Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Le confesso che quotidianamente leggo sempre con maggiore attenzione, per non dire con maggiore ansia, dell'andamento dei listini intorno alle note soglie, così estremamente importanti dal punto di vista tecnico.
Mi è veramente difficile accettare una dicotomia così incredibile tra quello che sta succedendo dal punto di vista economico e a quanto ancora ci sia da stabilire al riguardo - perché nulla è ancora scritto su tutta questa storia - e l'andamento baldanzoso e quasi scriteriato di alcuni listini azionari che sembrano dar per scontato tutto ciò che ancora avverrà come se la "nuttata" del grande Eduardo fosse già passata da un pezzo.
Ma è veramente possibile che superare un certo valore sia equivalente a dire tutto è passato, e a pensare che poi autoalimentandosi, i listini vado avanti a oltranza nonostante tutto?
Inoltre, questo è un pensiero che ho avuto spesso a partire dai primi di marzo, sembra che tutto ciò che è avvenuto non abbia molto rispettato le "regole" e le aspettative storiche, come invece è capitato in passato. A questo punto che cosa ci darebbe la certezza che da ora in poi si ritorni a rispettare queste stesse regole?
In ultimo, oggi che direbbe il modello di asset a proposito di azionario? Leggi la risposta...
Mi sa dire il livello ( se possibile con il grafico ) del real earning yield dopo questa earning season ?? Leggi la risposta...
Buongiorno Dottore, non sarà invece che lei se l'é presa tanto coi consulenti finanziari che dicevano di mantenere e con la finanza comportamentale e invece hanno avuto ragione loro? Secondo le sue indicazioni avremmo dovuto avere già da qualche settimana il 6% di azioni perdendo così la gran parte di questo rialzo furioso quanto veloce. Proprio come dicevano 'loro': l'importanza di restare sempre investiti per non perdere i giorni con i rialzi maggiori.
E' vero, e gliene do' atto, che lei aveva suggerito con molta forza di uscire subito dopo i primi crolli, quindi, potendolo fare con lo stesso tempismo, si sarebbe preso molto meno della seconda parte del ribasso. Ma poi si sarebbe stati completamente fuori.
Mi scusi la franchezza ma uscire quando lo ha detto lei, vista la velocità del ribasso, era praticamente impossibile su portafogli tradizionali, magari gestiti. Quindi dopo il primo -20 -25 andare ad azzerare forse non aveva più senso ed aveva ragione chi diceva di non vendere. Come la mettiamo? E soprattutto ora si resta fuori in attesa di un ribasso?
Un'ultima considerazione: probabilmente tutti gli schemi di analisi sono saltati per la eccezionale mobilitazione di Banche Centrali e Governi che stanno facendo pensare al 'dopo' anziché alla situazione in corso. Quindi anche il P/E sarà anche alto e diventerà altissimo con le revisioni sugli utili, ma stiamo parlando di utili del 2020 che non si possono proiettare negli anni successivi con un normale ragionamento che seguirebbe una normale recessione. Questa ha impatti fortissimi nel breve, ma grazie alla potenza di fuoco messa in campo, avrà un recupero altrettanto breve al termine dei lockdown, diciamo quando ci sarà una cura o un vaccino. Non è una recessione nata da squilibri che necessitano di molto tempo per essere riassorbiti come in tutti i casi precedenti.
Sempre che i lockdown non durino molti mesi e il vaccino o la cura non arrivino entro il 2020 e allora i danni e gli squilibri potrebbero diventare più seri e richiedere più tempo per essere riassorbiti.
Cosa ne pensa? Leggi la risposta...
Faccio lo sfacciato ... ha qualche modello che copra da qui a giugno/luglio? Leggi la risposta...
Prendendo a considerazione perfetta il grafico e i commenti sul rapporto Ciclici -Difensivi e in modo analogo il Russell 2000 come esempio che rappresenta l'economia americana oppure anche lo SP500 equalweight, ed entrambi esprimo che un massimo di mercato si è avuto tra luglio e settembre 2018 , poi una prima caduta con un minimo a dicembre 2018 , un rimbalzo nel 2019 e poi una definitiva (al momento....) capitolazione a marzo 2020.
Stando così le cose , il recupero degli ultimi giorni di fine marzo-aprile sembrerebbe definitivo o quanto meno ritoccabile al ribasso di qualche 5-10% ma non di più. Dal grafico Cicilici/difensivi risulta infatti che sia nel 2001-2003, 2007-2009, 2011, 2015-2016 e 2018-2020 la stessa configurazione con ripartenza.
