Questa sezione contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica.

Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto Giornaliero. Attenzione: l'accesso alle risposte è riservato ai soli utenti abbonati al Rapporto Giornaliero.

Volevo sapere se lo sfondamento di quota 1,30 del dollaro sarà una cosa temporanea oppure ci rimarrà per diverso tempo.
Per eventuali investimenti in dollari e ora il momento di passare a qualcosa con il cambio coperto?
Potrebbe dare la sua visione di breve-medio periodo circa l'evoluzione del dollaro rispetto all'Euro? Leggi la risposta...
Osservo con un pizzico di compiacimento il crollo del petrolio. Ho apprezzato l'analisi che ha postato nel suo outlook di metà anno a proposito del soffitto toccato dal crude oil. Mi chiedo se può mostrare a che punto è la fase di rientro da quotazioni che erano veramente fuori di testa. Certo che è strano, tre mesi fa gli analisti facevano a gara a chi sparava i target più alti, mentre adesso nessuno si azzarda a prevedere target più bassi delle quotazioni attuali. Vorrà dire qualcosa? Leggi la risposta...
Ho molto apprezzato ieri l'indicazione sull' Etf ultrashort sui finanziari americani SKF.A ( + 15% nella seduta di ieri).
E' possibile avere una tabella con indicati gli etf da lei preferiti sia short che long per ogni mercato/settore? In un momento come questo sarebbe veramente uno strumento quanto mai utile per poter sfruttare le eventuali occasioni di mercato senza incorrere nei pericoli di uno stock picking errato. Leggi la risposta...
Dopo il crollo annunciato e visibile dal rapporto put/call per gli istituzionali superiore al 1,90 mi chiedo la veridicità di questo ribasso che secondo varie faccie dell'analisi tecnica vedono in ottobre il minimo definitivo a 750-770 di sp500.
Io personalmente visto il chiaro segnale di inversione a maggio mi aspettavo nella peggiore delle ipotesi l'area 1050-1080.......visto il trend di lungo periodo, che ha evidenziato anche lei nei suoi rapportini.
Ora i 770 sono il 50% dai massimi e rispecchiano dei trend storici che sono all'esame dai + noti analisti sul panorama americano.
Mi chiedo se non sia possibile uno schema che veda un rialzo del 61,8 a 1250 circa dai 770 dell sp500....fino a dicembre, poi nuovo affondo a 1050 a marzo 2009 e poi su a nuovi massimi per dicembre 2009-marzo 2010. Anche perché la posizione del vix non ha precedenza (ieri nuovo massimo, per non parlare del livello della liquidità e la deviazione standard a momenti non mi sta più nelle bande dell'oscillazione storiche del programma di analisi tecnica. Penso che potrebbe essere utile fare delle ipotesi (3 alternative) sull'evoluzione. Per finire mi chiedo se le quotazioni non riflettano l'andamento 1973-1974 e cosa successe dopo? Leggi la risposta...
Nel rapporto giornaliero del 14 ottobre Lei ha mostrato un'elegante analisi sull'oro in cui dice che il rally sviluppatosi dal min. di settembre è un movimento di raccordo tra la prima gamba di ribasso e una seconda fase discendente che dovrebbe terminare in primavera, idealmente a 640/650 dollari. Volevo chiederle in proposito se questa seconda gamba di ribasso che parte dal culmine del movimento di raccordo a-b-c, dovrebbe svilupparsi in teoria come la prima, cioè sempre in cinque onde e se, data la velocità con cui l'oro sta scendendo, non sia possibile raggiungere l'obiettivo prospettato ben prima della primavera del prossimo anno. Leggi la risposta...
Alla luce dell'analisi fatta stamattina sul ndx, ci dovremmo aspettare una onda 4 a partire dai primi di novembre, ma poi un'ulteriore onda 5 nei primi mesi dell'anno. Questo significa che avremo mercati ancora negativi nel 2009. in base a questa struttura si puo' quantificare il punto d'arrivo e anche il tempo di arrivo? Come movivento siamo in analogia a quello di ottobre 2002 marzo 2003? Leggi la risposta...
Vorrei fare con lei alcune considerazioni sullo stato dell'arte e quindi avere alcuni scenari probabili per il futuro.
Siamo arrivati ad un punto molto confuso e, se ce ne fosse bisogno, molto difficile ed incerto. Da una parte ci sono sirene che si lanciano in previsioni di rialzi più o meno stratosferici entro qualche mese e ci sono le solite cassandre che continuano a dipingere la fine del mondo.
Le autorità monetarie e politiche, più o meno tutte e come sempre in notevole ritardo, si sono accorte della recessione, delle difficoltà bancarie e invece di lavorare in silenzio lanciano, quasi quotidianamente, allarmi su possibili fallimenti bancari in Europa e nel mondo, sulla gravità senza precedenti della recessione creando così quel panico che potrebbe davvero portare ad una corsa agli sportelli e ai fallimenti bancari annunciati (e sembrano pure contenti che gli allarmi poi si realizzino).

