Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Fatta salva l’attuale delicata situazione generale dei mercati e soprattutto del comparto bancario in generale, volevo un suo parere sull’azione in oggetto in termini di analisi tecnica e di comparazione con le altre big bank europee.
Sono al corrente peraltro che la banca sta per avviare un importante aumento di capitale, cosa che ovviamente andrebbe tenuta nella dovuta considerazione prima di fare l’eventuale investimento.
Le chiederei anche, se possibile, di avere un grafico del titolo degli ultimi 10 anni. Leggi la risposta...
Potrebbe aggiornare la situazione dei CDS delle banche europee? Leggi la risposta...
Con i mercati azionari negativi, ovviamente il settore eurostoxx banks è quello che soffre maggiormente. Le chiedo una stima di ribasso del settore nei prossimi 3 mesi (possibile possa perdere il 30% dai valori attuali?)
Ultima domanda: sarebbe opportuno andare short del settore e long su indice europeo? Quale strumento esiste armonizzato per andare short sul settore banche Europa? Leggi la risposta...
Cortesemente potrebbe darmi un suo parere sulle prospettive a medio termine dell’indice EuroStroxx Banks?
E’ corretto ipotizzare effetti positivi sulle quotazioni delle banche derivanti da una futura ripresa dei tassi di interesse? Leggi la risposta...
È possibile comprendere fino a che punto le Banche Centrali hanno gestito o stanno gestendo la situazione generata dai picchi di VIX/VSTOXX sui mercati che ha ben evidenziato nel rapporto giornaliero di ieri? Ci sono stati casi analoghi in passato in cui le BC hanno fatto sentire il loro peso per smorzare la volatilità e di conseguenza calmierare i mercati?

La correzione che si è generata sui mercati è in linea con il picco del VIX? Ho letto che valori analoghi di VIX sono stati seguiti da correzioni ben più profonde (vedi twin Towers, recessione del 2002), mi pare che solo nel 2008 il picco sia stato superiore seppur di poco.
Esiste una relazione tra andamento del VIX e le correzioni che seguono i picchi? È possibile avere un grafico che metta in evidenza valori analoghi di VIX del passato con l'andamento dei principali mercati azionari (almeno USA e Europa) nei 3/6 mesi successivi? Se ci sono stati nuovi minimi nei mesi successivi sono stati inferiori rispetto a quelli toccati con la prima esplosione di volatilità?

Ritiene che un calo della durata di 10 giorni sia un calo risolutivo? Visti i valori record di ipercomprato su diversi indici, pensa che gli eccessi maturati nel mese di gennaio siano stati smaltiti completamente?

Vorrei formulare ancora una domanda sul PT segnalato ieri sul NASDAQ in relazione ai possibili rialzi dei tassi con cui la FED sembrerebbe dover procedere nei prossimi mesi. Qual è secondo Lei il livello di tassi che può arrestare il rialzo del settoreche più di ogni altro è stato l'asse portante dell'uptrend che ci accompagna da diversi anni?

La ringrazio anticipatamente per tutte le informazioni che potrà darmi. Leggi la risposta...
Gent. dottore volevo, andare a colazione con Renzi per avere queste informazioni, ma purtroppo... scherzi a parte volevo chiedere dell'indice banche italiane che è tornato a 12.500 e penso sia importante, visto che siamo a fine mese, ma sarebbe interessante aggiornare i grafici (quello contro le banche europee e il nostro).
Avevo un 18.000 punti nel 2015 e quindi credo che, se seguiamo bene questo indice, possiamo capire se l'indice possa fermarsi a 24.600 oppure a 27.150, cosa cui io ormai credo sempre più. Naturalmente un suo parere.
Inoltre ho etf della lyxor stoxx banks, vorrei sapere se c'è di meglio per l'europa. Leggi la risposta...
Un aggiornamento sarebbe gradito, se possibile. Leggi la risposta...
In questi anni la politica monetaria della BCE, o meglio di Mario Draghi, ha determinato una sostanziale tranquillità sui titoli di stato dell'Europa periferica ed in particolare su quelli italiani. Inoltre l'aumento del Pil migliorerebbe il rapporto con il nostro debito pubblico.
Tuttavia in un ottica prevedibile di un aumento dei tassi, visto che i mercati finanziari tendono ad anticipare i movimenti, potrebbe impattare drammaticamente sulle finanze pubbliche visto che dal 2011 ad oggi non è stata assolutamente sfruttata la "morfina" della banca centrale e sfioriamo i 2300 miliardi di titoli di debito.

Un 1% dei tassi di interesse provocherebbe a regime un maggior esborso da parte dell'erario italiano di 20/25 miliardi di €, a prescindere dal precitato rapporto debito pubblico/Pil.

Questa situazione non certo auspicabile credo possa considerarsi verosimile. Quale sarebbe secondo lei l'impatto sul famoso spread con i titoli tedeschi? Quali ripercussioni potrebbero esserci sulle nostre banche che detengono una quota importante del nostro debito? Non vorrei che dopo i Npl non ci facessimo mancare nulla. Leggi la risposta...
Una sua analisi sui titoli in oggetto, visto che un mio cliente detiene posizioni molto importanti sulle 3 banche. Come sono secondo Lei le prospettive a breve e medio termine? Leggi la risposta...
Quindi se ho capito bene il nostro indice è vicino ad un massimo primario? (fine onda C con inizio onda 3 di 5 ribassista?) Per cortesia può postare un grafico del nostro indice con le onde di Elliott? Quale livello del nostro indice rotto al ribasso decreterà la definitiva ripartenza del ribasso?
Quali settori saranno più esposti al ribasso? Le solite banche? Le mid cap?
Finmeccanica e A2A possono ancora ambire nelle prossime settimane rispettivamente alle aree 17€ e 11,60€?
Telecom ord e risp per cortesia può indicare i supporti da non abbattere? Leggi la risposta...