Nel capitolo in oggetto dell'Outlook semestrale Lei ha parlato della caratteristica dei bear market secolari precedenti, sottolineando come il punto 5 non abbia mai oltrepassato (in negativo) il punto 3 precedente.
Si attende pertanto un comportamento "simile" nei prossimi anni.

Tuttavia, ho notato che il periodo da punto 4 al punto 5 dei precedenti bear market è sempre stato caratterizzato da iperinflazione (seconda guerra mondiale e fine anni 70).

Ora mi chiedo:
- non è possibile che il minimo non sia stato infranto a causa del maggior valore nominale delle azioni?
- non è possibile un interpretazione alternativa secondo cui dal punto 2 (massimo di periodo) i movimenti successivi siano stati di tre onde (3,4,5), ma che a causa del lungo arco temporale e dell'inflazione l'onda C non sia riuscita ad abbattere il minimo precedente?
- se l'interpretazione fosse valida e visto che lei stesso non crede in una soluzione inflazionistica al problema del debito, non crede che il minimo del 2009 potrebbe essere abbattuto?

Oggettivamente mi rendo conto che una soluzione del genere sarebbe catastrofista e che i segnali di medio e lungo periodo che possiamo osservare sembrano invece molto più bullish che bearish, non ultimo la disamina dei ritorni sui prossimi 10 anni.

Tuttavia mi sembra come se da qualche parte ci sia qualcosa che "non quadra". Lei cosa ne pensa?

Abbonati o Accedi per consultare questa sezione