Io resto realista e pessimista e sto seguendo il Suo realismo efficace, però potremmo prendere in considerazione anche che il sentiment è parecchio deteriorato e salvo ripeto qualche rialzo della volatilità, uno scenario di ritorno sotto i 2000 punti di SP500 è possibile accantonarlo? Leggi la risposta...
Nella mia attività ultra ventennale, al di la della forza dei mercati, ho sempre basato le mie scelte sulla convenienza oggettiva degli asset..
Non nascondo che oltre a questo, uso degli indici basati sulla finanza comportamentale individuando 2 clienti sentinella e 2 colleghi pivot
Quando i 2 clienti,a distanza di 10 giorni, mi chiamano e' evidente che si deve fare qualcosa: Gino compra sempre ai Massimi e vende sui Minimi mentre Pasquale, cliente da 23 anni, mi chiama solo quando per 3 giorni di fila il telegiornale apre come prima notizia con le borse (negative) e lui vuole comprare. I due colleghi, per ipotesi Alfa e Beta sono differenti tra loro: Alfa fa grande raccolte ma solo sui massimi di mercato e Beta, persevera continuamente fino a quando non lo si sente' più, sparisce ed inizia un nuovo hobby, dicendo solo che ci vuole tempo!
Non nego che essendosi accesi i 4 indicatori, qualcosa ho iniziato a fare, spiegando ai clienti che forse non poteva essere un prezzo di minimo e qualche altra "cartuccia" era pronta per essere sparata, se ed esclusivamente, se investitore di lungo termine

Ora aspetto le sue indicazioni e chiedo aiuto nella costruzione del portafoglio di medio lungo periodo sapendo che questa volta i dati storici dei mercati non aiutano, che gli stimoli messi in campo sono enormi, che ci saranno dati orribili che molti asset erano costosi e che viviamo in un mondo a tassi zero!
Aspetto suoi imput...per essere accompagnato.
Infine vorrei sapere l'importanza e l'utilita' del Report dell'asset allocation mensile. Per esperienza lo ritengo un "allegato" e non un sunto della sua concezione mensile. Leggi la risposta...
E se non fosse ne il 29 ne il 2008 e se a causa della cura da cavallo il Mercato azionario facesse di nuovo massimi storici?
Quali sarebbero le condizioni per cui si dovrebbe diventare rialzisti ? E quali condizioni invece per rimanere ribassista? Leggi la risposta...
Buongiorno Gaetano, e come sempre complimenti per l’egregio lavoro.
Nel rapporto giornaliero di ieri a pag.2, nel ricercare un possibile punto di minimo per il mercato azionario, posizionandolo 3 mesi prima della fine della recessione, ipotizza, la durata dell’attuale recessione in linea con la durata post-bellica standard di 10-11 mesi. Viste le particolari caratteristiche e la particolare intensità del calo dell’attività nei mesi di lockdown, non le sembra un po’ troppo? Leggi la risposta...
Dai suoi report si evince sempre più spesso, come scenario base, un percorso borsistico simile al 2008 e quindi un vero minimo non sarebbe stato ancora conseguito. Inoltre dal punto di vista fondamentale si iniziano adesso a stimare gli utili 2020, che dovrebbero dimezzarsi.
Sulla base di questo scenario è meglio stare liquidi? Fare entrate graduali sui mercati finanziari (come suggeriscono molte banche specializzate nel risparmio gestito) o sui rimbalzi entrare short per avere qualche ritorno positivo e coprire un po' di perdite realizzate nella grande fuga dalle borse?
Certo che se lo SP500 non scendesse sotto i 2200/2100 entrare short sarebbe veramente rischioso.
Cosa ne pensa? Leggi la risposta...
Qualche tempo fa aveva mostrato il processo di formazione di un bottom su Piazza Affari negli anni precedenti. Il rialzo al quale stiamo assistendo oggi, e probabilmente nei prossimi giorni da quanto leggo, potrebbe essere il punto 1 anche sugli altri mercati?
Nell'idea che si è fatto, al di là degli schemi storici (mi auguro di non perderci delle opportunità ricalcando tali schemi) ha avuto modo di farsi una idea approssimativa con l'uso dei suoi modelli, dei tempi di elaborazione di un minimo? Leggi la risposta...