Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

ho letto la sua risposta al quesito sul perché i Mercati giudicano così diversamente il debito pubblico di Italia e Giappone.
Tutte cose giuste quelle che lei osserva, con la piccola integrazione che mi permetto di aggiungere: la posizione finanziaria netta sull’estero dell’Italia a fine 2019 era si negativa, ma solo del 1,7% del PIL. Nel dicembre 2011 eravamo a -18,2%.
Qualche miglioramento si è fatto, non le sembra?
Quanto ai detentori del Debito, andrebbe anche precisato che quello in mano alla BoJ, in % sul totale emesso, è ben maggiore del debito Italiano detenuto da BI e BCE.
Soprattutto andrebbe precisato che il Giappone - che come sappiamo batte, tramite BoJ, propria moneta, cosa che non è più possibile per l’Italia - può “monetizzare” tutto il debito di cui necessita perché non deve sottostare a nessuna regola imposta da una Istituzione Sovranazionale.
Quanto alla detenzione delle Famiglie sa bene che una parte maggiore del debito pubblico italiano è ancora in loro mani: non direttamente, ma tramite quote di Fondi Obbligazionari e Bilanciati collocati a man bassa da Banche e Promotori sulle famiglie stesse. Inoltre, se la quota del Deb. Pubb. in mano a Non Residenti ammonta a circa il 30% del tot, fra questi vengono anche ricomprese Sicav di diritto lussemburghese, ma italiane al 100% perché collocate quasi tutte presso risparmiatori residenti. Quindi, di fatto, fra Sicav Italiane e Sicav Lussemburghesi, la quota in mano ai Privati Italiani è sicuramente ben più rilevante di quanto emerge dai dati di Banca d’Italia. Un bel riepilogo lo si può trovare sulla pubblicazione mensile:
https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/finanza-pubblica/2020-finanza-pubblica/statistiche_FPI_15052020.pdf

Tornando alla Posizione Finanziaria Netta sull’Estero il Giappone ha un saldo creditore molto più rilevante della quasi parità raggiunta faticosamente dall’Italia, infatti, il Mercato continua a richiedere Debito Giapponese senza pretendere tassi maggiori.
Nell’Euro Area La Germania è in posizione simile, ma con una “mole” di debito (in rapporto al PIL) decisamente inferiore. Ed il Mercato premia sia l’eccedenza di Credito Estero, sia la bassa quantità di debito pubblico, essendo addirittura disposto a pagare per detenerlo.
Noi, aimè, non siamo in quelle condizioni ed il Mercato ci richiede un bel premio per i maggior rischio.

Ma come stanno gli altri 2 grandi dell’Euro Area, in particolare come spiega i Tassi irrisori che il Mercato richiede per comprare e detenere OAT?
I fondamentali della Francia sono decisamente meno “solidi” di quelli tedeschi, anzi, direi che quanto a negatività, si stanno avvicinando se non superando, a quelli che poteva vantare l’Italia nel 2011 (Posizione Finanziaria netta sull’Estero a fine 2019 -23,3%; Debito/PIL oltre il 98%).
Data la posizione debitoria netta, molta più quota degli OAT è in mano a non residenti, e sta aumentano trimestre dopo trimestre per il deficit di parte corrente dei transalpini che non accenna a diminuire.

Visti a “mente fredda” questi dati e questi trend farebbero venire la tentazione di aprire una posizione short sul debito francese…

Come se lo spiega?
Che ne pensa? Leggi la risposta...
Gent dot io e mio marito facciamo da qualche anno delle scommesse su un indice o settore l anno scorso io avevo messo Italia mio marito Grecia e andate bene questo anno mio marito punta su Francia e come settore banche io vorrei invece Grecia e telecomunicazioni per il 5 g vorrei un consiglio tecnico su quali indici e settori sono meglio impostati anche per avere una rivincita grazie Leggi la risposta...
Analizzato il suo consueto pregevole lavoro, sono a chiederle alcuni approfondimenti operativi

- Sul CAC e Eurostoxx sopra le rispettive resistenze incrementerebbe o darebbe più spazio all'SP500?

- La Cina in caso di storni in agosto conviene comprare o è meglio aspettare l'autunno?

- Gold è surriscaldato secondo lei è meglio alleggerire e rientrare settembre ottobre oppure una posizione conviene tenerla?

- Su FAO ha qualche strumento?

- Per il lungo periodo vedendo il CAPE, tra Giappone Russia Messico Corea conviene incrementare/entrare ora?

- Mps sta sta stornando dopo un bello spunto dove stop/LSS

Grazie e complimenti ancora per gli spunti che ci da. Buone meritate ferie! Leggi la risposta...
Quali le Sue previsioni sulle Francia? Conviene uscire dal mercato azionario? Leggi la risposta...
Negli ultimi report ha affrontato la situazione del BTP sotto gli aspetti dei fondamentali macro e dell'analisi tecnica. Il responso che se ne ricava, almeno leggendo il report di oggi 24 maggio, è che c'é un serissimo rischio di un forte incremento dei tassi ed ulteriore allargamento dello spread.
Fine dell'up trend e ritorno, quindi del rischio Italia nei prossimi giorni.
Rischio che sarebbe facilitato dalla corsa verso i "titoli sicuri" Bund e OAT a seguito rallentamento del ciclo in euroarea, anticipato dai deludenti PMI.

Siccome osservo da tempo l'andamento macro della Francia (sul cui indice di borsa lei è ultra bullish) e mi sembra che si stia significativamente deteriorando mi interessa molto una sua breve analisi al riguardo. Leggi la risposta...
Volevo chiederle della Francia: l'indice ieri era ancora sui massimi di novembre 2017, anzi sotto. Volevo, quindi, un Suo parere per vedere la situazione considerando anche l'indice Cac 40 contro Eurostoxx 50, su quale sia più forte. Lei tempo fa spinse molto questo indice, ora cosa ne pensa.

Ho anche notato che molti etf e fondi sono esposti sull'indice Eurostoxx in percentuale più su Francia che Germania, mi sembra strano. Leggi la risposta...
Alla luce delle ultime manovre politiche in Germania, si constata una fase di debolezza del Dax sul Cac, cosa per altro già annunciata da tempo. Fino a 2 settimane fa questa reazione si era fatta attendere, ora sembra essere partita.
Quindi conferma tutto Cac? Leggi la risposta...
1) letta la sua analisi odierna sul CAC40, tolti i titoli bancari, cosa suggerirebbe da qui alla primavera come 2-3 singoli titoli su cui puntare (in alternativa all'indice)?

2) Quali i titoli a maggior beta del CAC40? Leggi la risposta...
Volevo oggi chiederle qualche cosa sui grafici, parliamo di indici: Francia ed Eurostoxx sono messi bene, però non hanno ancora superato il massimo di maggio 2017. Dax doveva fare peggio di altri, invece è sopra maggio. Anche dai bellissimi paragoni Germania / Francia doveva andare in altro modo. Spagna dava brutto e cosi è andato.
Ecco, visto che lei che segue da molto tempo i mercati, vorrei un suo parere sulla sua esperienza in questo campo: Mi sono concentrato sui cicli e vedo che danno, almeno io credo, più sicurezza, benché abbia poca esperienza. Torniamo sugli indici: un parere sulla Spagna, qui ha funzionato il grafico dato che segnalava brutto e cosi è stato, vediamo, se possibile, un grafico con supporti ultimi e resistenze, grazie. Leggi la risposta...
È possibile aggiornare il grafico confronto Francia Germania da lei evidenziato e se tutto procede come pensato per la leadership europea. Leggi la risposta...