Oggi è uscito il dato dell’inflazione europea, e togliendo la componente energia siamo sui massimi degli ultimi 6 anni se non sbaglio.
Stavo vedendo i tassi a breve in europa e in effetti ho notato una cosa molto interessante, sul settimanale il tasso 2 anni tedesco sta flirtando con la media mobile semplice 200 periodi e in prossimità di quella esponenziale.
Anche se il discorso lo abbiamo già tirato fuori varie volte, io le chiedo, se l’inflazione davvero comincia a camminare e l’economia a marciare perché mai un target di 20% (come descritto nella mail di risposta di oggi) dovrebbe essere assurdo.
Oggi siamo in presenza di un mercato sui massimi con banche e energetici sui minimi, cosa direi molto strana, quante casistiche troviamo nella storia con questo comportamento?
Ieri è uscita una ricerca che ha avuto un’enorme risalto nel settore, ricerca che parlava della crisi delle banche e del fatto che dovrebbero tagliare i costi anche della carta igenica per il bagno, ma come lei ci insegna questa tipologia di articoli dovrebbero essere viste in ottica contrarian giusto?
Se effettivamente l’inflazione salisse seriamente è probabile che la BCE a sorpresa dovrà aumentare “almeno” i tassi di deposito, ma che reazione avrebbero le banche a questo shockante epilogo?
Come sempre la ringrazio e le rinnovo gli ormai usuali complimenti per il lavoro svolto.

Abbonati o Accedi per consultare questa sezione