Sulla base dell'analisi tecnica e degli andamenti del CESI si starebbe concretizzando il previsto ridimensionamento del mercato italiano, in primis del FMIB 40. In effetti l'indice principale si è ridimensionato rispetto ai max toccati a fine marzo.

Sto però osservando come molti titoli di media e piccola capitalizzazione si stiano comportando in modo differente: seguono il ribasso e poi, sulla fine della seduta o il giorno successivo, recuperano.
Alcuni esempi: Piaggio, Interpump, Isagro. Ma ne potrei citare diversi altri che, dopo aver fatto un ottimo mese di marzo, stazionano su livelli non distanti dai massimi

Questo "afflusso di denaro" sulle medie e medio-piccole cap è attribuibile, dal mio punto di vista e da quanto riportano i media di settore, al successo che stanno avendo i collocamenti dei PIR.

Sembra quindi esserci quasi un "Compratore di ultima istanza" che si muove con opportunità avendo denaro che affluisce giornalmente e che va investito con le regole stringenti di questi prodotti.

Questo potrebbe far cambiare il corso ipotizzato dell'All Share e, in parte anche del FMIB?

Abbonati o Accedi per consultare questa sezione