Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

A che punto siamo col numero dei semafori rossi di allarme?
Avendo fondi assicurativi che investono sull'azionario internazionale, ha senso cambiare ora in paesi emergenti?
Leggi la risposta...
Vedendo il grafico dei crash del mercato Usa a pag 2 dell'RG di oggi mi può confermare che la linea blu è il 1929 e la linea verde il 1987 ??
Mi potrebbe cortesemente dire del 2008 quale è la data di partenza? Leggi la risposta...
Come nel RG di oggi sull'SP500, è possibile avere i target sul Nasdaq?
In merito alla valutazione dei mercati tramite il CAPE, è applicabile/valido anche ai settori? Leggi la risposta...
Vorrei chiederle un paio di cose.
La prima: i problemi legati alla quotazione del petrolio che colpisce direttamente il mondo dello shale oil che impatto può avere sia sull'economia che sulle banche Usa ?? La parte banche gliela chiedo consderando l'impennata dei cds di questi giorni
La seconda: quello che sta facendo l'Italia come risposta economica alla situazione di paralisi va nel verso giusto, ovvero sostiene la domanda. Non sono in grado di valutare se è sufficiente ma quello che mi interessa in questa affermazione è che la direzione sia giusta ( se me lo conferma ). Ora pur riconoscendo che l'Italia non ha il peso di Usa, Cina, Germania la domanda che mi sorge è: perché gli altri stati non dovrebbero fare altrettanto ?? Ed in questo caso, questo tipo di orientamento ritiene che sia la vera chiave di uscita da questa situazione, magari nel 2021? Leggi la risposta...
Egregio, e dato che la condivisione di momenti critici affratella ed avvicina, mi permetto di aggiungere anche prode Dottore,
le faccio il mio caso personale perché penso che altri lettori possano essere nella stessa condizione e quindi approfittare nel suo consiglio.
Al mese di febbraio, ai massimi dei listini azionari io avevo un solo cliente con il 35% di azioni e la rimanenza che ne aveva meno del 10, avendo però anche un po' di azioni di società aurifere in forma di fondo di investimento, (circa il 3%). A parte il cliente da 35 punti che grazie a lei sono riuscito a ridurre circa a 20, peraltro assolutamente riluttante...., più di una settimana fa, la velocità impressionante con cui sono venuti giù i listini non mi ha permesso di fare altre variazioni. Oggi lei pubblica un possibile dato, quello dei 2350 punti, che dista dall'attuale valore, il 5% circa, come possibile punto di arrivo. Comincio a domandarmi vista la reazione estremamente veloce del mercati, che non permette riflessione e che non si adatta minimamente ai tempi minimi di ribilanciamento dei fondi di investimento, se non sia invece il caso di cominciare con molta calma a fare il processo opposto e cioé a cominciare a comprare una volta ogni 15 giorni, una volta al mese, qualche cosa di azionario.
Inoltre non riesco a immaginarmi a cosa siano destinate le azioni aurifere nel breve periodo ma nel lungo lei le consiglierebbe? Leggi la risposta...
Quello che mi sfugge è capire cosa sia successo di irrimediabile sui mercati per farsi che si trasformassero in questo modo..!
Dal record storico e pochi giorni dopo una replica forse anche peggiore del 2008 senza che vi sia traccia di una recessione globale per ora....!!
Non vi sono stati fallimenti e non è una crisi economica o sistemica....
Cosa è successo di così irrimediabile, posso capire che sia bloccato momentaneamente il sistema produttivo, ma questo capita in misura minore anche ad agosto...
I vari indicatori che dovrebbero accendersi in caso di recessione non l'hanno segnalato, che fossero cari i mercati era ovvio, ma non erano in bolla.
Quelli in bolla erano e sono ancora di più quelli obbligazionari...
Mi riesce a dare una spiegazione razionale...?! Leggi la risposta...
Sarebbe interessante avere qualche considerazione pensieri circa hirsch Jeffrey se lei ha letto qualche suo articolo io ero rimasto allo studio 2025 che però poteva anche considerare una recensione. Leggi la risposta...
Sono un consulente finanziario e nei portafogli dei miei clienti l’esposizione azionaria attuale mediamente è del 30% circa.

Dal 1950 rilevo sullo S&P500 i seguenti precedenti:
31/07/56-31/12/57: -14,05%
31/12/61-30/06/62: -22,28%
31/01/66-30/09/66: -15,75%
30/11/68-30/06/70: -29,16%
31/12/72-30/09/74: -42,64%
31/12/76-28/02/78: -14,26%
30/11/80-31/07/82: -16,51%
31/08/87-31/12/87: -24,22%
31/05/90-31/10/90: -14,69%
31/08/00-28/02/03: -42,52%
31/10/07-28/02/09: -50,95%
Non sono riuscito ad intervenire tempestivamente nei portafogli per ridurre l’esposizione azionaria e mentre scrivo lo S&P rispetto ai massimi di febbraio accusa un calo di circa il 25%. A questo punto ritiene ragionevole iniziare ad accumulare con dei piani di accumulo mensili? Leggi la risposta...
Ci sono tre gap molto interessanti in questa discesa a razzo. Su sp ma anche dow, che ne pensa ? Avrebbe inoltre qualche default rate dell'ultimissima ora? Leggi la risposta...
Data l'eccezionalità del momento, la limatura della componente azionaria relativa all'Asset allocation converrebbe farla già ora, oppure meglio aspettare il classico appuntamento di fine mese? Dipende molto da cosa si aspetta per le prossime 2 settimane, so che è una domanda da "sfera di cristallo "ma se le Borse Usa dovessero continuare a perdere in media il 10%a settimana, non è meglio limare ora la parte azionaria? Leggi la risposta...