Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Gradirei avere la Sua valutazione sulla correlazione tra oro e obbligazioni. Ho sentito analisi che vedono prospettive di rialzo dell'oro, legato anche a importanti acquisti delle banche, correlarsi a prospettive negative dell'azionario e dell'obbligazionario, mentre, se ho inteso bene almeno parte della Sua opinione, positività di euro contro dollaro si lega a positività dell'azionario (e l'obbligazionario?).
Le chiedo insomma un paziente riordino,nei confronti del richiedente, in merito a queste correlazioni. Leggi la risposta...
Mi pare di capire, da quello che ho letto nei suoi interventi in questi giorni/settimane che il ribasso dei mercati azionari sta andando "contro" diverse indicazioni che lascerebbero supporre l'esatto contrario. Faccio qualche esempio: ho letto che dovrebbe praticamente partire una fase di bear market del dollaro e questo "dovrebbe" favorire un rafforzamento dei mercati azionari; ho letto, stamattina, che "dovrebbe" partire anche una fase di bear market dello yen e, come conferma l'articolo pubblicato poco fa su SmarTrading, essendo lo yen inversamente correlato con i mercati azionari, dovrebbe favorire questi ultimi. La divergenza tra indice Cesi e andamento del mercato più altre due o tre decorrelazioni che adesso mi sfuggono ma che sono sicuro ha presentato nelle passate settimane... Va bene che il mercato (i prezzi) ha sempre ragione ma possibile che così, da un giorno all'altro, inizi un devastante bear market, senza che ci sia neanche la possibilità di riavvicinare i massimi annuali? Che il dollaro e lo yen cadano e che con loro cadano anche i mercati azionari? Leggi la risposta...
Potrebbe aggiornarci circa la distribuzione segnalata a suo tempo da Last Hour Indicator? Leggi la risposta...
Mi può dire quale attività finanziaria è decorrelata rispetto all'azionario? Cosa ne pensa in termini di decorrelazione per AUD, CAD e YEN? O altre valute ancora che lei mi può segnalare!! Leggi la risposta...
Visto che ha più volte parlato di Facebook al probabile termine della sua discesa, perché non fare un articolo per RIMM, ormai chiamata "Crackberry"? Leggi la risposta...
A riguardo del famigerato Hindenburg Omen ci sono novità? Leggi la risposta...
Leggendo il RG di stamane si è presi dal solito sconforto (solito... perché ci siamo trovati troppo spesso in questa situazione!! come le ricordava anche un altro abbonato): CHE FARE? Lei ci ha tenuti investiti fino ad ora e poi prospetta che i minimi (però) non sono ancora stati toccati ... che al massimo ci sarà un rimbalzo... che ufficialmente non siamo ancora in bear market ... che però posizioni come quelle di Banca Intesa è meglio liquidarle.. e la lista potrebbe continuare....
Giovedì scriveva (e lo stesso concetto lo ha ribadito sabato su Borsa&Finanza) "una reazione che non si concretizzasse in tempi brevi porterebbe ... alla negazione del segnale rialzista .. originatosi a marzo 2009". Bene: vogliamo sapere sotto quale soglia è da ritenersi abbattutto quel supporto strutturale!? Mi spiego: chiusure sotto 1.350 ? ! 1.340 !? Sia più chiaro e soprattutto induca a una decisione... inutile intervenire quando i buoi sono già usciti dal recinto ... (e troppo spesso ci siamo trovati in questa situazione in questi anni!). Leggi la risposta...
Un mese fa segnalava grazie un incrocio delle medie mobili una tendenza long dell'Euro sul USD di lungo periodo, dopo il ripiegamento dell'Euro avvenuto nel frattempo dobbiamo rimanere ancora positivi? Sull'Oro circa un mese fa segnalava in via di formazione un segnale di vendita, conviene rimanere investiti o vendere? Leggi la risposta...
A questo punto mi resta il dubbio su cosa puntare lo sguardo e, se non sono eccessivamente sfacciato, su quale nome e cognome (intendo prodotto) poter investire con una quantità di ansia quanta più bassa possibile. Leggi la risposta...
Osservando i mercati dal mese di settembre mi sto facendo un'idea di quello che potremmo avere dinnanzi sino alla prima parte del nuovo anno. Vorrei condividere con lei queste riflessioni al fine di avere un suo eventuale commento a riguardo.
Sebbene non si possa dichiarare in alcun modo come "girato" al ribasso ( ancora sopra i minimi dello scorso giugno), il mercato americano sta visibilmente perdendo forza e la differente profondità della correzione (quasi doppia) rispetto all'Europa sembra ora privilegiare un afflusso di capitali verso quest'ultima, visto anche la buona tenuta dell'euro nonostante il differenziale a due anni che dovrebbe credo deprimerlo un poco di più.
Certamente gli attuali problemi in America, e la paura di nuove tasse, possono giustificare quello che appare dai grafici.
Se, come crede anche lei, nelle prossime sedute si dovesse registrare una certa tenuta degli attuali valori o poco sotto, (visto anche l'ipervenduto su Nasdaq) e un prossimo rimbalzo (magari non tanto lineare come ci si aspetterebbe all'interno di una finestra stagionale positiva come quella attuale, ma di tipo complesso!!) allora il grosso quesito che verrebbe da proposti potrebbe essere rivolto al fatto che gli indici possano arrivare a formare nuovi massimi oppure no.
Proprio questa gamba rialzista, questo ipotetico ma ad oggi ancora non escluso rally di Natale, avrebbe come possibile conseguenza quella di porre le possibili basi di una prossima fase correttiva all'inizio del nuovo anno??.
Ovvero se questo movimento positivo non arrivasse a formare nuovi massimi ma fallisse in questo, e credo proprio che indici come quello tecnologico, come lo stesso titolo della Apple, possano avere ora seri problemi a ripristinare la loro tendenza confermando nuovi massimi, allora il fallire in questo non potrebbe presentare nei grafici tutte quelle classiche figura di testa e spalle che vedono tutti quanti e che nascono proprio dal possibile fallimento nella formazione di un nuovo massimo superiore al precedente?
Forse anche pensando all'economia in generale con le attese per l'anno che viene che non sono certo rosee e le problematiche tra America che magari sposta la soluzione del fiscal cliff a primavera, l'Europa che non vede per ora la Spagna richiedere gli aiuti e togliere una certa incertezza latente sulle sue sorti, o l'Italia che si appresterà al voto in aprile? Forse una certa volatilità nei primi mesi dell?anno sembra proprio che potremmo aspettarcela..
Quando detto trova qualche riscontro anche nella sua view dei prossimi 3-6 mesi??
La ringrazio in anticipo per i sempre preziosi contributi. Leggi la risposta...