Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Il "buon" Bernie ci delizia sempre (ultimamente) con articoli particolarmente "fiduciosi" (al contrario dei commenti della maggior parte dei gestori, si veda anche l'articolo sui mercati pubblicato oggi sul Sole24Ore, i quali sono se non scettici comunque cauti, forse perché come dice lei hanno da giustificare l'inopinato alleggerimento dall'azionario che li vedrebbe non troppo a loro agio, nel caso il mercato continuasse a salire, per cui stanno "gufando" non poco, ma questo è un altro discorso). Stavolta però assimila il presente anno borsistico ANCHE con il 1998…

Ora, è vero che gli altri anni sono numericamente maggiori, ma come dice sempre lei, aldilà di un grafico, occorre anche inserirlo nel contesto in cui si è sviluppato.
Ecco, a questo proposito, il 1998 da un punto di vista di sentiment, di flussi, macroeconomico, ecc. ecc., è paragonabile al 2019? Insomma, c'é, sulla base di tutte queste cose, aldilà di una somiglianza grafica, la porobabilità (e se sì quanta…)) che si verifichi un nuovo 1998?
Grazie e complimenti veramente. Leggi la risposta...
Sto cercando di trovare una soluzione a questo DRAMMA borsistico. Se si ricorda è da luglio che io non avevo molta fiducia in questo mercato,e la borsa FREGA tutti in quanto ogni volta che una cosa è ovvia poi accade il contrario. Mi spiego lo storno avrebbe dovuto essere a settembre o ad ottobre, quasi nessuno si aspettava novembre,almeno fino a 15 giorni fa ora leggo e sento molti che invece dicono,espesrti del campo, che loro si aspettavano questo storno anzi era OVVIO, roba da matti gli stessi che quindici giorni fa vedevano l'indice italiano a 43.000 ora parlano di 40.000, o 39.000, va be lasciamo stare. Ora io ho pensato di conversare con lei oggi per il famoso storno di ogni 10 anni, penso sia questa la soluzione, e quindi le chiedo cosa ne pensa della mia idea? ci fu nel 1987 1997 ed ora 2007 una sorta di svendita generale su tutti i fronti, perciò potrebbe vedere la cosa e vedere quanto persero questi indici nel 1987 1997 come chiusura annuale ma soprattutto come perdita massima dal momento dello storno, mi sembra ottobre per il 1987 e settembre novembre 1997, al momento del botton finale, lei non ci ha pensato, la svendita di ogni 10 anni, magari mettendo i grafici vicini. Infine l'indice comit italiano, potrebbe vedere come è messo, dove si trova il livello di supporto maggiore? Io penso che dobbiamo metterci tutti insieme per riflettere sul caso, io purtroppo non ho studiato come lei ma come vede cerco di darmi da fare ed ho bisogno del Suo aiuto. Leggi la risposta...