Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Non è chiaro se la statistica riferibile al semestre maggio novembre riconducibile ad un saldo provvisorio primo quadrimestre positivo a doppia cifra, abbia tenuto conto dell'ulteriore filtro dell'andamento speculare dell'ultimo quarto precedente Settembre Dicembre 2018 che in qualche modo ha viziato e amplificato la performance 2019. Cambia qualcosa a livello di analisi predittiva? I mercati americani fanno fatica a ripartire e rischiano di rompere livelli inattesi, mentre tutte le altre indicazioni arrivate nell'ultimo periodo, come purtroppo non di rado accaduto negli ultimi 18 mesi, sono in sofferenza o addirittura smentite (growth Europa, comparto energy, emergenti da sovrappesare, long eur/usd, etc...)

Si salva solo lo short Italy, un pò poco per un asset allocation soddisfacente.... Leggi la risposta...
Non molto tempo fa a chi le chiedeva del solito motto "sell in may..." Lei aveva risposto che quest'anno sarebbe stato diverso e che sarebbe valsa la pena non tenerne conto almeno per buona parte del mese di giugno: è ancora dello stesso avviso? E se no, cosa aspetta a dircelo? Questo sia per il nostro FTSE MIB che per lo S&P, senza tralasciare il DAX. Leggi la risposta...
Potrebbe indicare qualche settore e qualche titolo che nel mese corrente sono più sensibili ad un ribasso? Leggi la risposta...
Potrei chiederle la gentilezza di generare una tabella con i rendimenti generati da SP500 dal 1 maggio al 30 settembre e dal 1 ottobre al 30 aprile, con relativo rendimento medio? A 10, 20, 30 anni? Leggi la risposta...
Il semestre d'oro si appresta a chiudere sull'AllShare con una performance >20%. Pur con la solita limitatezza degli scarsi dati a disposizione cosa possiamo dedurre per l'indice italiano per il semestre successivo? Qualche possibilità di ulteriore salita oppure il nostro indice è condannato in ogni caso dal "sell in May", magari anche a causa dello stacco dividendi del prossimo mese?
(tra l'altro la chiusura al rialzo di aprile avrebbe dovuto essere poco probabile dopo il mese di marzo ad oltre +4%, a titolo di curiosità si potrebbe andare a vedere cos'è successo in quell'unico caso di aprile al rialzo dopo marzo ad oltre +4%) Leggi la risposta...
Riprendo il post sottoelencato poiché dall'andazzo sembra che il nostro indice voglia ricalcare le orme dei 3 peggiori precedenti (contrazione semestrale > 24%). A questo punto sarebbe interessante vedere l'andamento di ognuno dei 3 anni incriminati e della loro media per sapere, pur nella ristrettezza dei dati, come s'è comportato esattamente l'indice da maggio ad ottobre e se l'andamento corrente è attualmente al di sopra o al di sotto della media stessa. Leggi la risposta...
Il Mib ha chiuso le prime 5 sedute di maggio con un calo di oltre il 4%. Qual è stato in passato il proseguo di maggio e del semestre "malefico" (maggio-ottobre) quando vi sono state % simili (o anche meno disastrose, ma negative)? Leggi la risposta...
Volevo fare questa osservazione: si è visto che molti mercati si muovono per periodi o stanno fermi. Il Brasile, per esempio, dal minimo si è risollevato del 40%, eppure a febbraio-marzo nessuno lo voleva e così per altri (anche la Grecia, per esempio). Comunque io ora penso sia il momento dell'Italia: se DEVE SALIRE, deve farlo in maggio giugno, con naturalmente sorpresa.
C'è la data del 2 maggio, un po' su tutti gli indici, potrebbe essere un minimo per partire, cosa dice? Comunque io volevo chiederle, lei che ha una miriade di dati nell'arco del tempo, i mesi di maggio e giugno come sono stati per l'Italia? Io e mia moglie stiamo facendo delle ricerche e mi servirebbe anche sapere questo: è possibile fare un confronto con l'indice italiano oggi con gli anni delle partenze del bull market, esempio dei 16 anni, non so se mi sono spiegato, per capirci un po' di più, grazie. Leggi la risposta...
Mi sono letto l'articolo di cui sopra a firma R. Prezioso, che scrive su "Trendonline.com" che come occhiello titola "Previsioni per l'estate" e come sottotitoli: «Prima avevano parlato di un -20%, correzioni varie se non addirittura crolli, adesso invece tornano all'ottimismo. Ma la sensazione è che più di volatilità si debba parlare di caos».

Non chiedo un Suo commento all'articolo che penso non riterrà "professionalmente corretto".......!
http://www.trend-online.com/prp/previsioni-maggio-esperti/

Si certo nell'articolo riporta commenti ma dal contesto generale darebbe come indicazione un mese di maggio (II^ trim) positivo e quindi contrario all'aforisma inglese ma anche diverso dal Suo!
Certo immagino la Sua battuta: "Contrarian"!!!!
Però mi piacerebbe leggere il Suo approfondimento/chiarimento sul secondo trimestre che inizia in un certo senso proprio da venerdì 2 maggio. Leggi la risposta...
Ho letto con interesse il grafico del dato mensile della percentuale di investimento azionario che Age Italia ha dato negli ultimi 10 anni e ho notato come sia stato un segnale molto valido per anticipare i rialzi duraturi e le discese importanti ( con la sensibilità che può avere un dato mensile, ovviamente).

Mi chiedo se Lei, che ha i dati storici e i software per poter lavorare velocemente potesse analizzare, sempre su un orizzonte di 10 anni, come abbia "lavorato" il famoso detto sell in may and go away.

Ovvero, prendendo un indice come l'S&P 500 o il Mib 30, valutare le performance del periodo inizio novembre-fine maggio e quelle del periodo inizio giugno-fine ottobre.

Ad occhio un comportamento molto semplice di acquisto azionario ad inizio novembre e vendita a fine maggio, senza la tentazione di andare short nel periodo giugno-ottobre, è stata anch'essa vincente.

Se non è troppo lungo proverei a valutare anche una "mia" variante.

Ho notato che a fine gennaio spesso c'è un massimo e in marzo un minimo di una certa importanza.

Probabilmente sarebbe ancora più efficace un meccanismo di questo genere: acquisto inizio di novembre, vendita a fine gennaio, riacquisto a fine marzo e nuova vendita a fine maggio.

E' un'idea così peregrina? Leggi la risposta...