Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Le scrivo questa mail "a braccio" e mi perdonerà se potrò sembrarLe un po' confusionario e dispersivo. Devo dirle, prima di tutto, che "Le sono nel cuore": Lei fa un lavoro veramente difficile, come del resto chi Le scrive.
Lei in fondo cerca di prevedere il futuro: che cosa faranno i mercati in futuro (sulla base delle probabilità che si riescono ad estrapolare dai più svariati modelli previsionali e set up di vario genere).
Difficile, difficilissimo, specie in certi periodi. Del resto, in certi periodi, quando si arriva ad un certo punto, a voler fare l'avvocato del diavolo, sembra che sia probabile tutto e il contrario di tutto­ con eguali probabilità e che quindi, in ogni caso, si arrivi ad uno svolgimento dei fatti che, comunque, qualche modello aveva previsto.
Senonché, magari, dopo qualche settimana, si torna allo scenario precedente in quanto quello che sembrava aver preso il sopravvento si inceppa e l'altro modello ricomincia a funzionare in seguito ad un "riallineamento".
Cerchi di capirmi, il mio non è assolutamente sarcasmo, è una presa d'atto di quello che succede in alcuni periodi, e questo mi sembra uno di quelli, senza voler in alcun modo fare una critica alla Sua straordinaria professionalità e competenza.
L'inversione di tendenze ormai consolidate da tempo, come da Lei scritto in uno degli ultimi RG, sembra un dato di fatto, tanto che sui giornali e nelle mail che mi arrivano da varie case di investimento in questi giorni, si ha sentore che ciò sia ormai irreversibile: i tassi continueranno a salire, le borse a scendere, l'euro a rivalutarsi, ecc. Troppa condivisione attorno ad uno scenario­?! Forse.
Del resto se Lei ritiene, come da dati oggettivi, che la borsa italiana sia una di quelle che dovrebbe far meglio e che per il modello dell'IT Forum destinata, tra qualche giorno, a prendere una decisa china negativa, mi immagino cosa possano fare le altre borse europee; ma anche la borsa americana, mi pare di aver capito, non dovrebbe avere una miglior sorte.
Mi domando anche: dove dovremmo "rifugiarci" nel caso che lo scenario "condiviso" dovesse verificarsi? Cash (sotto zero) is king?
Mi sovviene la domanda e la risposta che Lei mi ha dato il 3 marzo u.s. ("Momento di mercato").
Come dice Lei, sarebbe forse il caso di "rispolverare" lo scenario da me "prospettato"? Leggi la risposta...
Se la situazione fosse benigna per i mercati, ritiene che sia possibile un superamento del max 2009 a 24558 punti ftse mib entro l'estate o dovremo eventualmente aspettare il "semestre buono" fine anno primi 2016?
Dovesse dare delle percentuali sulla possibilità di successo di quest'ultima ipotesi, quale livello darebbe?
Un po' di tempo fa aveva scritto che per passare tale barriera non potrebbe bastare il QE, lo scongiurare della Grexit o altro ancora ma, ci vorrebbero una serie di riforme per cambiare in meglio il Paese. È sempre della stessa idea?
In ogni caso il primo livello che scorge dopo i 24558 quale sarebbe/ro?

2) Vista la trimestrale buona di Intesa Sanpaolo, ritiene che anche gli altri bancari potrebbero sorprendere in positivo forzando questa congestione in atto da tempo o le pare all'incirca scontato tutto nei prezzi attuali? Leggi la risposta...
Per cortesia, ci aggiorna su questa analisi? Leggi la risposta...
Mi pare che in questi ultimi giorni/settimane dopo la corsa a perdifiato da gennaio a marzo i listini europei abbiano tirato i remi in barca... stiamo consolidando o distribuendo? Ai posteri l'ardua sentenza direbbe qualcuno! Vorrei sapere il suo pensiero a proposito e quale secondo lei è il livello sotto il quale non scendere pena un'estate in arretramento (22500? 22000?) per il nostro listino e per il Dax. In caso contrario vede possibile almeno un ri test dei recenti max intorno ai poco più dei 24000 punti a breve e pensa che lo scoglio dei 24600 che ci porterebbe una volta confermato il sorpasso verso lidi più ambizioni possa avvenire solo verso fine anno, durante il semestre "solitamente positivo"? Leggi la risposta...
1) Quindi per ora si mantiene ed eventualmente si incrementa sino a raggiungimento 24500 (anche subito prima) e poi si aspetta per eventuali operazioni short... ho capito bene?

