1) Vista l'ultima fiammata del future BTP, mi saprebbe dire la sua previsione in merito e se ci sono ancora margini per un possibile acquisto?

2) Una semplice considerazione... Ma ha ancora senso comprare BTP se rendono solo lo 0,15 in più di un decennale americano? Alla faccia del carry trade, ma secondo me qualcosa inizia a girare storto.

3) Salve dott. Evangelista, in più di un'occasione Lei ha evidenziato come un rendimento sul nostro decennale al 3% sia da ritenere un'anomalia non sostenibile. Quindi a maggior ragione penso lo sia ora che siamo ben sotto questa soglia. L'impressione (mia) in proposito è che la BCE sia diventata l'unico vero driver dei mercati, sia azionari che obbligazionari. Tutti gli altri fattori che potrebbero o dovrebbero influenzarne i corsi sembrano al momento ininfluenti. Il punto di domanda comunque non riguarda tanto il fatto di assistere a eventi eccezionali quanto la sostenibilità degli stessi, anche quando questi sono determinati da attori di primissimo piano come sono appunto le banche centrali. Sul rendimento in oggetto sinceramente non me la sento di assecondare la tendenza in atto. L' intento è semmai quello di cercare un buon punto di ingresso per uno short sui nostri titoli di stato. Volevo dunque chiederle se è stimabile un'area di approdo del ribasso in atto sul rendimento del nostro decennale (oppure un livello di resistenza sul future), tale da giustificare un intervento di segno contrario con un rischio accettabile.

Abbonati o Accedi per consultare questa sezione