Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Mi potrebbe fornire un update sull'andamento delle borse di India e Brasile? Leggi la risposta...
Ho intenzione di diversificare una parte del mio portafoglio in fondi azionari paesi emergenti. Avendo la possibilità di scegliere fra diverse sicav e puntare su specifici aree geografiche e singoli paesi, su quali aree si stima di avere le migliori prospettive future. Leggi la risposta...
Leggendo questa risposta mi sembra doveroso chiedere lumi su qualche ETF... diciamo, da suggerirci.
Inoltre: qual è in generale lo stato di salute dei mercati azionari emergenti? Leggi la risposta...
Alla luce del forte rialzo odierno della Borsa Indiana, vorrei conoscere i livelli tecnici da monitorare dell'indice Sensex. Leggi la risposta...
Le chiedo un commento su due mercati: India e Cina.
Essendo entrato a gennaio di quest'anno le performance sono molto negative e mi trovo nel dilemma tra "tenere duro" oppure uscire fino a che non si raggiunga un "bottom" sul quale poi rientrare (illudiamoci di poter trovare il bottom ideale!) Leggi la risposta...
Mi può dare qualche considerazione su Brasile e India? Leggi la risposta...
Siamo arrivati al dunque. Qui vediamo che succede: o andiamo ai 1500 dello sp500 (nuovo bull market) o andiamo a ritestare i minimi di gennaio e poi un nuovo affondo fino alla fine dell'anno. Penso che molto sia legato all'andamento del petrolio.
Leggevo cosa è successo al congresso americano nel mese scorso. Beh, sembra che il rialzo del petrolio sia stato alimentato principalmente da operazioni speculative (nel 2007 6 volte quelle del 2001) che abbiamo portato ad aumentare il ";margine"; a garanzia per queste operazioni con immediato riflesso sulle quotazioni che hanno per il momento arrestato la corsa. Senza dimenticare un dollare debole che io mi aspettavo toccase il minimo a 1,50 e non 1,60.
Ora, analisti ciclici vedono un top del petrolio come anche analisti astrologici e graficamente non possiamo notare un indice tirato anche se non vedo segnali di inversione del trend. Senza dimenticare la driving season.
Quindi io sono dell'idea di un ribasso corposo che non necessariamente vuol dire bear market (minimo i 100 $).
Di contro vediamo come il rapporto Dow/gold sia in bear market dal 1999, con un apprezzamento considerevole nell'ultimo periodo nonostante il nuovo minimo del settore finanziario ed edilizio e ampi margini di miglioramento per l'indice Dow. Alle volte una diversa chiave di lettura di un'indice può essere presa guardando altre variabili e mi chiedevo se non può esserci un travaso della liquidità dai petroliferi ai finanziari in caso di considerevoli prese di beneficio sul petrolio che in seguito allo schizzare della volatilitò facciano schizzare le ricoperture di operatori come gli hedge fund.
Certo che la rottura dei minimi di gennaio dell'indice dei bancari porterebbe ad una forte discesa con la probabilità della discesa sotto la trend line del bull market in atto dal 1990 (certo che il 1990 ed 1998 sono tremendi).
Non vorrei essere catastofista ma se i bancari cedono ho forti dubbi in un nuovo bull market. Che pensa?
Tra i paesi del Bric chiedevo se India è un'opportunità d'acquisto. Mi sembra che l'indice abbiamo sottoperformato rispetto a brasile e russia. Sbaglio? Leggi la risposta...
Da quanto leggo sui vostri reports si dovrebbe attendere ancora un'ulteriore gamba di ribasso per entrare sul mercato italiano; per quanto concerne i mercati USA e Brasile, India, Corea, che cosa ne pensa? Leggi la risposta...
Mi può dire qualcosa in merito all'India. Leggi la risposta...