2) Ritiene che l'obiettivo di 24000/24500 sia "definitivo" per l'anno in corso oppure ci siano ulteriori margini di miglioramento? Dal rapporto annuale mi pareva di aver rilevato come quest'anno il FTSE MIB sarebbe stato sovraperformante rispetto ad altri mercati e fin qui tutto confermato. Ma mi pareva di aver capito che ci sarebbe stato un massimo in primavera per poi scendere pur in ottica di forza relativa maggiore. La visione è sempre quella? (oppure ho inteso male), O ci sono ulteriori sviluppi dovuti a questa salita violenta ed un cambio di view sul medio lungo periodo?

3) Vorrei chiedere una sua opinione sull'articolo allegato. Leggi la risposta...
Analizzando il FTSE MIB sul lungo periodo applicando la teoria delle onde di Elliott, data la partenza del ciclo di rialzo a luglio 2012, volevo chiedere se a suo parere ci troviamo sul primo movimento al rialzo oppure questo sia già concluso con relativa correzione da giugno a ottobre 2014 e ci troviamo nella fase iniziale di onda 3. Leggi la risposta...
Considerando una certa correlazione tra indici risulta probabile uno sfondamento dei 22500 per andare verso i 24000. Ma in questo contesto significa che il Dax arrivi a 13000 e oltre secondo suoi obbiettivi citati qualche giorno indietro.
Ma secondo lei, anche in questo caso, non è per caso che sia ancora diffidente sul nostrano e che i target proposti siano sottodimensionati? Li ha centrati tutti i target tranne il nostro indice. Io la vedo ancora abbottonato sul nostrano, in quanto non credo che un Dax che salga ancora per un 10% ed oltre possa corrispondere un nostrano che salga solo un 6%.
Troppa la differenza anzi a parer mio chi ha più margine è proprio il nostro.
Vede, un Dax che arriva a 13000 dopo aver superato 11700 farebbe un balzo del 10% ed oltre.
In modo analogo il nostrano dovrebbe arrivare a 26000 circa considerando che in questo momento è a 22500 circa. Non crede? Leggi la risposta...
L'operazione di Draghi potrebbe dare uno spazio di crescita anche alla borsa italiana e recuperare parte del gap che ci separa dai massimi del 2000? Quale può essere un livello di ingresso per una posizione non di brevissimo periodo? Leggi la risposta...
D'accordo lei vende probabilità, ma se questa è al 50% o giù di lì per me non è il caso di rischiare. Quando lei suggerisce cautela nell'incrementare le posizioni oppure, ancor più, consiglia di non intervenire con ulteriori acquisti su una correzione allora significa che il rischio è troppo elevato. A quel punto diventa normale domandarsi se è il caso di mantenere anche per uno come me che opera nel medio / lungo periodo.
Comunque sia adesso pare che lo spauracchio sia passato, almeno spero.
Oggi su RG addirittura affermava che si potrebbe tentare un acquisto sull'Italia all'inizio della prossima settimana, ma preferendo comunque sempre l'America.
Domanda:
Può essere una occasione per il medio periodo quella di entrare nel mercato italiano?
A maggior ragione una entrata nel mercato americano? O preferibile altro?
Si accetta anche un consiglio flat. Leggi la risposta...
Vorrei chiederle una sua visione/previsione sul Ftse Mib (soprattutto) ed anche sul Dax / Eurostoxx relativamente a questo fine anno e per il mese di Gennaio 2015 in attesa dell' Outlook in preparazione (magari un grafico dei suoi col relativo percorso atteso).
Aveva parlato di una correzione, se non sbaglio, per la prima fase di Gennaio e poi un recupero diciamo dopo la metà del mese.
È possibile un nuovo test dei minimi di Ottobre e Dicembre?
Pochi minuti fa c'è stata la terza votazione in Grecia per l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica ed ha avuto esito negativo, pertanto andranno ad elezioni anticipate con possibili ripercussioni sulla ristrutturazione del debito ellenico.
Pensa che sia solo "rumore di fondo" per cui niente di particolare con possibile movimento al ribasso ma senza inficiare la tendenza che ci vede ancora in attesa del QE (per cui fiducia nell'andamento dei mercati azionari)? Leggi la risposta...