe la strategia da adottare e relativi TP? Leggi la risposta...
Buongiorno Dott. Evangelista, a proposito di sentiment: dice di riscontrare poco pessimismo tra noi abbonati per l'assenza di domande preoccupate, noto poi come nella sua produzione su linkedin, prolifica e spesso anticipatrice di temi da approfondire sul RG o addirittura esclusiva, venerdì scorso abbia mostrato come il Panic euphoria model di Citi avesse raggiunto livelli di guardia insieme ad altri indicatori di accondiscendenza degli operatori sullo stato di salute dei mercati. Ci troviamo quindi anche questa volta ad essere colti di sorpresa da contraccolpi che vanificano mesi di lenta salita e frustrano gli umori dei clienti, i quali da tempo insistevano per prendere profitto sulle laute plusvalenze maturate nei mesi scorsi. In sintesi, cosa aspettarci adesso? Come coniuga l'informazione derivante dagli indicatori di sentiment tirati con l'evidenza di deflussi record da fondi ed etf azionari più volte segnalata?

Inoltre, per la anche qui tanto agognata ripartenza del petrolio... può essere interessante studiarne il comportamento prima e dopo le passate pandemie per trarne ulteriori spunti predittivi? Il rallentamento economico derivante dalla pandemia può depotenziare gli elementi a favore della ripartenza del wti verso i target sopra i 70 dollari attesi? Leggi la risposta...
Le volevo semplicemente chiedere se questa forte accelerazione della volatilità, associata a una diminuzione consistente dei valori di borsa un po' in tutto il mondo, cambino la sua prospettiva di arrivare al mese di aprile e di lì di iniziare un periodo di lenta diminuzione delle quotazioni fino all'autunno (all'appuntamento con le votazioni presidenziali americane). Leggi la risposta...
Le avranno gia' fatto questa domanda... ma ci puo' indicare qualche titolo e ETF interessante in ottica di cio' che sta accadendo? Leggi la risposta...
Ho alcuni clienti che negli ultimi giorni hanno deciso di “passare all’incasso” sui propri investimenti per aspettare momenti migliori per rientrare (migliore più di questo periodo non saprei quale….!)
spaventati dalle notizie dei MEDIA dove dicono che nei prossimi 10 anni almeno 2 su 3 si ammaleranno nel mondo di questo virus, mercati sui massimi e soprattutto l’idea di un non ben quantificato rallentamento economico dovuto a questa pandemia che costringe (sempre secondo i media) oltre 60 milioni di lavoratori cinesi a stare a casa.
Lei cosa pensa di questa situazione e soprattutto di queste notizie così catastrofiche..!? Leggi la risposta...