Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Leggendo le sue parole mi sembra che la BCE non stia facendo una politica restrittiva ma accomodante e quindi il dollaro potrebbe ulteriormente apprezzarsi.
Dove non ho capito?
grazie

"Ciò paradossalmente non fornisce sostegno al dollaro, per un motivo ben
preciso: la manovra BCE risulta ben più restrittiva. Proprio così: le esenzioni
concesse all'applicazione del nuovo tasso sui depositi (riserve in eccesso in
misura superiore a sei volte rispetto a quelle obbligatorie) affranca circa 800
miliardi di depositi da parte delle banche europee. Sicché il tasso sui
depositi medio ponderato risulta collocarsi al -0.27%, dal precedente -
0.40%: di fatto il tasso BCE è salito, non sceso..." Leggi la risposta...
Volevo ragionare insieme con lei sulla situazione attuale dopo 6 mesi: mercati azionari ex usa tutti negativi o quasi dopo 6 mesi;
* mercato usa leader indiscusso da 9 anni ma che da inizio anno vede solo in Nasdaq ( o forse le sue 6 avanguardie) in grado di attirare flussi
* oro flat da inizio anno
* criptovalute in forte discesa dopo 6 mesi
* bond in discesa ovunque
Ecco mi chiedevo dove vadano a finire tutti i flussi.
La risposta più immediata porterebbe a dire verso il Nasdaq ma forse è in atto un grande e silenzioso deleveraging? Leggi la risposta...
In questi anni la politica monetaria della BCE, o meglio di Mario Draghi, ha determinato una sostanziale tranquillità sui titoli di stato dell'Europa periferica ed in particolare su quelli italiani. Inoltre l'aumento del Pil migliorerebbe il rapporto con il nostro debito pubblico.
Tuttavia in un ottica prevedibile di un aumento dei tassi, visto che i mercati finanziari tendono ad anticipare i movimenti, potrebbe impattare drammaticamente sulle finanze pubbliche visto che dal 2011 ad oggi non è stata assolutamente sfruttata la "morfina" della banca centrale e sfioriamo i 2300 miliardi di titoli di debito.

Un 1% dei tassi di interesse provocherebbe a regime un maggior esborso da parte dell'erario italiano di 20/25 miliardi di €, a prescindere dal precitato rapporto debito pubblico/Pil.

Questa situazione non certo auspicabile credo possa considerarsi verosimile. Quale sarebbe secondo lei l'impatto sul famoso spread con i titoli tedeschi? Quali ripercussioni potrebbero esserci sulle nostre banche che detengono una quota importante del nostro debito? Non vorrei che dopo i Npl non ci facessimo mancare nulla. Leggi la risposta...
Credo che Draghi rimarrà alla guida della BCE fino agli inizi del 2018. E poi? Chi prenderà le difese dei BTP? Lei mi dirà che la BCE è indipendente. Ma ritiene possibile una continuazione dell'attuale politica monetaria, posto che le attuali variabili monetarie a 18 mesi non mutino? Leggi la risposta...
L'obbligazionario in generale ma, soprattutto, quello governativo, comincia a far fatica. I rendimenti ricominciano a salire, come già accennato ad inizio settembre. Ritiene che l'attuale debolezza possa protrarsi almeno fino a dicembre, momento in cui arriverà, forse, il tanto agognato (?) rialzo dei tassi americani, o ritiene invece che l'attuale debolezza abbia vita breve?
Il decennale italiano è intorno a 1,36%, quello americano a 1,70%. Dove pensa possano arrivare, almeno da qui ai prossimi 6 mesi?
Pensa che questa debolezza sia solo l'inizio o ritiene, come molti gestori obbligazionari, che i tassi bassi ci accompagneranno ancora per diversi mesi, se non anni? Leggi la risposta...
Dai rapporti giornalieri mi verrebbe da pensare che il mercato americano sia pronto ad un rialzo, per arrivare magari per fine anno su massimi assoluti sopra ai 2200 punti per l'S&P500. Quello che non mi è chiaro, è quello che dovrebbero fare gli altri mercati.
L'Italia dovrebbe essere legata alle vicende bancarie e referendum del 4 dicembre, e l'Europa ed eventualmente i mercati emergenti?!
Non dovrebbero seguire Wall Street...?!
È possibile avere invece una sorpresa in positivo dal mercato italiano..?! Mi sembra molto sottovalutato. Leggi la risposta...
Gentile dott. Evangelista, le chiedo se e quando ha tempo un commento su questo articolo che trovo interessante nella disamina dei problemi, ma scarso nella capacità di suggerire soluzioni ed indicazioni su quelli che potrebbero essere gli sviluppi della attuale situazione oggettivamente intricata.


