Ho appena letto la sua risposta al lettore sul massimo di novembre.
La stessa fa il paio con quanto scritto stamani sul rg e con quanto sta scrivendo da qualche giorno un po’ ovunque: ossia non c’è da aspettarsi “tanto di più” da qui a fine anno e all’inizio del 2020 addirittura ci si aspetta che i mercati facciano prendere “un bello spavento” agli investitori (come se ce ne fosse bisogno…).
Quello che però mi domando è: visto che molti indici europei sono lì per lì per rompere dei massimi pluriennali, con resistenze importanti già abbondantemente superate, come vede lei la situazione su questi indici? Pensa che possano far bene a dicembre, oppure che vengano respinti dalle rispettive resistenze, creando la percezione di un triplo massimo?
Come dice lei: la posta in gioco è alta…!

Abbonati o Accedi per consultare questa sezione