Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Vorrei cortesemente avere un suo giudizio sulla situazione attuale del nostro mercato.
Possiamo già considerare conclusa la correzione e quindi iniziare ad accumulare long sull’indice, oppure ad un eventuale rimbalzo si dovrebbe ulteriormente correggere…?
Visti i precedenti della primavera e dell’estate mi verrebbe da pensare che si tratti di una pausa temporanea della correzione, la quale dovrebbe presto riprendere.
Quali possono essere eventuali obiettivi di questa discesa (sia nella migliore che nella peggiore delle ipotesi) è possibile rivedere i 19800…..?! Leggi la risposta...
Vorrei un chiarimento se fosse possibile sul mercato azionario italiano, da una parte fa notare come il SELL OFF INDICATOR indichi un massimo rilevante e quindi una correzione imminente, dall'altra fa notare come le banche siano pronti a ripartire visto il CESI.
Ma se non erro il peso del settore finanziario è rilevante nel nostro indice, come concilia le due informazioni..?!
Inoltre nel RADIB afferma che il mercato potrebbe ancora salire sino a 21700/22100 ....almeno

Altra informazione che vorrei è capire se la Cina e soprattutto i Paesi Emergenti potrebbero o dovrebbero ripartire al rialzo visto il dollaro calare almeno contro euro a 1.139 Leggi la risposta...
Memore di un suo vecchio post sull’indice COMIT(che fornisce almeno dati storici più longevi) ho confrontato proprio l’indice predetto e il ftsemib, notando una cosa molto interessante, cioè che il mega canale al ribasso formato con i minimi del 1998 – 2003- 2009 – 2012 e i massimi del 2007 e dello scorso anno è praticamene quasi arrivato sulla resistenza alta(mancano pochi punti percentuali).
In relazione alla mail letta poco fa in cui rispondeva a un collega, penso che siamo molto vicini a un punto eccezionalmente importante, uno spartiacque. Il canale ribassista dura da più di 20 anni e eventuali nuovi minimi ipotetici sono lontanissimi dai punti attuali (sotto gli 8000), mentre l’eventuale rottura vorrebbe dire un cambio di trend storico.
Che ne pensa a riguardo, secondo i dati in suo possesso è ipotizzabile una rottura che cambierebbe le sorti della nostra economia? Leggi la risposta...
Ad oggi la borsa italiana ha fatto la stessa performance dell’intero anno 2017, siamo da inizio anno a circa + 14%, tenendo conto della formale recessione, rallentamento economico globale, ecc…
il CESI indica ancora dati in ripiegamento, ma l’indice non curante continua a salire.
La domanda che vorrei farle è la seguente, un CESI così basso mi fa pensare che probabilmente le aspettative siano altrettanto basse, ma se i dati futuri dovessero essere migliori delle aspettative (cosa che prima o poi
avverrà!!) cosa succede alla nostra borsa….!? (analogo discorso lo si può fare tranquillamente su tutte le borse!)
ormai sono 3 mesi che aspetto una correzione degna di nota per poter entrare (clienti compresi!) e devo ammettere che la frustrazione di questa risalita diventa sempre più profonda.
Alla fine del 2018 sembrava che il 2019 si aprisse sotto una recessione globale o quasi, che i mercati si sarebbero accartocciati (anche Lei prospettava dei minimi decisamente più profondi prima di una risalita di una certa consistenza!!), asset allocation prudentissima circa il 10% di azionario o giù di lì, non mi sembra che le notizie attuali rispetto a quelle del mese di dicembre giustifichino una euforia simile. Se in 3 mesi è salita del 14%, con pessime notizie ( le uniche positive sono il LTRO che partirà in Europa a settembre e l’attesa sino a fine anno prima di rialzare i tassi in America) in Italia abbiamo sempre il problema di incertezza politica e non solo…!! Dovrebbe chiudere l’anno con quasi il 60% di crescita, o ci aspettiamo un andamento laterale con piccolissime correzioni…!?
All’orizzonte è possibile aspettarsi una sana correzione che vada oltre i 3-4% ….??
Il greed index è vicino alla tripla cifra (superata comunque in settimana!!) non è indicatore di ipercomprato…!? Non dovrebbe “chiamare” una correzione di una certa importanza…!?
Tutto il Suo pessimismo di fine anno che ha indotto molti investitori ad abbandonare il mercato azionario per approdare a lidi più sicuri dove è finito…?
E’ bastato l’inizio anno a spazzarlo via…!?
Scusi lo sfogo ma l’aver perso il treno e soprattutto averlo fatto perdere ai clienti mi innervosisce non poco, forse è meglio essere cassettisti, su tutti i mercati, si tiene e come dimostra questo periodo, prima o poi si risale, altrimenti si corre il rischio (tramutatosi ora in certezza!) che per rientrare sul mercato si compra a prezzi più alti di quando si è usciti, aumentando così il mancato guadagno!!! Leggi la risposta...
Lei pensa che il nostrano si possa slegare completamente dal resto del mondo a livello borsistico? Io penso di no.
Il modello giapponese prevede un massimo a (omissis) poi un tonfo. Nel frattempo però precisa che il rialzo in atto è robusto sia qua che nel resto del mondo. Ed aggiunge che in questi casi solo una correzione di qualche punto percentuale è plausibile. Quindi io penso che il modello giapponese sia superato. Possibile arrivare anche a 21600 dice lei. Questo potrebbe significare il superamento del long stop mensile e la fine del ribasso di lungo. Questo mi pare straordinario prima o poi tutto dovrebbe tornare più normale. Sarebbe interessante sapere quando . Poi abbiamo le aspettative e i dati reali sotto le attese o sopra? Questo è il momento dove il dato reale supera le attese ? Perché se è così allora tutto è spiegabile. Leggi la risposta...
Sono molto colpito dal comportamento della nostra borsa, passata da un minimo intraday del 27 dicembre 2018 di 17900 punti (chiusura di giornata intorno ai 18050) alla giornata del 6 febbraio 2019 con un massimo (per ora) di 20.000
circa un 12% di salita senza mai prendersi una pausa di qualche punto percentuale (almeno 2-3%)
non mi pare di vedere dati brillanti nella nostra economia che giustifichino un rialzo simile, con lo spread che sta lentamente risalendo, crisi politica probabilmente più vicina, ma soprattutto ora che è stata certificata la recessione, mi aspettavo una sotto performance rispetto al resto d’Europa.
Ora mi chiedo, dal suo punto di vista è possibile che oltrepassi la MM200 passante ora intorno a 20200 senza correggere…!?
Se dovesse salirci sopra fin dove potrebbe spingersi…!?
Invece se dovesse correggere fino a quale valore potrebbe andare senza intaccare questo stato di grazia di up trend…!?

