Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Fatico a trovare livelli operativi sullo s&p 500.
Media mobile a 200 giorni ormai penetrata e successivamente superata per 4 volte da inizio anno

A questo punto penso sia probabile il test dei minimi di periodo in area 4.180

Quindi? Operativamente cosa farebbe su quei livelli?

Non ritiene che dopo anni di Fed compiacente, non sia completamente prezzata dai mercati la volontà "politica" della Fed di ammazzare l'inflazione (gallone di benzina in usa sopra il dollaro significa sconfitta elettorale per il partito del presidente in carica) indipendentemente da possibile recessione o storno sui mercati?
Anche il look down di Shanghai, credo produca più stress sul lato dell'offerta che della domanda. Leggi la risposta...
Come spiega e come pensa possa influenzare il mercato la fiammata sui rendimenti dei Treasury americani? Leggi la risposta...
Verso la metà del 2020 Lei dedicò diversi report al tema monetario e metteva in guardia dalle conseguenze inflattive che l'enorme massa monetaria avrebbe generato.
Oggi lo schema più moneta e meno produzione, indipendentemente dai colli di bottiglia del 2021 ha generato un'inflazione "non temporanea" come per tutto il 2021 si andava da più parti proclamando.

Lei lo aveva già segnalato: rispetto alla crisi del 2008 quando la massa monetaria introdotta nel sistema era rimasto all'interno del sistema finanziario, nel 2020 la massa monetaria straordinaria stampata dalle banche centrali in primis la FED ha superato gli argini del sistema finanziario ed è entrata con prepotenza anche nel sistema economico reale.

Nel frattempo Lei segnalava come l'estero era impegnato a ridurre le attività finanziarie denominate in dollari USA a lunga scadenza attraverso vendite massicce di titoli USA (aveva pubblicato un grafico - dollar watch - foreign of Us Treasury Securities)

Domande:

1) Può riproporre le due letture della moneta M1 e M2 in questo momento?
2) quali sono secondo Lei dei valori di equilibrio del tasso di inflazione in Europa e In USA a regime?
3) a che punto è lo "smobilizzo" delle attività finanziarie statunitensi da parte degli Stati esteri? Leggi la risposta...
Una richiesta di chiarimento, quando nel rapporto di giovedì scorso dice:
“Trattandosi di un panel tanto autorevole quanto ben rappresentativo (oltre 300 money manager, in rappresentanza di quasi un trilioni di dollari di asset gestiti), vien da pensare che qualcuno fra un mese rimarrà a bocca aperta di fronte ad una possibile sorpresa.”
A che genere di sorpresa si riferisce?
E poi: “da cui finalmente potrebbe svilupparsi un persistente ribasso.”
FINALMENTE?"

Vabbè, ho capito che la sorpresa poteva essere un rialzo di 0,50. Ho capito bene?
Su quel finalmente, attendo numi...

Invece ti scrivo oggi per chiederti: sto monitorando quell'etf sul debito cinese(ISHARES CHINA CNY BOND UCITS ETF USD D), non sembra aver rotto al ribasso, ma la minaccia persiste? I tagli di interesse della Banca Centrale Cinese non dovrebbero far bene al debito di stato? Temo che mi stia sfuggendo qualcosa...
Inoltre, come vedi l'obbligazionario EM? E quello in valuta locale? Credo di aver capito che sia tutto legato al prossimo andamento del dollaro che non mi pare abbia preso una direzione ben delineata...
Mi aiuta a capire? Leggi la risposta...
Un paio di domande.
La prima: i tassi reali con quali parametri vengono calcolati ?
La seconda: pur conoscendo la sua opinione, ovvero che la fed è in ritardo, non ritiene comunque che la banca centrale americana abbia dimostrato negli ultimi 15 anni tanta capacità e che quindi meriti un po' più accondiscendenza nei giudizi ?
Chiaro che sono cambiati i banchieri centrali, chiaro che il passato non è garanzia per il futuro....ma se alla fine gli dobbiamo essere grati per gli ultimi 10 anni di economia e mercati, possiamo anche pensare che sapranno guidare la macchina sul ghiaccio anche a questo giro.
Almeno speriamo sia così!! Leggi la risposta...
Cosa ne pensa di quanto pubblicato da Phaurus in questo post su Linkedin?
https://www.linkedin.com/posts/pharus-asset-management_chartoftheweek-assetmanagement-financialmarkets-activity-6892093494266331136-5HOy/ Leggi la risposta...
Vorrei sapere un suo parere visto che ho molti clienti con fondi e/o sicav con titoli growt all'interno. (Morgan Stanley Blackrock ecc...).
Si tratta di prodotti di qualità eccelsa comprati con ottica di medio periodo ma lo scenario che mi pare stia ipotizzando anche sul RG odierno è di ulteriore discesa del Russell e dei titoli affini.
Quindi, che consiglierebbe nel breve? Alleggerire, mediare, mantenere? Oppure affiancare con prodotti più Value e/o difensivi?

