Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Ritorno sulla questione BTP.
Ho ascoltato la TV, come tanti penso, profani o meno, il dibattito riguardo al M.E.S. Meccanismo Europeo Salvastati.
Sono rimasto "leggermente" colpito da uno di quei automatismi "automatici" che si sta discutendo di introdurre per cui uno stato membro può /potrà fare ricorso solo nella condizione che rispetti i "famosi" parametri, debito - debito/pil - ecc. dove ahimé l'Italia non rispetta alcuni di essi.
Ascoltavo che per usufruire di questo meccanismo d'aiuto, utilizzato non solo dalla Grecia, ma anche da Portogallo Irlanda Cipro in passato, viene chiesto in ultima istanza di non rimborsare una parte del valore dei propri titoli di stato in scadenza. Si parlava di rimborsi al 60-70% del valore del BTP. Devo dire che tale impatto avrebbe un effetto deflagrante non solo per i privati ma soprattutto per le nostre Banche.
Le chiedo, consci che non c'é più Draghi e ricordando i precedenti "storici" della signora Lagarde, se non ci stiamo incanalando in una strada perigliosa con pochissime vie d'uscita per noi che siamo uno Stato membro UE?
Francamente mi sarei aspettato il valore dello spread molto ben sopra i 200 punti in questi frangenti. Forse i Mercati scommettono ancora una volta sulla tenuta del sistema Italia in un modo o nell'altro? Leggi la risposta...