Inoltre mi trovo nella scomoda posizione di aver alleggerito il mercato azionario a fine giugno 2018 (restando comunque investito in azionario intorno al 18-20%) la restante parte lasciata su fondi monetari.
Ora i miei clienti incominciano ad accusare nervosismo vista la situazione di mercati in costante crescita da oltre 1 mese, facendomi notare che se probabilmente non fossero usciti dal mercato allo stato attuale sarebbero sugli stessi livelli se non leggermente più alti.

Mi chiedono quando rientreranno e, francamente non me la sento di entrare su questi livelli, soprattutto ben sapendo che i mercati non hanno ancora rifiatato.
La domanda che mi pongono è che senso ha tergiversare, rischiando di perdere ancora un 4-5% di rialzo, e trovarsi poi con una correzione di ugual valore…!?

Sinceramente non so che rispondere, visto che chiedono di rientrare da circa 2 settimane ed abbiamo visto che alla fine avrebbero avuto ragione. Leggi la risposta...
Vorrei sapere dal suo punto di vista se non sarebbe sensato in questo momento andare short sull'indice nostrano, tenendo conto che il GREED INDEX sino all'altro ieri era a tripla cifra (oggi non è molto lontano), l'oscillatore punta ancora verso il basso, il mercato nelle ultime 2 settimane non ha mai rifiatato ed i dati, nonché le previsioni sull'attuale rallentamento economico non dovrebbero preludere ulteriori salite visto che siamo vicini alla media mobile.
Cosa ne pensa..?!
Eventuale correzione dove potrebbe spingersi...?!..... 18800-18400...?! Leggi la risposta...
In breve ho tre domande da farle:

1) Tassi USA, non ricordo dove ho trovato il grafico allegato.
Ora il decennale è arrivato in prossimità del 3,25%.
Quanto ritiene probabile la salita fino al 3,75% ? E per quali motivi ?

2) Italia, ritiene ancora valido lo sviluppo del Mib come da suo schema allegato?
Se possibile, con quale tempistica?

3) Quando ci propone un'analisi di Forza relativa tra due Indici ( come nel RG di oggi tra Nasdaq e SP500 ), fa un mero confronto di andamento del valore dei due Indici nel tempo T considerato, o usa altri parametri? Leggi la risposta...
Quale sarà il futuro del Ftse Mib? I 24.000 punti fatti saranno il massimo annuale? Chi è long su questo mercato deve uscire ora o quando in aprile? Leggi la risposta...
Relativamente all'ORO ho letto stamattina che continua ad essere negativo su questo asset, relativamente al ciclo che doveva scadere in giugno/luglio di questo anno, che se non ricordo male aveva menzionato nell'Outlook di inizio anno, come si può andare a catalogare il movimento in atto?
Quando pensa che a questo punto si possa riconsiderare a livello temporale l'acquisto di ORO e che prezzo potrà essere raggiunto?

Relativamente al FTMIB, ha parlato diversi giorni fa di un sottile ghiaccio che ci separa dall'inversione ribassista.
Le chiedo a quale livello dobbiamo fare attenzione se rotto al ribasso?
Se la chiusura settimanale anche di questa settimana dovesse essere inferiore allo SSS di 20180 della scorsa settimana lo possiamo ritenere acquisito?

Quali sono i target rialzisti (se crede che ci saranno ancora delle settimane di positività davanti a noi) o ribassisti nel caso la rottura la dovesse ritenere acquisita?

Sempre relativamente al nostro mercato crede che fino a quando ci sarà positività sul mercato americano di riflesso ne potremmo beneficiare anche noi o ritiene che ad un certo punto il destino del nostro mercato si staccherà da quello di Wall Street seguendo il detto "short term gain, long term pain" che aveva utilizzato nell'outlook di inizio anno, considerata l'avvicinarsi delle elezioni?

Se non ricordo male la sua visione sul nostro mercato era sul lungo periodo negativa, ha parlato di una terza ed ultima recessione prima della partenza definitiva e che nel 2018 era probabile un ritorno della negatività.
Ora considerato il fatto che in Agosto non si è verificata il ritorno della negatività sul nostro indice, come invece era previsto (vds.outlook 2017), pensa che sia cambiata la view di lungo sul nostro indice oppure, considerata anche la risposta che ha fornito alcuni giorni fa ad un quesito, sui titoli del debito italiano, ritiene il ribasso solo rimandato?

Ieri ha segnalato l'inversione ribassista sui titoli della galassia FIAT (Exor, FCA e Ferrari) quali sono i target al ribasso su questi titoli? Leggi la risposta...