Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Le scrivo per chiederle un parere sull’andamento dell’S&P500 in previsione del meeting FED. Sembra che il mercato non ritracci e stia salendo nei giorni pre-meeting.

E’ lecito aspettarsi una reazione negativa post meeting che conduca a quella correzione prevista per l’estate dai suoi modelli per poi ripartire nel 4Q? Oppure la posizione degli investitori è ancora scettica ed è quindi più probabile un ulteriore allungo a seguito della decisione sui tassi? Leggi la risposta...
Secondo lei il debito USA, citato nell’intervento di oggi di Powell, per diminuire o per lo meno per non continuare a crescere abbisogna di un dollaro forte o debole ?
Perché nel caso ci volesse un dollaro forte , Powell allora potrebbe aumentare i tassi quest’anno, minimo una volta, dato che ha detto che ci sono segnali discordanti sui dati economici, ma che l’economia USA è forte….
Cosa ne pensa ? Non mi sembra ancora così scontato che non ci saranno aumenti dei tassi, dopo l’intervento di Powell di oggi al senato… Leggi la risposta...
Gentilissimo Dottore , mi spiace disturbarla ancora ma sto cercando di capire cosa iniziare a fare in termini operativi. Da ciò che scrive oggi sul suo rendiconto giornaliero e anche da ciò che ha risposto ieri alla email circa il possibile sforamento della media mobile a 200 giorni da parte dello Standard & Poor's 500, mi sembra abbastanza chiaro che Lei viva questa condizione di rialzo borsistico in maniera poco convinta. Del resto, anche il modello di Asset Allocation confermerebbe tale titubanza.
A questo punto gli interrogativi che mi pongo sono due: ma se anche questo indugio borsistico fosse rotto, con la situazione economica che caratterizza questo momento, ragionevolmente, a quale tipo di rialzo potremmo assistere? Mi sembrerebbe veramente strano poter immaginare un rialzo azionario che vada avanti per tutto l'anno con grossi risultati numerici. Lei del resto ha sempre visto in questo un movimento tattico...
Al tempo stesso mi pare evidente che la FED non dovrebbe più rialzare i tassi e la situazione complessiva del mondo almeno ad oggi, sembra andare verso un rallentamento più o meno consistente.
Allora, visto che il lavoro di consulente dovrebbe privilegiare le onde lunghe dei mercati, lasciando ai gestori le "pizzicate" brevi, in tale situazione non sarebbe più semplice cominciare intanto a confezionare un portafoglio fatto di obbligazionario di buona qualità, magari gestito da affidabili gestori attivi? Magari con un po' di oro lungo e di dollaro short fino a nuovo ordine? Leggi la risposta...
Volevamo che Powell si fermasse.
Si è fermato?
Nelle asset allocation conservative, dove gli strumenti monetari hanno un peso rilevante non per contributo di rendimento ma per questioni di var, val la pena rompere gli indugi ed incrementare in modo significativo e strategico almeno 24 mesi i comparti aggregate bond? Leggi la risposta...