Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Dopo aver letto il Sole 24 ore in data 30/09/17 resto un po' perplesso su cosa fare.
Da una parte abbiamo la valuta dollaro che ha penalizzato l'investimento extra-UE, materie prime non parliamone, le obbligazioni se va bene hanno un rendimento a ZERO se non negativo, rimango dubbioso e perplesso su cosa fare da qui a fine anno ai clienti per strappare un risultato lusinghiero.
Molti clienti restano scettici nell'entrare ora sul mercato azionario qualsivoglia, e sinceramente qualche dubbio incomincio a nutrirlo anch'io.
Non vorrei trovarmi a comprare sul "picco massimo" per poi subire una batosta anche del 10-20%
Difficilmente i clienti sarebbero in grado di reggere una simile debacle, visto che spesso ricordano ancora con estremo dolore il 2008.
Cosa consiglia..?!
Abbiamo ancora margini di crescita dei mercati accettabili...?! Leggi la risposta...
Stamattina Il Sole 24 ore ha pubblicato un articolo dal titolo "Mercati mai così "cari" da due secoli(!). È la madre di tutte le bolle"? il quale riprende un recente studio degli analisti di Deutsche Bank (bravi dico io, anche dopo quello che ha risposto stamattina Lei ad un lettore, prima di tutto a reperire i dati di due secoli fa!).

Anche un altro articolo di qualche giorno fa pubblicato su "Advisor Professional" dal titolo "Mercati in bolla? 5 fattori di rischio da monitorare", riprende l'argomento citando un'analisi fatta dalla società di investimento indipendente Ethenea il cui focus è la preservazione e l'incremento del patrimonio affidato (cito testualmente ciò che c'è scritto nell'articolo...).

Ora, dico io: sicuramente se crash sarà, credo che sarà, molto probabilmente, il crash più annunciato almeno... degli ultimi due secoli, non crede?

Mi permetta una domanda più "tecnica": ho letto qualche giorno fa che la popolarità di Trump è ai minimi termini (nonostante la proposta di taglio delle tasse, il che è tutto dire...). Mi pare che tempo fa citò un'analisi secondo la quale se la percentuale di gradimento del Presidente USA scende sotto una certa cifra, ci potrebbero essere ripercussioni negative sui mercati, o mi sbaglio? Leggi la risposta...
Ho alcuni clienti che hanno delle posizioni in essere sul fondo Franklin Biotechnology Discovery N $ LU0122613499 che attualmente presentano una performance negativa del 3/4%. Alla luce di quanto riportato nel RG odierno, ritiene che sarebbe una mossa premiante incrementare in modo non eccessivo le posizioni in un'ottica tattica? Leggi la risposta...
Ho seguito con interesse il suo intervento su Le Fonti Tv. Le allego uno screenshot del chart da lei pubblicato in trasmissione. L'istogramma di sua elaborazione segnala con dei picchi apprezzabili i crash dell'87 e del 2000.
Ma resta piatto durante la crisi dei mutui subprime, comunque una delle più drammatiche della storia dei mercati.
Come va interpretata questa assenza di segnale?
Lo chiedo, tra l'altro, perché il ciclo decennale degli anni che finiscono col 7, raramente negli ultimi 100 anni ha mancato un appuntamento (top tra agosto e settembre e bottom fine ottobre-inizio novembre).
Il suo istogramma (insieme ad una serie di considerazioni che ci sottopone quotidianamente sul mercato Usa) autorizzerebbe invece a rilassarsi e a Tradare long. Leggi la risposta...
Vorrei un suo commento sui diversi spunti al report allegato. Leggi la risposta...
Leggendo Milano Finanza del 17 settembre 2016 mi sono imbattuto in un articolo che esprimeva non poche perplessità sui mercati finanziari, giudicandoli se non proprio in bolla, decisamente cari! L'articolo di Massimo Brambilla spiega che il vero problema arriverà dalla BOJ che con il suo nulla di fatto, anzi con una parziale marcia indietro del QE cercherà di alzare la curva dei tassi a lungo, questo creerà ripercussioni negative sul mercato azionari globale ed un sell-off su numerosi mercati obbligazionari. Inoltre spiega che in qualsiasi modo si guardi il mercato azionario americano è decisamente sopravvalutato, il rapporto tra prezzo e utili attesi per il 2016 continua a rimanere nettamente sopra la media storica pari a 15, e la prospettiva non cambia nemmeno con il basso livello dei rendimenti decennali. Nello stesso articolo viene citato un report diffuso il 12 settembre da Goldman Sachs che afferma che la crescita del mercato del lavoro sta perdendo colpi, molta debolezza nel settore manifatturiero e nelle previsioni di ribasso sugli utili aziendali e quindi sulle valutazioni borsistiche. In altre parole, afferma che gli attuali prezzi di borsa non sono supportati dai fondamentali. Sempre GS vede l'S&P 500 a quota 2175 tra 12 mesi e 2200 alla fine del 2017, mentre prevede una discesa almeno per le prossime 4 settimane. Mi sembra che queste analisi contrastino non poco le sue analisi, dove se non ricordo male, debolezza a parte del mese di settembre primi di ottobre, prevede poi un'accelerazione per i listini statunitensi, dove lei stesso non li ha mai definiti in bolla. Come vede lei la situazione e l'analisi di questo articolo!? Leggi la risposta...
Vorrei un suo commento sui diversi spunti al report allegato. Leggi la risposta...
Vorrei un suo commento sui diversi spunti al report allegato. Leggi la risposta...
Cosa ne pensa di questo articolo? Leggi la risposta...
Mi interesserebbe sapere dal punto di vista tecnico e stagionale possibili target per il Biotech index. Possibili target anche per Valeant pharma e Endo international entrambe a ridosso dei minimi delle ultime 52 settimane. Leggi la risposta...