Mi permetto una semplice osservazione in merito all'argomento PAC.
Lo strumento non può prescindere dal periodo borsistico osservato, perchè nel caso considerato sul periodo di otto anni, 5 sono stati di rialzo, quindi con l'acquisto marginale di un minor numero di quote, mentre ci sono "solo" tre anni di investimenti al ribasso, dei quali l'ultimo molto violento, che ha trascinato il montante in negativo, senza lasciare il tempo al prezzo medio di carico di scendere in proporzione (circa 6 mesi/acquisti ma nel frattempo il mercato è sceso di oltre il 20%).
Credo che nessun strumento o metodo sia buono in assoluto ma vada adattato ad esigenze e tempistiche.
Il PAC forse è più adatto ad una fase ribassista prolungata iniziale 2- 3 anni e poi un rialzo finale; in un mercato direzionale al rialzo è senza dubbio meglio l'investimento in 2- 3 momenti piuttosto che in via continuativa.
Cosa ne pensa?

Abbonati o Accedi per consultare questa sezione