Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Volevo domandarle cosa pensa della possibilità di un nuovo 2016 (sebbene con differenze notevoli), con una prosecuzione della situazione positiva in termini di economia (più o meno) globale.
Ma veramente questa lunghissimo ciclo ascendente può continuare a sopravvivere? Leggi la risposta...
A proposito del nostro indice di cui noi tutti siamo stupiti delle performance poiché non rispecchia i fondamentali dell' economia del nostro paese; faccio un semplice ragionamento:
Da inizio anno la borsa fa + 15% o anche di piu' forse e marzo non e' ancora terminato, questo significa un 5% al mese. Visto che la borsa prima o poi dovra' fare i conti con i fondamentali...Questo dottor gaetano e' un semplice ragionamento al di la' delle ragioni tecniche su cui noi ci basiamo tutti i giorni.
Ancora una volta torno a chiedere un suo parere nel frattempo saluto e ringrazio per il lavoro svolto quotidianamente. Leggi la risposta...
Tratto dal rapporto giornaliero del 23 aprile 18. Puo rappresentare graficamente quanto evidenziato in grassetto? Leggi la risposta...
Nel report odierno compie una disamina del comportamento dell'indice in relazione all'A/D line, sottolineando come sia "sottile il ghiaccio" su cui si regge l'up-trend (poche società in Advance e molte in Decline).
Quello che emerge dal grafico e che lei evidenzia è che, lato A/D line siamo vicini ai minimi di 13 mesi fa, ma con l'indice che si trova a ridosso dei massimi del 2015.
Questa divergenza è, oggettivamente, stridente, anche perché il recupero dell'A/D line da novembre scorso a maggio si è fermato a 4.600 punti circa, ben al di sotto dei massimi toccati nel 2014 e nel 2015.
Insomma, l'indice è salito ma senza coralità.
La prima domanda è se ci possono essere altri indicatori, tecnici e fondamentali, che, visti su questo orizzonte temporale, possano darci ulteriori elementi interpretativi e, quindi, lumi per il futuro.
Lato macro, se raffrontiamo la situazione di inizio 2014 (massimi dell'A/D line) e quella di fine 2017 i segni sarebbero tutti positivi: + crescita del Pil, + surplus di partite correnti, + investimenti, - stock di sofferenze.
La seconda domanda è quindi se il miglioramento indubbio della nostra economia possa rappresentare un significativo antidoto ad una forte (diciamo oltre il 10%) caduta assoluta (oltre che relativa) del nostro indice. Leggi la risposta...
Come vede il Banco BPM da un punto di vista dei fondamentali? Leggi la risposta...
Una sua valutazione sulla situazione e sulla prospettiva dei Paesi emergenti (azionario e bond), su High Yield Usa ed Europeo e sull'oro. Leggi la risposta...
Finalmente l'Outlook ha fatto luce su quello che stava suggerendoci da tempo nelle pagine del rapporto giornaliero, ovvero un pesante cambio di visione relativa al mercato per i prossimi mesi e a questo punto anni..
ammetto di riuscire con fatica ad aderire a uno scenario stravolto rispetto a quanto ipotizzato per il resto dell'anno, dove a una fase attendista e a prospettive di ribassi importanti abbiamo adesso una inversione di view e in certi momenti l'impressione che si debba correre per salire sul carro dell'ultimo rialzo. Faccio l'avvocato del diavolo; ma non è che come sono stati disattesi segnali chiari ed analisi statistiche quantitative affidabili, dal toy a tutti i setup apparsi ad inizio anno, potrebbero fare altrettanto adesso i segnali inequivocabili di ripartenza del rialzo sui mercati usa archiviando come già fatti (pic indolor?) i necessari processi correttivi? Davvero l'estate che ancora deve entrare nella sua fase più statisticamente imprevedibile, sarà una dolce navigazione per mari tranquilli e profittevoli? Una volta premesso questo, che fa parte del campo dell'emotività e non della affidabilità delle sue analisi che seguo ormai da un decennio, le propongo questa ipotesi figlia delle rinnovate strategie dell'outlook per i mesi/anni a venire: un portafoglio ottimale da costruire oggi per stare investiti da qui al prossimo decennio, potrebbe essere molto lontano da questo?

- 20% gestione separata assicurativa (al posto della parte monetaria non più sostenibile con la zirp)
- 10% obbligazioni a tasso variabile investment grade con buoni spread;
- 10% fondo obbligazionario globale inflation linked;
- 10% fondo obbligazionario emergenti (cambio coperto o local currency?)
- 10% fondo azionario Pmi italiane;
- 10% fondo azionario usa aristocratic dividend;
- 10% fondo alto rating su commodities;
- 10% fondo immobiliare diretto europa;
- 10% fondo su volatilità globale

Con piani di accumulo da attivare su megatrend come tecnologia e healthcare.... Leggi la risposta...
Ho letto stamattina il RG relativamente allo Yuan e al fatto che il suo andamento lancia una luce sospetta sul rialzo dei mercati. Poi, sempre oggi, leggo sul Sole 24 ore un articolo da cui si evince che la situazione dello Yuan è positiva per l'economia e per i mercati (se ho interpretato bene): "Oggi la moneta di Pechino ha raggiunto il minimo storico da cinque anni a questa parte. La caduta libera dello scorso 11 agosto è, dunque, solo un ricordo...".
Mi potrebbe illuminare? Leggi la risposta...
Ci potrebbe dare un suo parere sul copper? Leggi la risposta...
Alla luce delle ultime sedute, pur in presenza di un periodo statisticamente poco promettente, non pensa che si possa rientrare sui mercati azionari?
E se ok, secondo lei sono da considerare maggiormente EURO, ITALIA, GERMANIA, AMERICA oppure pensa che questi giorni siano solo un rimbalzo prima di un ulteriore affondo? Leggi la risposta...