Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Una immediata richiesta di chiarimento: tenendo presente tutto quanto, ossia suoi precedenti interventi, Outlook semestrale, andamento reale dei mercati, mi sembra di capire non solo che un massimo certe azioni sul Mib andranno a toccarlo molto probabilmente verso la scadenza ciclica del (omissis) ma (e questo è il punto) alla luce di quanto scrive stamane sul RG in merito allo S&P c'è la possibilità che fra due mesi l'indice principale delle Borse mondiali non si discosti molto da quanto sta facendo tutt'oggi. Mi sorge perciò questo dubbio: le previsioni dell'Outlook semestrale (in fin dei conti di pochi giorni fa) che intravedevano un minimo (omissis) già vengono messe in discussione? Quel minimo autunnale (non poi così catastrofico rispetto a quanto prevedono i suoi colleghi) può essere addirittura negato? Leggi la risposta...
Nel capitolo in oggetto dell'Outlook semestrale Lei ha parlato della caratteristica dei bear market secolari precedenti, sottolineando come il punto 5 non abbia mai oltrepassato (in negativo) il punto 3 precedente.
Si attende pertanto un comportamento "simile" nei prossimi anni.

Tuttavia, ho notato che il periodo da punto 4 al punto 5 dei precedenti bear market è sempre stato caratterizzato da iperinflazione (seconda guerra mondiale e fine anni 70).

Ora mi chiedo:
- non è possibile che il minimo non sia stato infranto a causa del maggior valore nominale delle azioni?
- non è possibile un interpretazione alternativa secondo cui dal punto 2 (massimo di periodo) i movimenti successivi siano stati di tre onde (3,4,5), ma che a causa del lungo arco temporale e dell'inflazione l'onda C non sia riuscita ad abbattere il minimo precedente?
- se l'interpretazione fosse valida e visto che lei stesso non crede in una soluzione inflazionistica al problema del debito, non crede che il minimo del 2009 potrebbe essere abbattuto?

Oggettivamente mi rendo conto che una soluzione del genere sarebbe catastrofista e che i segnali di medio e lungo periodo che possiamo osservare sembrano invece molto più bullish che bearish, non ultimo la disamina dei ritorni sui prossimi 10 anni.

Tuttavia mi sembra come se da qualche parte ci sia qualcosa che "non quadra". Lei cosa ne pensa? Leggi la risposta...
Nel rapporto di oggi Nyse Up - Down volume, riporta che siamo in presenza di una divergenza bearish che in tempi non troppo lontani potrebbe sancire un'inversione di tendenza.

Vorrei a questo punto chiederLe se i tempi di svolta sono sempre quelli noti... Leggi la risposta...
1) Venerdì 5 marzo è stata una scadenza ciclica dalla quale attendersi per oggi almeno una correzione fino (omissis). Il mercato sta ancora salendo e da parte vostra ho visto indicazioni dal RG di oggi di apertura di posizioni long. Dalle sue valutazioni ritiene opportuno aprire già tra oggi e domani nuove posizioni o aspettare la prossima scadenza ciclica?

2) Desidero un chiarimento sul Delta di Wilder, dal momento che dall'ultimo grafico pubblicato, ho interpretato la possibilità dello S&P di raggiungere il (omissis) marzo un minimo per poi ripartire.
Visto gli attuali movimenti dello S&P, è possibile che a quella data si arrivi con un massimo per poi scendere, oppure visto il rapporto giornaliero odierno, secondo il modello "3 Peaks and Domed House", prevede una crescita sostanzialmente ininterrotta fino a (omissis)?
Le pongo questa domanda perché volevo entrare con ETF sugli indici europei e domandavo se era opportuno attendere ancora qualche giorno. Leggi la risposta...
Vorrei un commento se possibile, e solo lei puo farlo data la competenza, sull'articolo apparso oggi su trend online alle ore 7.51 di oggi 25.1.2010 scritto dal dottor Claudio Zanetti di consigli di borsa, circa la possibilità del d jones di andare a 3612 punti, mi piacerebbe che leggesse l'articolo perché molto buono e preciso, mi sembra molto interessante. Leggi la risposta...
Desidero conoscere la sua opinione sulla strategia a margine indicata, in particolare se esiste un veicolo di replica della stessa. Leggi la risposta...
Che opinione ha riguardo l'incrocio della MM5 col la 144 time frame daily per colcolo Elliott e l'incrocio 4-34 per ciclo trimestrale? Leggi la risposta...
Mi sembra che lo scenario più nero, con una crisi pluriennale tipo 1929/39, almeno in termini borsistici, stia aumentando di probabilità.

Rileggendo i grafici del periodo si vedono molti bear market rally, a posteriori interessanti, ma in contemporanea, difficili da prevedere e da abbandonare con tempismo.

In una logica di lungo periodo, per chi volesse entrare lungo o ( i più) volesse mediare le posizioni in essere, quali possono essere gli indicatori che, un rally che parte non è un bear market rally ma il ritorno del toro? Leggi la risposta...
Mi può spiegare,per favore, il triangolo di continuazione che si stà formando sul DJ e che sviluppi secondo lei può avere? mi sto riferendo a quello iniziato con il minimo di ottobre che dovrebbe portare a nuovi minimi previsti per la seconda metà di novembre. Leggi la risposta...
Assumendo un ciclo a 30 anni dal 1798 è possibile constatare: 1798, 1828, 1858, 1888, 1918, 1948, 1978 e 2008.
In questi anni si è sempre formato un minimo epocale del mercato.

Anno 1798: il mercato ha formato un bottom che non è stato più toccato;
Anno 1828: il mercato ha formato un bottom che è stato toccato solo 11 anni più tardi;
Anno 1858: il mercato ha formato un bottom che non è stato più toccato;
Anno 1888: il mercato ha formato un minimo violato solo 5 anni più tardi, ma solo per 1 anno. Poi non è stato più toccato;
Anno 1918: il mercato ha formato un bottom che è stato violato solo 11 anni più tardi durante il crash del 1929;
Anno 1948: il mercato forma un minimo violato per una sola settimana nel giugno del 1949 e mai più toccato.
Anno 1978: il mercato forma un minimo violato per una sola settimana nel marzo del 1980 e mai più toccato. Va notato che dopo il 1980 è
iniziato un mercato toro durato fino al 2000 (che sia una "C" questa?)
Ho veramente l'impressione che dal 2000 siamo stiamo facendo un'opera di accumulazione e se così mi aspetto un a violazione tra 2010 e 2012. Leggi la risposta...