Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Come interpreta lo strano comportamento del mercato che plaude al decisionismo di Powell nel combattere l’inflazione (espresso ieri al senato USA) con il timore che però questo comporti aumenti dei tassi (forse quattro nel 2022). Lei stesso nel report di oggi faceva presente che questa euforia era di breve durata e che nelle prossime settimane vede dei ribassi e non certo rialzi. Allo stesso tempore chiedo, la stagione degli utili in arrivo può modificare in senso rialzista il quadro? Leggi la risposta...
Avrei tre domande:
- quali indicazioni ci sono sul $ con l'Age Index , tenere o alleggerire?
- Equity emergenti: ho posizioni marginali aperte tramite pac, quando ci saranno le condizioni strutturali per incrementare ?
- un cliente mi chiede analisi per entrare su Acea, Hecla Mining, Gel. Leggi la risposta...
Le stime riportate nell'RG odierno degli utili del terzo e quarto trimestre sono migliori o peggiori di quanto si paventava ad aprile/maggio ?? Ricordo male oppure GS prevedeva utili in rialzo nel quarto trimestre? Leggi la risposta...
Ben sappiamo che il mercato europeo è sottoperformante rispetto a quello americano per ragioni dettate dalle differenti economie ma mi chiedo se il recente mutamento nelle politiche economiche espresse dalla comuunità europea possano in qualche misura motivare un recupero di questo gap tra i due mercati economici e a questo punto anche finanziari.
Quale potrebbe essere lo spread, ratio, o altro da monitorare per osservare, se e quando, una rimonta da parte del mercato azionario europeo possa suggerire di aumentare il peso della vecchia Europa in termini di allocazione geografica. Leggi la risposta...
Grazie per i contributi flash (blog) sul tema del PIL e ricchezza italiana.
Da anni racconto ai miei clienti che il miglior modo di investire è posizionare i propri risparmi dove si cresce sia in termini di PIL che di istruzione e dove la popolazione non invecchia in modo drastico.

È possibile allargare la lettura del PIL sugli altri paesi "emergenti"? Leggi la risposta...
Vedendo oggi le attese sugli utili in Usa fino al Q2 2021 le chiedo se a spanne mi sa dire quale sarebbe il p/e atteso al Q2 2021 laddove le stime fossero rispettate e i prezzi si mantenessero ai livelli attuali. Leggi la risposta...
Da quello che stiamo vedendo in queste ultime settimane sui mercati finanziari americani, sembrerebbe che il PIL USA in caduta libera, i sussidi di disoccupazione aumentati in maniera esponenziale, il tasso di disoccupazione alle stelle, il deficit federale stratosferico, ecc. sono soltanto parole che non hanno più alcun senso compiuto nell'ambito della bisca americana.

Ora che sono usciti gli earnings del primo trimestre delle varie società quotate il mercato continua a salire senza sosta e nulla mi toglie dalla testa che, quando usciranno gli earnings riferiti al secondo trimestre, certamente catastrofici come non mai, l'amministrazione Trump e Powell, riusciranno a distorcere la realtà e a inventarsi qualcos'altro, per metterci una pezza e continuare ancora una volta a sostenere i mercati finanziari dal crollo.

E vero che sono stati colti di sorpresa a marzo, ma in meno di un mese hanno messo in moto le rotative a piena potenza, al punto tale che quanto successo nel 2008, al confronto, è una misera goccia nel mare: comprano di tutto, anche la spazzatura, pur di sostenere la baracca. Inoltre il mercato, potendo disporre di liquidità illimitata, secondo le ultime dichiarazioni dello stesso Powell, potrà crescere all'infinito. E non si comprende neppure perché il dollaro, ormai innalzato al valore di carta straccia,, visto il QE infinito, non crolli, com'é giusto che sia. Ed anche Lei, con rispetto parlando, dopo due mesi di ipotesi di nuova forte discesa dello SP500, con un nuovo minimo definitivo da cui ripartire, come avvenuto in occasioni passate, oggi ha alzato bandiera bianca parlando di segnale bullish di lungo termine per lo SP500, addirittura con crescita a doppia cifra nei mesi a venire.

Ma è mai possibile che si debba continuare a sottostare a tutto questo, nonché a tweet giornalieri e a dichiarazioni farlocche al limite del grottesco, mentre i dati economici reali non contino più un accidente ?

Cosa ne pensa in proposito che? Leggi la risposta...
A fronte della caduta degli EPS mi può aggiornare sul differnziale fra eps e 10 year bonds ?? Oppure ritiene di dovere aspettare la fine della earning season per aver un dato più veritiero della situazione? Leggi la risposta...
Vorrei una Sua riflessione sul video (della durata di pochissimi minuti) del link sottostante che tratta li utili presunti dell'S&P500. Leggi la risposta...
Buongiorno dottore, mi permetto una riflessione, su cui vorrei il Suo arguto parere.

La discesa delle scorse settimane è stata rapidissima e probabilmente eccessiva (per i fondamentali macro e gli EPS futuri). Forse il fair value dello S&P potrebbe essere 2.400-2.500 (posto che il fair value corretto lo prezza il mercato, non certo io!). Certamente i 2.174 punti che abbiamo visto erano già un crollo forse eccessivo. Tuttavia, come nella precedente discesa i livelli tecnici sono stati tutti sfondati senza fornire il minimo supporto (dalla fascia di medie mobili a 200 settimane, alla trend line ascendente a 2.530, ai minimi di dicembre 2018) e l'indice si è fermato nella terra di nessuno, a livello di analisi tecnica, a 2.174, allo stesso modo ora la salita è stata particolarmente esuberante e molto irrazionale. Ma non ritiene probabile che, con dati macro ed EPS che molto probabilmente saranno peggiori delle aspettative, per altro già riviste al ribasso, sia da considerare l'irrazionalità della salita, più che i livelli di ritracciamento, e pertanto, come i supporti non hanno retto nel panico di un mese fa, un riallineamento, magari con meno volatilità, del mercato a prezzi più ragionevoli sia molto probabile?

Giustamente Lei ha sempre paventato un rischio di un nuovo 2008 (con uno S&P a potenziali 1.500 punti, in caso di storno % uguale) fondando la Sua analisi sulla probabilità di una recessione simile. Molto probabilmente, per l'agire di banche centrali e alcuni governi, la recessione sarà meno forte. Tuttavia, a fronte di dati macro ed EPS, il mercato dovrà inevitabilmente riallinearsi. Non crede? Leggi la risposta...