Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Potrei avere un aggiornamento sul titolo in oggetto? Leggi la risposta...
Mi perdoni, ma a me sembra di vedere un mercato azionario apatico (solo questione di festività?) che ha perso parecchia forza nelle ultime settimane.
L'America macina record (a piccoli passi) l'Europa di cui tutti sottolineano le crescite dei Pil ecc. che non si muove o addirittura torna indietro. Dell'Europa tutti gli analisti parlano bene ma mi sembra che sottoperformi gli Usa, né da altre parti vedo cose eclatanti (Giappone che si è fermato, Cina che dormicchia ecc. )
Abbiamo finito la benzina? Eppure a sentire le trasmissioni di finanza sembrerebbe esserci ancora molta liquidità presente sui mercati (in Italia circa 1300 miliardi sui conti).
In più si comincia a parlare di bolla obbligazionaria.
Siamo alla fine del bull market? Leggi la risposta...
Volevo un Suo commento su UNICREDIT che ha recentemente rotto i supporti passanti appena sotto a 16 euro, formando una figura ribassista che, se non negata, potrebbe portare ad avvicinarsi al gap aperto diversi mesi fa (gap di fuga) appena sotto i 15 euro (14,80-14,90), senza chiudere il gap stesso e poi ripartire con forza? Ad inizio dicembre Lei appunto affermava la debolezza sul titolo che negava una buona fase di accumulazione per poi rompere al ribasso e negare un rialzo per il rally natalizio e vedere come più interessante un acquisto più sotto. Può esser l'area a 15 euro? Leggi la risposta...
Perdoni la mia stupida curiosità: come si è comportato il mercato quando il primo giorno dell'anno è stato martedì? Leggi la risposta...
Ho letto le indicazioni di portafoglio per il prossimo semestre riguardante titoli italiani ed europei. Ci sarebbe per cortesia la possibilità di avere qualche indicazione anche per il mercato Usa? Leggi la risposta...
Dalla data del 15 dicembre non solo le borse euro han continuato un andamento lateral ribassista, ma anche da quel gap up le borse usa, nasdaq in primis, sembrano "arrivate" e rinunciatarie.Tenendo conto della stagionalità, del test della media mobile del ratio spx/ndx (RG del 19-12) ora penso in retest, del santa claus rally partito in sordina e del test del LSG sul nasdaq oggi, ritiene che ci possano essere margini per conseguire appieno il test della resistenza sul SP500 a 2720 e una momentanea sovraperformance del listino tech fino diciamo a inizio metà gennaio? Un mancato rally di natale e una seconda metà di dicembre anomala (mancano ormai 3 sedute) potrebbero portare a un primo trimestre complicato in prospettiva? Leggi la risposta...
Alcuni giorni fa in un RG (se non erro) è stata riportata l'allocazione media degli active managers superiore al 100% del patrimonio gestito prendendo il dato da NAAIM. Ho cercato di capire meglio direttamente dal sito (prima di disturbarla...) ma non mi è chiaro una percentuale oltre il 100%.
Cosa significa un dato superiore al 100% del patrimonio gestito?
Mi può aiutare a capire meglio con un esempio? Leggi la risposta...
Siamo agli sgoccioli di un anno che penso abbia dato a tutti noi (che seguiamo le vicende dei mercati tramite i suoi saggi ragionamenti) ottime soddisfazioni. Ora le chiedo quali potrebbero essere i titoli da cassettisti per il prossimo semestre. Leggi la risposta...
Nel report odierno compie una disamina del comportamento dell'indice in relazione all'A/D line, sottolineando come sia "sottile il ghiaccio" su cui si regge l'up-trend (poche società in Advance e molte in Decline).
Quello che emerge dal grafico e che lei evidenzia è che, lato A/D line siamo vicini ai minimi di 13 mesi fa, ma con l'indice che si trova a ridosso dei massimi del 2015.
Questa divergenza è, oggettivamente, stridente, anche perché il recupero dell'A/D line da novembre scorso a maggio si è fermato a 4.600 punti circa, ben al di sotto dei massimi toccati nel 2014 e nel 2015.
Insomma, l'indice è salito ma senza coralità.
La prima domanda è se ci possono essere altri indicatori, tecnici e fondamentali, che, visti su questo orizzonte temporale, possano darci ulteriori elementi interpretativi e, quindi, lumi per il futuro.
Lato macro, se raffrontiamo la situazione di inizio 2014 (massimi dell'A/D line) e quella di fine 2017 i segni sarebbero tutti positivi: + crescita del Pil, + surplus di partite correnti, + investimenti, - stock di sofferenze.
La seconda domanda è quindi se il miglioramento indubbio della nostra economia possa rappresentare un significativo antidoto ad una forte (diciamo oltre il 10%) caduta assoluta (oltre che relativa) del nostro indice. Leggi la risposta...
Gent. Dottore, volevo, se possibile ,vedere un aggiornamento sul confronto grafico dei rialzi di borsa più grandi della storia, si intende americani, e con rilievo con il 1921-1929 con quello 2009-2017: ho letto di un 600% contro un 500% di questo attuale e con altri lunghi rialzi storici.

Vorrei tornare sulla richiesta di tempo fa dove chiedevo un aggiornamento del grafico storico del Dow Jones di confronto 100 1000 10.000 100.000 che mi sono rivisto e mi chiedo perché lei dice che non e più, diciamo, di moda. Una nuova Sua riflessione e perché non crede sul funzionamento storico, grazie. Leggi la risposta...