A fronte di questo notevole allarmismo (in parte giustificato, per carità) c'è una situazione reale in chiaro scuro:
- l'andamento degli utili aziendali a livello globale non sta andando poi cosi male;
- la liquidità nel mondo è a livelli elevati e pronta, eventualmente, a indirizzarsi in borsa e\o direttamente nelle imprese (vedi esempio i fondi libici in Unicredito ma anche i fondi degli Emirati Arabi che si stanno guardando attorno, come evidenziato ierisera dalla trasmissione di Ballarò);
- le autorita monetarie e politiche hanno messo in campo misure che da tutti sono giudicate un buon punto di partenza per stabilizzare la situazione, seppure certamente in tempi non brevissimi;
- un paese come la Cina sta rallentando ma in modo abbastanza ordinato (mi pare crescita trimestrale 9% dal 10 del trimestre precedente) e questo era auspicato da tutti e comunque i paesi emergenti sono messi mediamente meglio rispetto al passato;
- petrolio e materie prime in calo (anche se questo denuncia recessione pesante, è vero), quindi pressioni inflazionistiche in calo;
- tassi ufficiali e interbancari visti ancora in calo;
- borse non sopravvalutate (non so se è un bene o un male che anche il sempre pessimista Minter abbia giudicato il mercato adegiatamente valutato,anche se poi non ho letto l'articolo);

Tra le cose non positive naturalmente ci sono:
- una recessione che potrebbe essere veramente molto pesante;
- una incertezza relativa a quanto di questa recessione è già scontata dalle quotazioni azionarie;
- quanto gli utili futuri saranno colpiti dalla fase più dura della recessione;
- quanto i paesi emergenti riusciranno a reggere nel caso di una recessione duratura (vedi Russia e Corea del sud);
Sicuramente dimentico tante cose negative e positive.

A questo punto mi domando quale può essere il futuro: ancora un calo importante per le borse, per i bond e quant'altro, dato che la crisi si tradurrà in una crisi di fiducia sistemica che non salva più nulla e nessuno (perchè questa crisi è diversa dalle altre) o una certa stabilizzazione nel breve e poi con difficoltà nel lungo una crescita?
Non so se sbaglio ma se le borse raggiungeranno quei livelli da lei indicati nel RG (esempio se non erro 750 di S&P500 entro fine ottobre) tanto vale puntare pesantemente sulle azioni, non penso che obbligazioni corporate o titoli di stato possano sopravvivere a ulteriori cali disastrosi.

Poi una domanda: sono il primo che non crede ai complotti nel caso delle borse e dell'economia, ma in questo caso con la vicinanza delle elezioni americane, con la silenziosa opera di acquisto che sicuramente qualcuno sta facendo (fondi arabi, cinesi o altro, Buffet anche se non lo fa in silenzio!) ci può essere un'interesse a creare paura per raggiungere scopi politici o economici? Leggi la risposta...
Alcuni giorni fa le ho chiesto un consiglio sul cambio dollaro euro che ho in portafoglio a 1,43 dove lei mi ha consigliato di vendere non prima di 1,27
viste le ultime evoluzioni è sempre di questa idea oppure si può aspettare ancora più in basso?
inoltre le vorrei chiedere un consiglio su caterpillar sul quale sono entrato short a 38,80 la vede una buona entrata?
l'ultimissima domanda visto che i prossimi giorni dovrebbero essere brutti per i mercati vede qualche titolo in America dove si potrebbe provare un entrata short? Leggi la risposta...
Vorrei tornare su questi due mercati per capire che prospettive hanno nel medio termine...non ho disinvestito essendo il mio un invstimento in pac...ma non mi sarei mai aspettato un tracollo del genere.... Ci sono delle possibilità di un recupeo nel medio termine o sono da preferire altri mercati?? Leggi la risposta...
Sono ancora ottimista e per questo Le chiedo è possibile la formazione del doppio minimo sugli indici più importanti?
Se no perché? Altrimenti, quando dice, probabilmente, scendiamo sino a fine mese, i suoi target sono i minimi del 2003? ad es. 766 p. circa sull'S&P 500? Leggi la risposta...