Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Ma esiste una EQUITY line per BCA Research? Leggi la risposta...
Nell'asset allocation di settembre BCA Research assume una impostazione più aggressiva verso l'azionario destinando il 78% del portafoglio. Si potrebbe sapere l' Equity % Allocator di BCA negli anni passati? Leggi la risposta...
Viste le cupe previsioni del modello AA non sarebbe il caso di shortare con qualche etf? Quale consiglierebbe? E Sino a che livelli? Leggi la risposta...
Buongiorno e ben tornato! Ho letto costantemente gli aggiornamenti, ma reputo le domande e le risposte più aderenti ad un vero servizio di consulenza, soprattutto quando gli animi si scaldano.
Ho appena letto la risposta ad un suo abbonato" ...attendiamo martedì per vedere cosa ci propone il modello di aa... un taglio ci dovrebbe indurre in primis a ridurre azionario".
Nel mese di luglio l'aa ha proposto una variazione da 40% a 50%, nell Outlook semestrale (conclusioni) si fa riferimento a ca. 12/13 variabili (fonte citigroup) che ci davano misura di come l'attuale mercato fosse distante dalla situazione 2000 e 2007.
Come declinare tutte queste indicazioni in proposte di aa a favore di clienti con importanti portafogli? Quale è secondo lei l'esposizione azionaria minima e massima che si dovrebbe mantenere a fronte di un eventuale taglio dell'equity del modello di aa (esempio da 50 di agosto a 20 di settembre)?
Con che tempistiche agire?
Non voglio creare stato di panico nei clienti ma anche rischiare di tagliare oggi (consolidando perdite) per poi entrare a prezzo più alti!
Con i miei asset posso essere molto dinamico ma con 150 clienti con asset maggiori di 500.000 euro vorrei mantenere una logica di investimento aa corretta per obiettivo esigenza e rischio ed anche declinare le sue preziose indicazioni.
Mi aiuti a comprendere per favore. Leggi la risposta...
Stamattina sul RG ha illustrato il set up basato sul Vix e sul rendimento dei T-Bond il quale lascerebbe intendere per la borsa Usa la formazione di un bottom dal quale ripartire. A distanza di qualche ora Alex River ha presentato su SmartTrading il lancio di un primario segnale di acquisto sempre sulla borsa americana basato sull'ampiezza di mercato che presenta un buon track record. Questo evidentemente dovrebbe comportare da parte della borsa Usa il superamento dello SS Settimanale. Dal momento che anche le borse europee stanno premendo su questo livello, crede sia probabile che le stesse possano seguire la borsa Usa in questa fase di crescita? Pensa comunque che questa fase positiva che, secondo questi due set up, dovrebbe esserci sia destinata comunque a sgonfiarsi da qui a settembre ottobre? E poi, come si concilia questa eventuale fase positiva (che prevederebbe un'ottima performance da qui ad ottobre...) con, nell'immediato il ciclo del delta negativo ed una stagionalità non proprio esaltante che dovrebbe terminare proprio ad ottobre? Leggi la risposta...
Le chiederei suo parere su Yoox alla luce della possibile fusione con NET A PORTER e della corsa degli ultimi giorni; pensa sia possibile ancora entrare oppure in caso di storno ove pensa possa trovarsi un buon punto di rientro? In quale fascia? Sotto quale livello inoltre le farebbe pensare sia stata solo mera speculazione?

Inoltre le volevo chiedere lumi sulle due scorse recessioni (parlo a livello di indici del nasdaq e dello sp500) riferite al 2000/2002 e 2007/2009 e all'ultimo bull market.
Le chiederei, visto che non ero ancora un suo lettore, se mi può dare dei dati numerici di quando (su che livello di punti indice) ci sono stati i segnali di esaurimento dei vari trend (sia ascesa che storno) con i suoi indicatori (intendo dire quelli che usa e ritiene più affidabili).
Ad esempio mi pare spesso citi l'A/D line per l'ultimo bull market.
Se avesse anche dei grafici con tali indicazioni e se può postarli le sarei grato. Leggi la risposta...
Le chiederei un suo giudizio articolato su dove può arrivare questo bull market, nel medio / lungo periodo, soprattutto in Italia dove siamo neanche a metà di quanto visto intorno al 2000 (circa 50000 punti mib) e nel 2007 (circa 44400 punti mib).

