Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Vedendo l'andamento del mercato e leggendo alcune sue considerazioni non posso che prendere atto che la situazione + cambiata. Professionalmente penso che il mercato dica sempre la verità, almeno quella relativamente all'oggi. Infatti attribuisco all'analisi tecnica una formidabile capacità di fotografare il presente, mentre per quanto riguarda l'aspetto previsionale lascio fare a lei e agli altri specialisti perché non ne ho la competenza e altrettanto se qualcuno ce l'avesse in toto la capacità previsionale....beh, sarà scontato e noioso ripeterlo ma saremmo tutti quanti al mare a spassarcela.
Invece non essendo tale la situazione ecco che ci troviamo nel bel mezzo del trambusto che segnalerebbe una possibile criticità nel prossimo futuro. Siccome i mercati a lungo termine sono la reale fotografia dell'economia il grande trambusto segnalerebbe un grande problema economico ( magari dettato dal corona virus, questo non lo so, un po' come per l'analisi tecnica non dispongo della sfera di cristallo ). Vedremo.
Ma tornando ai giorni nostri quello che sappiamo ( e a mio parere sono le uniche cose che sappiamo ) è che i mercati americani sono cari, quelli europei sono nella media, il Giappone rispecchia una situazione non brillante da decenni manifestando sintomi di bipolarismo ( e quindi di difficile lettura ), la Cina intesa come borsa di Shanghai vivacchia da 10 anni ( clamoroso poi il fatto che da quando è partito l'allarme corona virus sia addirittura una fra le migliori al mondo ). Poi sappiamo che un po' di diversificazione sia sempre consigliata, leggesi in questo caso l'oro da lei stesso sostenuto ( e mi si faccia aggiungere lo yen seppure in questo momento non abbia brillato ma per chi l'ha messo nel portafoglio più di un anno fa si ). Infine sappiamo che il debito paga meno delle azioni le quali remunerano sotto forma di dividendo. Quindi perché un econ ( investitore razionale ) dovrebbe mai prestare i soldi alla Germania se dopo 10 anni gliene danno un po' di meno ?? Peraltro anche questo è un tema trattato da lei che condivido. Inoltre sappiamo ( e qui i dati sono meno solidi ) che diversi soft data economici sono positivi (leggesi IFO tedesco ), tutto questo in attesa degli hard data che verranno comunicati alla fine del primo trimestre relativamente al pil che ci diranno come il corona virus abbia colpito anche l'economia.
Da un punto di vista dell'analisi tecnica invece sappiamo che quando si verifica un movimento forte c'é anche il suo contraltare ( è successo anche nel 1929 !! dopo un primo crollo il mercat si stablizzò prima di riprendere la corsa verso il basso rispecchiando un economia completamente collassata e facendo piazza pulita di truffe finanziarie particolarmente fantasiose di cui i sub prime sono stati eredi, ma pallidi eredi ), sappiamo che le strutture portanti del mercato sono ancora bullish, sappiamo che le medie mobili che contano sono ancora ascendenti e sappiamo che mentre il signor Rossi vende c'é un altro signor Bianchi che compra ( la legge della domanda e dell'offerta, ovvero il mercato come spazio in cui si muove l'analisi tecnica ).
Quindi detto questo la domanda che mi sorge è: non stiamo esagerando ??
E la mia non è un'affermazione tout court o di saccenza o autoconvinzione, è una valutazione che si basa sulla consapevolezza di non conoscere il futuro ( speranza da me abbandonata dopo avere verificato che non solo sui mercati ma anche nella vita ho scarse capacità previsionali ) ma di vivere nel bene oppure nel male nel presente ( io sono contento di vivere nel presente, mi piace sporcarmi le mani nel fango del presente oppure prendere il sole quando c'é ).
Lei cosa ne pensa di questa articolata ( ma semplice nei suoi assunti ) riflessione ??
Da lunedì prossimo magari i mercati decreteranno la vacuità di questa mia e mail ( sarà così anche fra tre anni ?? Tutti sicuri ?? ) con una discesa di cui non si scorgerà la fine, vedremo, ma credo che sia comunque anche questa una lettura della situazione da prendersi in considerazione.
Le allego per finire un link che credo sia altrettanto utile di tutte queste mie parole ( quasi uno sfogo ), anzi più utili di tutto quanto scritto.
Se si vuole l'arcobaleno, bisogna acettare anche la pioggia.
Ringraziandola per il suo lavoro sempre utile alla mia professione, le auguro una buon lavoro.

https://www.youtube.com/watch?v=Q-enQma6TvY Leggi la risposta...
Sino ad un paio di giorni fa consideravo questa correzione come salutare, oggi inizio seriamente a preoccuparmi e con me molti dei miei clienti, che vorrebbero uscire velocemente dai mercati indistintamente, tenendo presente che spesso la componente azionaria del loro portafoglio non arriva al 50%.
Sono a chiederle cosa pensa di questa situazione, se veramente può portarci ad una recessione globale.
