Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Gentilissimo Dottore , mi spiace disturbarla ancora ma sto cercando di capire cosa iniziare a fare in termini operativi. Da ciò che scrive oggi sul suo rendiconto giornaliero e anche da ciò che ha risposto ieri alla email circa il possibile sforamento della media mobile a 200 giorni da parte dello Standard & Poor's 500, mi sembra abbastanza chiaro che Lei viva questa condizione di rialzo borsistico in maniera poco convinta. Del resto, anche il modello di Asset Allocation confermerebbe tale titubanza.
A questo punto gli interrogativi che mi pongo sono due: ma se anche questo indugio borsistico fosse rotto, con la situazione economica che caratterizza questo momento, ragionevolmente, a quale tipo di rialzo potremmo assistere? Mi sembrerebbe veramente strano poter immaginare un rialzo azionario che vada avanti per tutto l'anno con grossi risultati numerici. Lei del resto ha sempre visto in questo un movimento tattico...
Al tempo stesso mi pare evidente che la FED non dovrebbe più rialzare i tassi e la situazione complessiva del mondo almeno ad oggi, sembra andare verso un rallentamento più o meno consistente.
Allora, visto che il lavoro di consulente dovrebbe privilegiare le onde lunghe dei mercati, lasciando ai gestori le "pizzicate" brevi, in tale situazione non sarebbe più semplice cominciare intanto a confezionare un portafoglio fatto di obbligazionario di buona qualità, magari gestito da affidabili gestori attivi? Magari con un po' di oro lungo e di dollaro short fino a nuovo ordine? Leggi la risposta...
Volevamo che Powell si fermasse.
Si è fermato?
Nelle asset allocation conservative, dove gli strumenti monetari hanno un peso rilevante non per contributo di rendimento ma per questioni di var, val la pena rompere gli indugi ed incrementare in modo significativo e strategico almeno 24 mesi i comparti aggregate bond? Leggi la risposta...
Oggi primo incontro con Goldman Sachs, in breve ...
a livello macro economia in rallentamento, ma abbastanza positivi per il 2019.
Poi 20% di probabilità di recessione nel 2020 e 50% nel 2021.
La cosa che mi ha colpito è che statisticamente parlando hanno fatto vedere grafico dove il mercato sbaglia sempre le mosse FED sui tassi.
Per loro quest'anno ci saranno ancora due rialzi dello 0,25%.
Domanda provocatoria:
sembra che la Fed voglia favorire la recessione per poi avere le "armi" per poi contrastarla?

Tornando al breve periodo, lei indica come probabile qualche settimana di calo, con minimo per metà febbraio, per poi ripartire.
Mentre ci propone una serie di analisi dove il minimo di dicembre non è quello definitivo.
Quello definitivo lo si può collocare nella seconda parte dell'anno o prima? Leggi la risposta...
Quando Alex River parla di neutral rate cosa intende? Con o senza inflazione o altro? Rispetto alla sua indicazione del tasso fed confrontato con quello shadow cosa e dove differisce? Leggi la risposta...
Volevo ragionare insieme con lei sulla situazione attuale dopo 6 mesi: mercati azionari ex usa tutti negativi o quasi dopo 6 mesi;
* mercato usa leader indiscusso da 9 anni ma che da inizio anno vede solo in Nasdaq ( o forse le sue 6 avanguardie) in grado di attirare flussi
* oro flat da inizio anno
* criptovalute in forte discesa dopo 6 mesi
* bond in discesa ovunque
Ecco mi chiedevo dove vadano a finire tutti i flussi.
La risposta più immediata porterebbe a dire verso il Nasdaq ma forse è in atto un grande e silenzioso deleveraging? Leggi la risposta...
Spero di riuscire a seguire l'intervista e magari risolverai a viva voce il mio dubbio ma nel frattempo le scrivo: qualche giorno fa scriveva del crollo delle probabilità di un triplo rialzo dei tassi negli US e sul rapporto di ieri un grafico suggeriva 2,3 rialzi dei tassi FED nei prossimi 12 mesi. Questo scenario mantiene la soglia di ingresso sul debito americano al 3,4% di rendimento sul trentennale? E più o meno a quanto potrebbe corrisponde sul decennale? E a che punto siamo ora? Leggi la risposta...
Le sto facendo una domanda che esula dalle Sue specifiche competenze tecniche, ma mi piacerebbe conoscere la Sua opinione in merito alla scelta tra tasso fisso e variabile che oggi i clienti devono affrontare quando devono fare un mutuo a 10-15 anni, quali previsioni si possono fare per l'euribor? Leggi la risposta...
Buongiorno, leggo quanto scrive Novelli…la pelle mi si incomincia ad accaponare! Mi sembra una chiamata a ritirarsi. Dove sbaglia e dove ha ragione? Leggi la risposta...
È possibile comprendere fino a che punto le Banche Centrali hanno gestito o stanno gestendo la situazione generata dai picchi di VIX/VSTOXX sui mercati che ha ben evidenziato nel rapporto giornaliero di ieri? Ci sono stati casi analoghi in passato in cui le BC hanno fatto sentire il loro peso per smorzare la volatilità e di conseguenza calmierare i mercati?

La correzione che si è generata sui mercati è in linea con il picco del VIX? Ho letto che valori analoghi di VIX sono stati seguiti da correzioni ben più profonde (vedi twin Towers, recessione del 2002), mi pare che solo nel 2008 il picco sia stato superiore seppur di poco.
Esiste una relazione tra andamento del VIX e le correzioni che seguono i picchi? È possibile avere un grafico che metta in evidenza valori analoghi di VIX del passato con l'andamento dei principali mercati azionari (almeno USA e Europa) nei 3/6 mesi successivi? Se ci sono stati nuovi minimi nei mesi successivi sono stati inferiori rispetto a quelli toccati con la prima esplosione di volatilità?

Ritiene che un calo della durata di 10 giorni sia un calo risolutivo? Visti i valori record di ipercomprato su diversi indici, pensa che gli eccessi maturati nel mese di gennaio siano stati smaltiti completamente?

Vorrei formulare ancora una domanda sul PT segnalato ieri sul NASDAQ in relazione ai possibili rialzi dei tassi con cui la FED sembrerebbe dover procedere nei prossimi mesi. Qual è secondo Lei il livello di tassi che può arrestare il rialzo del settoreche più di ogni altro è stato l'asse portante dell'uptrend che ci accompagna da diversi anni?

La ringrazio anticipatamente per tutte le informazioni che potrà darmi. Leggi la risposta...
Potrebbe ricordarmi il target temporale evidenziato nell'outlook come fine di questo epico rialzo??? Inoltre ci potrebbero essere nei prossimi mesi un rialzo dei tassi (6 % circa) negli USA e un rapporto € / $ a 1,60?? Se questi scenari si realizzassero sarebbero la giustificazione ad un bear market con i contro fiocchi!! Ultima domanda: con un € / $ a 1,60 le materie prime sarebbero da vendere?? Leggi la risposta...