Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Le settimane del 2015 trascorse sono pochissime ma a me sembra che di fatti ne siano accaduti diversi. Non parlo dell'evento odierno della Svizzera, quanto della evidente dicotomia tra l'andamento dei mercati europei, in particolare il Dax tedesco, e quello dello SP500 clamorosamente collassato in termini di forza relativa, ci può aggiornare sui vari rapporti? Solo merito del prossimo QE o simili in arrivo? Leggi la risposta...
Vorrei chiederle una sua opinione circa la situazione attuale del ftse mib e le sue prospettive da qui ad un mese. Posto che sembrerebbe non certo un mega QE quello che pare debba (forse) essere varato da Draghi nella riunione BCE del 22 p.v. ; cosa pensa possa probabilisticamente succedere immediatamente prima e dopo tale evento?

Ora siamo a circa 18200 punti di ftse mib (oggi perdita praticamente identica al rialzo di ieri, non un buon segno) ed i nostri livelli di riferimento sono come supporto 17500 / 18000 e di resistenza 19400 / 20200 .
Pensa che da qui a due settimane sia più probabile:
1) galleggiare in mezzo,
2) vedere una puntata nuovamente sui supporti (magari anche 17500) e poi portarci in alto sulle resistenze, magari appena prima della riunione BCE
3) o il contrario portarci in alto ed eventualmente stornare a seguito dell'ennesima delusione da "sell on the news"?

Anche perché 3 giorni dopo la riunione BCE ci sono le elezioni in Grecia e tanti dicono che Draghi potrebbe magari solo aspettare ancora un po' (per esempio è obbligatorio aspettare eventualmente la riunione ufficiale di Marzo? Perché non si può preparare un piano A e B e poi decidere con una riunione straordinaria subito dopo l'esito?)

Inoltre se fanno un QE da 500 milioni di euro, con un peso di acquisto titoli governativi (?!) in base al peso ponderato di ogni nazione, a noi toccherebbe circa il 13 / 15 % per cui mica granché visto che il prossimo anno dobbiamo rinnovare circa 300 milioni di titoli governativi.

Pare inoltre che i non investment grade (portoghesi e greci) non sarebbero comprati ...insomma un gran casino, e noi con BBB saremmo "salvi" per un capello!

Ricapitolando: È pertanto probabile andare sotto i 17500 prima del 22 gennaio? Oppure ci potremmo andare solo dopo il 22 o il 25 gennaio? Oppure non corriamo nessun rischio di crash ma magari riusciamo a galleggiare nel range sopra descritto?
Il fatto che venga proposto l'Outlook a fine mese dopo questi accadimenti mi pare abbastanza significativo dell'incertezza che regna sovrana...

Gradirei una sua più o meno dettagliata opinione in merito che credo interessi molto anche gli altri abbonati. Leggi la risposta...
Lei in questo caso lo dà per scontato il QE in Europa? E nel caso lo fosse pensa che comunque sarà accompagnato da un perdita dei listini europei?
Ha sempre sostenuto di una correlazione inversa tra QE e listino azionario ossia un aumento di offerta di moneta in Europa di solito accompagna una discesa dei listini.
Sempre dello stesso parere? Leggi la risposta...
Cosa ne pensa della notizia sotto indicata rispetto ad una futura operatività e cosa pensa del titolo in termini di analisi tecnica? Quali riferimenti aldilà dei vari long /short stop?

"Dalle comunicazioni giornaliere fornite dalla Consob si apprende che Marshall Wace ha riaperto la posizione corta su Fiat Chrysler Automobiles con una quota dello 0,51%. La stessa Consob ha comunicato che Carmignac Gestion ha incrementato dallo 0,52% allo 0,81% la posizione corta sulla società automobilistica.".. notizia del 19 novembre scorso.
Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/azioni-italia/fiat-chrysler-automobiles-novita-nelle-posizioni-corte?cp=1