Interessante articolo che spiega dove si annida - secondo me – uno dei principali pericoli sistemici. Si potrebbe chiamare "la coperta corta": se non salvi l'Italia e i titoli del suo debito pubblico, crolla tutto; ma per farlo devi abbassare i tassi e schiacciare i rendimenti fino a renderli negativi a tempo indefinito; in questo modo le banche e i fondi pensione non guadagnano nulla, anzi fanno fatica a mantenere redditività e quindi i requisiti patrimoniali oltretutto via via più severi che vengono imposti (primo circolo vizioso); i consumatori anziché essere spinti a consumare di più (come nelle intenzioni) sono spinti a risparmiare di più appunto perché i rendimenti negativi mettono in pericolo le pensioni, il che accresce la deflazione e impedisce allentamenti fiscali, anzi richiede nuova austerità (secondo circolo vizioso). D'altro canto, se la BCE tornasse sui suoi passi lasciando "libero" il mercato, allora si rischierebbe di nuovo un 2011. Alquanto inquietante. E pensare che nel primo trimestre 2015 si "festeggiò" il QE con un balzo del 30%, altro che "euforia irrazionale" di greenspaniana memoria… Il mercato è miope e semplifica, ovviamente nell'immediato come al solito prima ignora la verità, poi la deride, poi la combatte e solo dopo, alla fine, la accetta come ovvia. Il grande equivoco è scordarsi sempre che un investimento deve pazientemente "aspettare" che una verità venga appunto accettata, e questa purtroppo non è la regola bensì l'eccezione.

"Più danno che guadagno. Questa è la conseguenza della politica monetaria della Bce secondo John Cryan, ceo di Deutsche Bank. Si tratta di una critica sempre più diffusa, ma che finora non era mai stata espressa dal numero uno di un colosso bancario. Cryan è talmente preoccupato da sentirsi in dovere di scrivere un lungo commento sul numero di ieri del quotidiano finanziario tedesco Handelsblatt. Per il banchiere inglese, chiamato l'anno scorso a risollevare le sorti della prima banca tedesca, «la politica monetaria in esecuzione è in contrasto con gli obiettivi di rafforzare l'economia e rendere il sistema bancario europeo più sicuro». Cryan sottolinea che le banche centrali sono prigioniere delle loro politiche di salvataggio. Il combinato disposto dei tassi sui depositi negativi (-0,40%) e degli acquisti di titoli di Stato e corporate bond (Qe) messi in atto dalla Bce sta comprimendo i margini delle banche europee, già di per sé in difficoltà, rendendo più difficile per le compagnie assicurative trovare investimenti redditizi e distorcendo i prezzi sui mercati finanziari. Le conseguenze per i risparmiatori e per i piani pensionistici saranno gravi, avverte Cryan. Allo stesso tempo i benefici che avrebbero dovuto portare le politiche della Bce non si sono materializzati.

