Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Stavo osservando i principali indici mondiali per verificare la sensazione nata osservando il grafico sui Paesi emergenti su un supporto cruciale che forse, fatto salvo i FANG con le loro varie declinazioni, non venivamo da mercati così esuberanti.
L'MSCI World si trova sui massimi del 2007, 13 anni fa.
L'Eurostoxx si trova ai livelli del 2004, 16 anni fa, coi massimi del 2000 che furono attorno ai 5500 punti, oggi 2500.
Gli emergenti hanno appena rotto una media pluridecennale e sono ben lontani dai massimi.
Ma quindi se non ci fossero stati banche centrali e buyback azionari dove sarebbero stati questi mercati? Siamo sicuri che meritino un bear market così devastante, senza essere stati particolarmente eccessivi in senso contrario? Il rendimento di un portafoglio equiponderato negli ultimi 15 anni, non è inferiore alla media storica?
E' vero che ci sono stati i dividendi, che la globalizzazione ha eroso profitti e portato deflazione, ma non è più corretto temere ancora oggi più la bolla presente sull'obbligazionario rispetto alla sostenibilità dell'investimento in equity e nelle ulteriormente bistrattate materie prime? Leggi la risposta...
Anche su questo indicatore c'é stata la rottura ribassista? Leggi la risposta...
A che punto siamo col numero dei semafori rossi di allarme?
Avendo fondi assicurativi che investono sull'azionario internazionale, ha senso cambiare ora in paesi emergenti?
Leggi la risposta...
Se lei fosse mio cliente ( per una volta cambiamo i ruoli ) lo aprirebbe un piano di accumulo a 3 anni ?? Leggi la risposta...
Fino a che valore potrebbe spingersi il mib come estenzione del rialzo dopo la seduta drammatica di ieri? (-11,30%) entro fine settimana grosso modo un top? casomai dopo la BCE? Leggi la risposta...
Viviamo tempi straordinari (purtroppo per noi che eravamo dentro long). Riflessione marginale. Non crede che la "droga" rappresentata dalla liquidità immessa dalle banche centrali vanifichi anche l'analisi tecnica? Abbiamo assistito ad un fenomeno unico.
Le faccio una domanda difficilissima (anche perché non abbiamo ancora una base di partenza, ovvero un punto di fermata della discesa). Dove può spingersi il rimbalzo da ipervenduto (che userei per mediare e poi scappare a gambe levate)?
Perché siamo su livelli oggettivamente elevatissimi, non è pensabile continui la discesa senza scaricare gli eccessi (forse, vista l'eccezionalità della settimana). Leggi la risposta...
Le scrivo mentre a wall street, soprattutto il comparto tecnologico, sta mettendo a segno un rialzo che normalmente si ammira dopo che il mercato è reduce da un ribasso pesante e rimbalza con violenza piuttosto che nel momento in cui segna nuovi record. Io come lei preferisco 4 giorni da più 0,7 per cento che uno solo da più 2,8 cento. A me sembra che stiamo entrando in un mercato un po' troppo su di giri. E a febbraio gli scherzetti non mancano guardando alla storia della stagionalità. Sono troppo pessimista? Leggi la risposta...
Complimenti per il grande e illuminato lavoro per l'Yearly Outlook 2020.

Gradirei un chiarimento, se possibile. Come conciliare quanto evidenziato a pag. 175 con quanto prevedono le pagine 184 e 187 che mi sembrano contrastanti: la 175 prevederebbe un forte calo per il prossimi 5-10 anni già a partire da quest'anno mentre le pag. 184 e 187 prevedono una buona performance per l'anno appena iniziato.... Leggi la risposta...
Tempo fa si era fatto uno studio circa il d Jones con il target a 100 1000 10000 100000 si ricorda io sono un credente sarebbe possibile avere un aggiornamento e un suo parere grazie Leggi la risposta...
Da quanto leggo non la vedo positivo per il prossimo anno, penso che con l’outlook del 2020 ci spiegherà meglio, ma intanto vorrei capire qualcosa a riguardo.
Oggi Novembre parliamo di svolta positiva del ciclo economico, di situazione simile al 2016/17, di ripresa paesi emergenti e inflazione, e a Gennaio già vede la fine della ripresa?
Dopo 3 mesi?
Con l’occasione le faccio una domanda, con la rottura delle resistenze storiche che si stanno verificando sui listini continentali non pensa che queste possano diventare presto supporti per il prossimo storno del mercato?
Esempio, se il Ftsemib dovesse rompere 23500/24000 zona che ha delimitato tutte le riprese degli ultimi 10 anni non pensa si possa spingere ampiamente più in alto prima di riatterrarci sopra e testarla?
Ultima cosa è una riflessione relativa ai flussi di liquidità e sulla finanza comportamentale, come lei ci ha mostrato varie volte (e le faccio i miei complimenti) c’è stato un enorme deflusso di liquidità dai fondi azionari e nonostante questo abbiamo rotto i massimi, cosa succederà quando questa liquidità tornerà sull’azionario insieme al probabile deflusso dal mercato obbligazionario? C’è la possibilità che si crei una bolla improvvisa simile al 2000?
La ringrazio come sempre e le rinnovo i miei complimenti. Leggi la risposta...