Inoltre andando al Ftse Mib, mi pare di capire che da qui a fine anno vede il ns listino su questi livelli, anzi, leggermente più in basso mi pare ...ogni giorno ci sono conferme e/o smentite circa il Qe BCE e il listino sembra un puledro imbizzarrito per cui impostare un'operatività non è certamente tanto facile.
Non credo che Draghi possa fare Giovedì 4 Dicembre una promessa certa in tal senso visti i falchi Tedeschi (vedi parole odierne di Weidmann) pertanto credo che l'incertezza rimarrà.
Mi domandavo a tal proposito come fa e in quale considerazione tiene questa (possibile?!) mossa, quando prepara / preparerà ad esempio il suo Outlook (a maggior ragione ora che siamo al dunque ma, non c'è nulla ancora nulla di certo e tra un mese uscirà l'Outlook del prossimo anno). Leggi la risposta...
Quindi, come scrive oggi, la zona euro dovrebbe far meglio di addirittura il 5% rispetto in Nikkei (che tra l'altro dovrebbe far bene anch'esso o comunque non fare male almeno nel breve). A questo punto dovremmo tradurre il tutto in un linguaggio operativo o di attesa se fosse il caso per identificare tempi, livelli e zone da prediligere, in considerazione del fatto che alcune zone euro non la convincono come ad esempio il mercato italiano. Leggi la risposta...
In estrema sintesi riesaminando la crisi dal 2008 a oggi: la liquidità presente sui mercati e quella creata successivamente, si è diretta prima versi i "porti sicuri", poi verso gli asset a rischio.
Per cui prima IG, poi HY, poi Equity.
Quando dice che i mercati Euro sono saliti pur col bilancio BCE in riduzione è corretto, ma quasi contemporaneamente 3 banche centrali erano fortemente in espansione.
1) Per cui non è che sui mercati c'era già sufficiente liquidità, da far salire anche i mercati Euro, nonostante la politica restrittiva Bce?
2) Se arriva altra liquidità, con le altre banche non ancora in fase di rientro, non pensa che vada in ricerca di rendimenti sui mercati che sono rimasti più attardati? Leggi la risposta...
Avrei tre quesiti, comunque non urgenti.

Dollaro: vorrei incrementare le posizioni, ma su quali valori? Su un eventuale ritorno a 1,348 o a rottura di 1,325? è possibile avere il grafico aggiornato con la posizione dei commercial che ci propone periodicamente?

Mercati: è sempre valida la finestra di ingresso sui mercati azionari prevista oer fine settembre inizio ottobre? Quali mercati privilegiare: l'Europa che ha stornato di più o l'America sui massimi?

Bond: in previsione di un possibile rialzo dei tassi Usa, diversi gestori specializzati nei flessibili iniziano a consigliare: titoli di qualità e scadenze corte. Cosa ne pensa? È possibile avere l'andamento dei Tips nel passato dove c'é stato contemporaneamente aumento dei tassi e aumento dell'inflazione? Leggi la risposta...
Ho ripescato la sua risposta alla mia mail dello scorso febbraio riguardante l'offerta di moneta in Europa. Alla luce dell'ultimo intervento di Draghi è ora lecito attendersi un aumento dell'offerta di moneta e nello specifico di M1?
In tal caso questo potrebbe far sì che le borse europee dovranno adeguarsi alla maggior offerta di moneta?

P.S: è possibile avere anche il grafico aggiornato (performance trimestrale Eurostoxx comparato con la variazione annuale di M1)? Leggi la risposta...
1) Vista l'ultima fiammata del future BTP, mi saprebbe dire la sua previsione in merito e se ci sono ancora margini per un possibile acquisto?

2) Una semplice considerazione... Ma ha ancora senso comprare BTP se rendono solo lo 0,15 in più di un decennale americano? Alla faccia del carry trade, ma secondo me qualcosa inizia a girare storto.

3) Salve dott. Evangelista, in più di un'occasione Lei ha evidenziato come un rendimento sul nostro decennale al 3% sia da ritenere un'anomalia non sostenibile. Quindi a maggior ragione penso lo sia ora che siamo ben sotto questa soglia. L'impressione (mia) in proposito è che la BCE sia diventata l'unico vero driver dei mercati, sia azionari che obbligazionari. Tutti gli altri fattori che potrebbero o dovrebbero influenzarne i corsi sembrano al momento ininfluenti. Il punto di domanda comunque non riguarda tanto il fatto di assistere a eventi eccezionali quanto la sostenibilità degli stessi, anche quando questi sono determinati da attori di primissimo piano come sono appunto le banche centrali. Sul rendimento in oggetto sinceramente non me la sento di assecondare la tendenza in atto. L' intento è semmai quello di cercare un buon punto di ingresso per uno short sui nostri titoli di stato. Volevo dunque chiederle se è stimabile un'area di approdo del ribasso in atto sul rendimento del nostro decennale (oppure un livello di resistenza sul future), tale da giustificare un intervento di segno contrario con un rischio accettabile. Leggi la risposta...
Le invio un articolo riportato su Yahoo scritto da non ricordo chi su Trend-Online che penso anche Lei avrà visto. Cosa ne pensa? Non potrebbe essere un evento verosimile se poi Draghi darà seguito....!
Altra cosa invece: ho letto gli ultimi RG e Sue risposte circa l'andamento del nostro mercato. In particolare sull'asset allocation (da 81% a 65%) e collegandolo alle sue risposte circa l'andamento del nostro mercato in vista anche delle due scadenze cicliche del D.S., oltre ad una mia email dove risponde che un minimo è prevedibile per venerdì prossimo... Tra l'altro mi sembra di ricordare che in precedente circostanza individuava un minimo significativo per fine giugno (2° scadenza del Delta).
Se così fosse, non Le sembra che pur un 66% non sia troppo alto? Portarlo magari al 50% se non addirittura al 25-30%? Sì è vero sono in confusione lo ammetto! Se mi potesse chiarire un po' le idee Le sarei veramente grato. Leggi la risposta...