Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Vedendo nell'rg odierno il grafico dell'overheating indicator nella sua parte bassa le chiedo la spiegazione della linea tratteggiata e dell'area piena che si trovano nell'istogramma. Leggi la risposta...
Da quanto leggo non la vedo positivo per il prossimo anno, penso che con l’outlook del 2020 ci spiegherà meglio, ma intanto vorrei capire qualcosa a riguardo.
Oggi Novembre parliamo di svolta positiva del ciclo economico, di situazione simile al 2016/17, di ripresa paesi emergenti e inflazione, e a Gennaio già vede la fine della ripresa?
Dopo 3 mesi?
Con l’occasione le faccio una domanda, con la rottura delle resistenze storiche che si stanno verificando sui listini continentali non pensa che queste possano diventare presto supporti per il prossimo storno del mercato?
Esempio, se il Ftsemib dovesse rompere 23500/24000 zona che ha delimitato tutte le riprese degli ultimi 10 anni non pensa si possa spingere ampiamente più in alto prima di riatterrarci sopra e testarla?
Ultima cosa è una riflessione relativa ai flussi di liquidità e sulla finanza comportamentale, come lei ci ha mostrato varie volte (e le faccio i miei complimenti) c’è stato un enorme deflusso di liquidità dai fondi azionari e nonostante questo abbiamo rotto i massimi, cosa succederà quando questa liquidità tornerà sull’azionario insieme al probabile deflusso dal mercato obbligazionario? C’è la possibilità che si crei una bolla improvvisa simile al 2000?
La ringrazio come sempre e le rinnovo i miei complimenti. Leggi la risposta...
La sfilza di HO, se non sbaglio (penso... non ricordo più bene), circa una ventina di segnali, registrati tra maggio e giugno 2018 alla fine sono stati in qualche modo profetici. Il panico alla fine dell'anno era palpabile e penso che nessuno in quel momento avrebbe mai potuto immaginare un primo trimestre 2019 che risistemasse tutto....

Ora tutto è rientrato, ma ricordo anche che nei numerosi RG, dedicati al record di HO rilevati in quel periodo, si faceva riferimento al fatto che al manifestarsi di questi segnali gli eventuali "reali effetti" non sarebbero stati immediati, mi sembra anzi si dicesse che il movimento "statisticamente previsto" si concretizza piuttosto in là nel tempo.

Il suo punto di vista attuale sul tema?

Ancora, secondo me attinente: quella descritta nel report settimanale di un'altra società di consulenza, di cui allego uno stralcio, ha secondo lei un qualche fondamento statistico?

Si fa riferimento ad un pattern basato sulle manie speculative, che avrebbe un andamento quasi perfettamente sovrapponibile a tutte le storiche e più note bolle... e ovviamente a quella più attuale dei FAANG. Sempre che la si possa definire una mania e che non sia invece supportata dai risultati societari che compongono questo indice! Leggi la risposta...
Si potrebbe avere un grafico del Mania Index isolato o con le crisi dei suoi componenti con un dettaglio di costruzione dell'indice dalla sua creazione? Leggi la risposta...
Nell'incontro di Milano, assolutamente illuminante per tracciare un asset allocation di fine anno/inizi 2018, ha ri-affrontato il tema del surriscaldamento dell'S&P500 monitorato dei 4 indicatori. Le chiederei se può tornare sull'argomento con un maggior dettaglio e, soprattutto, se questa tipologia di indicatori è presente e come stanno, anche sulle Borse dei 4 paesi Euro. Leggi la risposta...
Dopo aver letto il Sole 24 ore in data 30/09/17 resto un po' perplesso su cosa fare.
Da una parte abbiamo la valuta dollaro che ha penalizzato l'investimento extra-UE, materie prime non parliamone, le obbligazioni se va bene hanno un rendimento a ZERO se non negativo, rimango dubbioso e perplesso su cosa fare da qui a fine anno ai clienti per strappare un risultato lusinghiero.
Molti clienti restano scettici nell'entrare ora sul mercato azionario qualsivoglia, e sinceramente qualche dubbio incomincio a nutrirlo anch'io.
Non vorrei trovarmi a comprare sul "picco massimo" per poi subire una batosta anche del 10-20%
Difficilmente i clienti sarebbero in grado di reggere una simile debacle, visto che spesso ricordano ancora con estremo dolore il 2008.
Cosa consiglia..?!
Abbiamo ancora margini di crescita dei mercati accettabili...?! Leggi la risposta...
Stamattina Il Sole 24 ore ha pubblicato un articolo dal titolo "Mercati mai così "cari" da due secoli(!). È la madre di tutte le bolle"? il quale riprende un recente studio degli analisti di Deutsche Bank (bravi dico io, anche dopo quello che ha risposto stamattina Lei ad un lettore, prima di tutto a reperire i dati di due secoli fa!).

Anche un altro articolo di qualche giorno fa pubblicato su "Advisor Professional" dal titolo "Mercati in bolla? 5 fattori di rischio da monitorare", riprende l'argomento citando un'analisi fatta dalla società di investimento indipendente Ethenea il cui focus è la preservazione e l'incremento del patrimonio affidato (cito testualmente ciò che c'è scritto nell'articolo...).

Ora, dico io: sicuramente se crash sarà, credo che sarà, molto probabilmente, il crash più annunciato almeno... degli ultimi due secoli, non crede?

Mi permetta una domanda più "tecnica": ho letto qualche giorno fa che la popolarità di Trump è ai minimi termini (nonostante la proposta di taglio delle tasse, il che è tutto dire...). Mi pare che tempo fa citò un'analisi secondo la quale se la percentuale di gradimento del Presidente USA scende sotto una certa cifra, ci potrebbero essere ripercussioni negative sui mercati, o mi sbaglio? Leggi la risposta...
Ho alcuni clienti che hanno delle posizioni in essere sul fondo Franklin Biotechnology Discovery N $ LU0122613499 che attualmente presentano una performance negativa del 3/4%. Alla luce di quanto riportato nel RG odierno, ritiene che sarebbe una mossa premiante incrementare in modo non eccessivo le posizioni in un'ottica tattica? Leggi la risposta...
Ho seguito con interesse il suo intervento su Le Fonti Tv. Le allego uno screenshot del chart da lei pubblicato in trasmissione. L'istogramma di sua elaborazione segnala con dei picchi apprezzabili i crash dell'87 e del 2000.
Ma resta piatto durante la crisi dei mutui subprime, comunque una delle più drammatiche della storia dei mercati.
Come va interpretata questa assenza di segnale?
Lo chiedo, tra l'altro, perché il ciclo decennale degli anni che finiscono col 7, raramente negli ultimi 100 anni ha mancato un appuntamento (top tra agosto e settembre e bottom fine ottobre-inizio novembre).
Il suo istogramma (insieme ad una serie di considerazioni che ci sottopone quotidianamente sul mercato Usa) autorizzerebbe invece a rilassarsi e a Tradare long. Leggi la risposta...
Vorrei un suo commento sui diversi spunti al report allegato. Leggi la risposta...