Le confesso che quotidianamente leggo sempre con maggiore attenzione, per non dire con maggiore ansia, dell'andamento dei listini intorno alle note soglie, così estremamente importanti dal punto di vista tecnico.
Mi è veramente difficile accettare una dicotomia così incredibile tra quello che sta succedendo dal punto di vista economico e a quanto ancora ci sia da stabilire al riguardo - perché nulla è ancora scritto su tutta questa storia - e l'andamento baldanzoso e quasi scriteriato di alcuni listini azionari che sembrano dar per scontato tutto ciò che ancora avverrà come se la "nuttata" del grande Eduardo fosse già passata da un pezzo.
Ma è veramente possibile che superare un certo valore sia equivalente a dire tutto è passato, e a pensare che poi autoalimentandosi, i listini vado avanti a oltranza nonostante tutto?
Inoltre, questo è un pensiero che ho avuto spesso a partire dai primi di marzo, sembra che tutto ciò che è avvenuto non abbia molto rispettato le "regole" e le aspettative storiche, come invece è capitato in passato. A questo punto che cosa ci darebbe la certezza che da ora in poi si ritorni a rispettare queste stesse regole?
In ultimo, oggi che direbbe il modello di asset a proposito di azionario?

Abbonati o Accedi per consultare questa sezione