Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Alla luce della possibile evoluzione del Btp e della tensione in generale sui titoli di Stato italiani e sulle banche italiane dopo il voto del 4 marzo, ritiene che ci possa essere una ripresa dei prezzi e dell'offerta sul mercato immobiliare italiano? E se si strutturale ho un rimbalzo effimero? Il discorso potrebbe riguardare anche il mercato immobiliare mondiale considerato la probabile evoluzione delle borse nei prossimi anni a venire come indicato nell' Outlook 2018? Ci potrebbe inoltre aggiornare sul grafico beni reali contro carta( mi pare che l'aveva chiamato così...). Leggi la risposta...
Le ultime due settimane hanno scosso violentemente le aspettative riposte su questa prima parte di anno, proponendo un crollo dei mercati a cui non eravamo più abituati e che ha spostato le lancette dei mercati europei indietro di un anno e di 3/4 mesi per Wall Street.

Coerentemente con lo scenario su cui ancora lavoriamo, potrebbe essere che la negatività vista finora sia cio che aspettavamo per l'estate che si è presentato in anticipo, stante l'esasperazione del rialzo avvenuto in Gennaio? Da massimo a minimo intraday SP500 ha peso un 12%... non so quale entità di ribasso aspettava per il periodo estivo, ma forse non pensavamo più di un 15/20%. Potrebbe essere che il min leggermente inferiore atteso tra poche settimane, magari attorno ad un -15% dai massimi, possa essere definitivo per l'anno in corso visti i setup convergenti nel definire comunque positivo il saldo a consuntivo 2018? Oppure siamo nel cigno nero e debolezza non attesa chiama ulteriore debolezza per i periodi meno favoriti dalla statistica...? Leggi la risposta...
Forse ne parlerà nel rapporto giornaliero... lo shutdown in America potrebbe far ridimensionare gli indici? Cosa è successo in occasione dei casi precedenti? Leggi la risposta...
Leggendo l'outlook a pagina 4 si dice: «Storicamente si misura una probabilità del 13% di andare incontro ad una perdita di portafoglio a doppia cifra; del 6% di subire un bear market, e del 3% di essere bersagliati da una perdita del 30%. La probabilità di un crash superiore al 50% si misura nell'ordine dello 0.5%: un crollo come quello del 2008 capita un anno ogni 200».

Su quale orizzonte e su quale indice viene calcolata la suddetta probabilità? Leggi la risposta...
Gent. Dottore, volevo, se possibile ,vedere un aggiornamento sul confronto grafico dei rialzi di borsa più grandi della storia, si intende americani, e con rilievo con il 1921-1929 con quello 2009-2017: ho letto di un 600% contro un 500% di questo attuale e con altri lunghi rialzi storici.

Vorrei tornare sulla richiesta di tempo fa dove chiedevo un aggiornamento del grafico storico del Dow Jones di confronto 100 1000 10.000 100.000 che mi sono rivisto e mi chiedo perché lei dice che non e più, diciamo, di moda. Una nuova Sua riflessione e perché non crede sul funzionamento storico, grazie. Leggi la risposta...
Rileggendo l'outlook annuale di gennaio e quello semestrale di luglio, ho trovato questi suoi due chart che farebbero pensare - a differenza delle varie considerazioni ottimistiche emerse ultimamente - che il mercato americano sia ormai al capolinea. Ecco i grafici commentati in allegato. Che cosa ne pensa? Leggi la risposta...
L'agenzia MF-DJ NEWS riporta che il controvalore provvisorio della seduta odierna ha visto crescere il controvalore dai 2,007 mld di ieri ai 3,670 mld di oggi. Controvalore quasi raddoppiato! C'è una ragione tecnica oppure cosa?
Se ne può trarre qualche conclusione "utile", aldilà del fatto che come dice Lei bisogna distinguere tra volumi "buoni" e volumi "cattivi" (oggi forse comunque i secondi dovrebbero avere prevalso)? Leggi la risposta...
Se fosse pensabile un consolidamento dei mercati, in particolare quello USA, quale livello potrebbe essere di ribasso del Dow Jones, ipotizzando che l'area 20700-20900 possa agire da notevole resistenza?
Potrebbe essere un Dow a 18400-18500 ossia i livelli di massimo estivi che poi sono stati rotti in su con l'avvento di Trump, magari con una esarcebazione del ribasso fino a 17500-17900? Ritiene da quei livelli una grande opportunità di rientro dei ritardatari oppure un livello che se rotto al ribasso, l'inizio di un periodo negativo per i mercati?
Non si vedono divergenze bearish al momento, ovvio che però il mercato azionario pur in salute sembra effettivamente tirato sul breve e quindi palesare a marzo l'inizio di uno storno anche forte e salutare . Che dice? Leggi la risposta...
Relativamente all'ultimo trimestre dell'anno mi interesserebbe sapere se è possibile vedere qual è stato il drawdown minimo, medio e massimo (rispetto ad un'entrata al close dell'ultima seduta di settembre) riguardo l'SP500 (o in alternativa DJ), Dax, Eurostoxx e AllShare per valutare qual è stata la massima escursione avversa durante il periodo dei 4 indici. Diciamo in riferimento agli ultimi 25-30 anni (o suppongo periodo inferiore per l'AllShare causa mancanza di dati). Leggi la risposta...
Scusate se approfitto di questa mail per inviare una considerazione: nel momento in cui scrivo (ore 13.30 circa) il ftsemib perde il 2% e lo stesso il Dax; noi abbiamo la zavorra delle banche e mi pare che la Germania sia messa un pochino meglio (o sbaglio?).
Perché allora c'è un discesa generale dei listini? È forse in atto una nuova recessione globale o solo di tutta l'Europa?
E gli USA: solo il loro listino è previsto in crescita? O dobbiamo aspettarci una forte perdita anche dello S&P? Leggi la risposta...