Pensa che un prolungato Qe possa portarci, magari con un po' di riforme sul fronte fiscale, della giustizia, della corruzione e degli altri settori della vita di tutti i giorni che ci trovano indietro rispetto ai nostri partner europei, verso livelli ben oltre i 24600 punti di Ftse Mib? E pensa che il solo Qe potrebbe portarci da solo oltre tale soglia o giù di lì?
Quali livelli per il nostro listino vede possibili in futuro ed in quali tempi approssimativamente?
Dopo 24600 quali sono i livelli di una certa importanza che vede come possibili obiettivi?

Quale pensa possa essere il periodo temporale di un possibile importante storno per la borsa americana ipotizzando un inizio rialzo tassi nel settembre prossimo? Se ormai ciclicamente siamo da 15 anni in un periodo di alti / bassi dei tassi ed un corrispondente su / giù in borsa, non crede, diciamo statisticamente probabile una terza nuova crisi da qui ai prossimi mesi / anni?

In passato mi aveva risposta ad una domanda su come possiamo accorgerci ed allarmarci di uno storno importante, di un cambio di sentiment sui mercati, guardando al long stop mensile che ora dovrebbe viaggiare a poco sotto i 2000 punti di SP500, pertanto il 5/6 % circa dai massimi di qualche settimana fa.
Potrei obiettare che vedendo come basilare la chiusura mensile potrei trovarmi, in caso di continua discesa, spiazzato in quanto in un mese potrebbe perdere ben di più... se ricorda il 2000 ad esempio il NASDAQ passo da 5000 a circa la metà in 2 mesi per poi rimbalzare (gatto morto?!) repentinamente ed altrettanto ricadere sui minimi (ben più bassi). Leggi la risposta...
La domanda è la seguente: per questa ultima(?) gamba di rialzo, punterebbe più sull'Europa o su un'America oggi attardata? In sintesi chi ha maggiori potenzialità di crescita in termini percentuali in questi prossimi 2 mesi? Leggi la risposta...
Ho appena ascoltato l'intervista su Vloganza e ci sono un paio di punti da chiarire. Se non ho capito male il paradosso, lei dice che l'aumento della massa monetaria porterà a un peggioramento dell'indice Eurostoxx50 e considerata la posta in gioco (60 mld al mese) chissà dove finiremo; addirittura prevede un aumento delle borse europee fino a marzo (prima dell'inizio del QE) e poi di adottare una maggiore cautela, quanto meno nel verificare l'attendibilità o meno di questo paradosso.

Subito dopo, nell'intervista, parla dell'impatto positivo del rapporto eur/usd sulle borse, asserendo che sulle borse europee questo rapporto positivo si manifesta dopo 9 mesi e quindi a partire più o meno dal dicembre appena passato. Questo nel confronto delle borse europee con quella americana, ipotesi già verificata credo nelle prime settimane dell'anno.

Dopodiché conclude dicendo che le sorprese positive verranno dalla parte orientale, anziché occidentale dell'atlantico.

Mi scusi se il riassunto non è molto chiaro, ma mi sembra che operativamente si dovrebbe, in teoria, privilegiare il mercato europeo anziché americano e contemporaneamente uscire dal mercato europeo da marzo in poi a causa del QE.

Sempre in teoria questo si porta dietro che il mercato americano, dovendo far peggio dell'europeo, sarebbe da evitare accuratamente e al limite da shortare? Leggi la risposta...
Metto insieme le sue valutazioni per capire il da farsi. Premetto che io sono dentro sul Dax e su SP500 da 1960. I target che lei stima su outlook sono interessanti. Nel contempo afferma di monitorare il livello di 17000 e rotti sul DJ.
Prevede un target del MIB a 19900 circa (in questa discesa) ma considera l'area euro più appetibile di quella americana e con più forza relativa. Se questa analisi è corretta e le correlazioni anche appare ragionevole prevedere un DJ sotto i 17000 il che segnerebbe un campanello di allarme per l'indice americano ed anche per i target da lei previsti.
In che cosa sbaglio? Leggi la risposta...