Il fatto di perdere 600/800 punti al giorno sull'Italia o sulla piazza americana spaventa non poco!!
Se dovessi uscire assecondando il volere dei clienti il rischio è quello di aver perso denaro e un'occasione di ingresso a sconto, d'altro canto la voglia di bruciare in poche settimane tutto il rialzo del 2019 è poca e la paura è tanta.
Cosa mi consiglia e come vede la situazione?! Leggi la risposta...
Quando si vedono giornate come queste, dove in 4 giorni ci siamo fumati 4/5 mesi di borsa sui mercati Usa, di sacrifici, di impegno, penso ai suoi numerosi modelli, serie storiche, al suo Outlook,l'analisi tecnica conta ancora qualcosa? Mi viene in mente il 2008, quando c'é di mezzo l'uomo e la sua irrazionalità ha ancora senso fare previsioni? Leggi la risposta...
Buonasera settimana scorsa E/P al netto inflazione - rendimento treasury davano indicazioni di quasi impossibilità di bear market.
Oggi la situazione dovrebbe esser ancora più interessante. Può aggiornare la situazione? Leggi la risposta...
ho una posizione long sui seguenti auriferi:
Newmont , Anglogold e Yamana gold.
Secondo Lei lo stop dove bisognerebbe posizionarlo?
Potrebbe spiegarmi il fatto che se la quotazione dell'oro sale delle volte i su menzionati titoli scendono? Leggi la risposta...
Volevo chiederle una disamina circa l'obbligazionario HY, Mi sembra questa essere una situazione ideale per provocare un po' di fallimenti di aziende fragili. Che ne pensa? Leggi la risposta...
L'indice SP 500 sta testando in queste ore la media mobile a 200 giorni. Come andrebbe interpretato il suo abbattimento eventuale? Ed in questo senso, di quanto eventualmente possiamo allontanarcene, volta abbattuta la media citata , prima di considerarlo uno stop loss? Leggi la risposta...
Alla luce dell'approdo in area 47,50 (supporto?) possiamo ancora fare affidamento sulla stagionalità o bisogna rivedere il tutto? Nel caso quale sarebbe la strategia da adottare e relativi TP? Leggi la risposta...
Buongiorno Dott. Evangelista, a proposito di sentiment: dice di riscontrare poco pessimismo tra noi abbonati per l'assenza di domande preoccupate, noto poi come nella sua produzione su linkedin, prolifica e spesso anticipatrice di temi da approfondire sul RG o addirittura esclusiva, venerdì scorso abbia mostrato come il Panic euphoria model di Citi avesse raggiunto livelli di guardia insieme ad altri indicatori di accondiscendenza degli operatori sullo stato di salute dei mercati. Ci troviamo quindi anche questa volta ad essere colti di sorpresa da contraccolpi che vanificano mesi di lenta salita e frustrano gli umori dei clienti, i quali da tempo insistevano per prendere profitto sulle laute plusvalenze maturate nei mesi scorsi. In sintesi, cosa aspettarci adesso? Come coniuga l'informazione derivante dagli indicatori di sentiment tirati con l'evidenza di deflussi record da fondi ed etf azionari più volte segnalata?

Inoltre, per la anche qui tanto agognata ripartenza del petrolio... può essere interessante studiarne il comportamento prima e dopo le passate pandemie per trarne ulteriori spunti predittivi? Il rallentamento economico derivante dalla pandemia può depotenziare gli elementi a favore della ripartenza del wti verso i target sopra i 70 dollari attesi? Leggi la risposta...
Il calo di questi giorni mi fa venire in mente un ragionamento fatto da lei pochi giorni fa riguardo alle scorte di magazzino delle aziende.
In mancanza di trigger economici che potessero far calare i listini questo virus ha di fatto permesso un storno violento che ha scaricato l’ottimismo (anche suo dal RG di oggi) sui mercati ma rimanendo in tema economico e di possibili risvolti futuri ho fatto delle verifiche in merito.
Le scorte di Germania e Italia sono sui minimi decennali, ai livelli del 2009 e del 2012, la variazione anno su anno evidenzia un uncino nell’ultimo trimestre dell’anno, le aziende si aspettavano una ripresa nei primi mesi del 2020 e poi è accaduto questo.
Le aziende cinesi a quanto sembra hanno ripreso quasi ovunque la produzione lunedi e come diceva lei il rapporto spx/shanghai composite si trova ai massimi di un canale pluriennale.
Ragionando in termini pratici la sottoperformance dei titoli ciclici rispetto ai difensivi e tecnologici è ormai arrivata a livelli cronici, possiamo ragionare che questa sia effettivamente l’occasione per girare finalmente i ptf in questo senso?
Un’ultima cosa, lo stoxx 600 e lo stoxx 50 sono tornati sulle fondamentali rotture effettuate nelle scorse settimane, e siamo a fine mese, cosa ne pensa? Leggi la risposta...