«Dato il persistere dell'incertezza, le aziende non investono e non cercano nemmeno più il credito», spiega il numero uno di Deutsche Bank , sottolineando come sia inaccettabile il fatto che le autorità regolatrici della finanza abbiano chiesto alle banche di aumentare i loro cuscinetti di sicurezza, imponendo allo stesso tempo tassi d'interesse punitivi sulle loro riserve aggiuntive. Certo, ammette Cryan, con le sue politiche non ortodosse «la Bce ha fatto molto per stabilizzare l'Europa». Ma l'obiettivo di un'inflazione di poco inferiore al 2% resta lontanissimo; a luglio in Eurolandia l'indice è salito di un misero 0,2%. Ecco perché è ora di cambiare le politiche dell'istituto di Francoforte, scrive Cryan, particolarmente preoccupato del fatto che i margini d'interesse, uno dei pilastri dei profitti delle banche nella zona euro, sono caduti del 7% a partire dal 2009.

Come osserva Martin Luck, strategist di BlackRock, le politiche messe in atto dal presidente della Bce Mario Draghi stanno avendo effetti opposti di quelli sperati. I tassi d'interesse negativi sui depositi lasciati dalle banche commerciali in Bce dovrebbero spingerle a dare più credito ma i fatti dicono che invece le indeboliscono, costringendole a frenare la concessione di prestiti. I consumatori dovrebbero risparmiare di meno e spendere di più, stimolando così la crescita economica e aumentando l'inflazione, ma invece risparmiano di più in vista della pensione poiché i rendimenti negativi dei titoli di Stato mettono a rischio i piani previdenziali. Poiché il mercato obbligazionario offre rendimenti negativi, gli investitori dovrebbero buttarsi sull'azionario. Ma in Germania solo 9 milioni di risparmiatori, poco più del 10% della popolazione, possiedono titoli in borsa. Il rischio è che i risparmi rimangano su conti correnti che non danno interessi. La Bundesbank ha calcolato che nel 2015 il tasso di risparmio dei tedeschi è salito al 9,7%, al livello più alto dal 2010, ed è destinato ad aumentare anche quest'anno.

Cryan non lo dice, ma l'unico risultato tangibile delle politiche della Bce è l'abbassamento dei rendimenti dei titoli di Stato italiano, che permette di gestire l'enorme debito pubblico della Penisola. Senza la rete di sicurezza approntata da Draghi, l'Italia rischierebbe di tornare all'estate 2011 con l'impennata dello spread. Le conseguenze sarebbero devastanti e potrebbero spingere Roma fuori dall'euro. Ma senza l'Italia la moneta unica avrebbe ben poche speranze di sopravvivere. Il risultato è che per assicurare la vita dell'euro, la Bce adotta politiche che penalizzano i risparmiatori e mettono a rischio le loro pensioni".

(da "ecco come e perché Deutsche Bank sballotta Mario Draghi" di Marcello Bussi, MF) Leggi la risposta...
Potrebbe aggiornare l'analisi dell'oro in euro? Alla luce dell'incremento del QE di Draghi che sta aumentando il bilancio della BCE ci sono delle conseguenze? L'oro in euro può essere correlato alla massa di denaro in circolazione nell'area euro? Leggi la risposta...
A sentire un po' di uffici studi sembrerebbe un nuovo "whatever it takes" quello di Draghi. Anche Lei parlava di acquisti almeno fino a 78. Non sarebbero dello stesso parere l'Oro e l'Eur/dollaro.
Cosa può cambiare realmente in prospettiva, come giudica la nuova manovra? Leggi la risposta...
Mi sbaglio o il settore bancario europeo già risente in peggio dell'eventuale abbassamento dei tassi sui depositi? Mi domando se questa volta l'azione della BCE invece di far salire il mercato lo farà scendere, e sopratutto il nostro che è pieno zeppo di bancari.
Quindi solo un acquisto sui corporate bond, e non sui soliti titoli di stato sarebbe una notizia bomba.
Per il resto dovrebbe essere una delusione. Concorda? Leggi la risposta...