Un'ultima cosa che le chiedo, anche se da profano della statistica, se la situazione attuale non assomiglia a quella di fine 2018. Anche in quel caso la Fed annuncio rialzi, anche in quel caso i growth e i mercati scesero sul finire dell'anno, ma poi nel 2019 tutto andò abbastanza bene. Leggi la risposta...
Cosa dobbiamo pensare e aspettarci dai mercati e dalla loro NON ripartenza dopo la sollecitazione dei supporti, benchè l'S&P sia in prossimità dei massimi?

L'indice FTSEMIB non ne vuole sapere di salire (e per fortuna nemmeno di sfondare al ribasso)
Il Toy setup che si chiederà al 19 gennaio ha ancora pssibilità di essere conseguito positivmente, anche se con il passare dei giorni, le probabilità si riducono mestamente.

L'incertezza che aleggiava intorno alla FED dovrebbe essere stata spazzata via con le dichiarazioni di Powell, il mercato obbligazionario è in sofferenza e forse lo restera ancora per un po’ di tempo.
Cos'è che fa "da tappo" affinchè gli indici possano ripartire….?! Può essere tutto causato dalla nuova variante e dai timori di nuove chiusure?
Se questo fosse il timore, bisognerebbe però anche attenderci un ripiegamento dell'inflazione, un banca centrale più guardinga e attendista (o comunque meno aggressiva) e i titoli tecnologici in crescita per via del crescere della DAD, dello smart working, degli acquisti di beni online in generale, invece assistiamo a delle vistose prese di beneficio proprio su questi settori.
Su quali mercati dovremmo entrare secondo Lei…?! Leggi la risposta...
Che ne pensa della riunione della Fed del 10 giugno? quali sorprese potrebbe portare? calo degli indici oppure ancora sprint? Leggi la risposta...
Stavo osservando i principali indici mondiali per verificare la sensazione nata osservando il grafico sui Paesi emergenti su un supporto cruciale che forse, fatto salvo i FANG con le loro varie declinazioni, non venivamo da mercati così esuberanti.
L'MSCI World si trova sui massimi del 2007, 13 anni fa.
L'Eurostoxx si trova ai livelli del 2004, 16 anni fa, coi massimi del 2000 che furono attorno ai 5500 punti, oggi 2500.
Gli emergenti hanno appena rotto una media pluridecennale e sono ben lontani dai massimi.
Ma quindi se non ci fossero stati banche centrali e buyback azionari dove sarebbero stati questi mercati? Siamo sicuri che meritino un bear market così devastante, senza essere stati particolarmente eccessivi in senso contrario? Il rendimento di un portafoglio equiponderato negli ultimi 15 anni, non è inferiore alla media storica?
E' vero che ci sono stati i dividendi, che la globalizzazione ha eroso profitti e portato deflazione, ma non è più corretto temere ancora oggi più la bolla presente sull'obbligazionario rispetto alla sostenibilità dell'investimento in equity e nelle ulteriormente bistrattate materie prime? Leggi la risposta...