Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Carissimo Dottore, ho l'impressione che quanto avviene sui mercati finanziari in questi giorni, dopo che si è saputa la vicenda di Robin Hood e della foresta di Sherwood abbia perso qualsiasi riferimento con la realtà.
Resta il fatto che la dimensione di questa crisi economica, i cui contorni più o meno brutti, che un mercato che risente anche della campagna elettorale americana ci comunica, non sia assolutamente chiara e né tantomeno tranquillizzante. Mi pare evidente come già si è ripetutamente detto in questi ultimi periodi, che le borse non possano rappresentare la realtà ad un pelo dai valori massimi di un'economia stanca, già in recessione e priva di coronavirus come quella di febbraio scorso.
Tanto più che se l'economia successiva al 2008, caratterizzata da un quantitative easing perenne (quando hanno provato a toglierlo il 2018 abbiamo visto cosa è successo alle borse) era già innaturale, c'é da domandarsi che cosa avverrà al mondo economico futuro, che sarà inevitabilmente caratterizzato da una richiesta continua ed immensa di liquidità per evitare che deflagri, con tassi ovunque sotto lo zero ed indebitato fino all'inverosimile.

Lei che idea si è fatto in merito? Leggi la risposta...